La stampa 3D in Ghana

La stampa 3D in Ghana può essere considerata in transizione dalla fase iniziale allo stadio intermedio di sviluppo. Questo è in confronto con altri paesi attivi come il Sudafrica o il Kenya . Nonostante il lento sviluppo, il paese dell’Africa occidentale ha apportato innovazioni uniche e interessanti all’ecosistema della stampa 3D.


Quando si guarda al panorama della stampa 3D in Ghana, la storia più straordinaria è rappresentata dagli studenti universitari che hanno costruito una stampante 3D da rifiuti elettronici. Gli studenti identificati come Klaks 3D impiegarono due settimane per costruire una stampante 3D utilizzando rifiuti elettronici per la maggior parte dei componenti. L’innovazione era intesa a migliorare le basi di insegnamento e apprendimento nelle scuole, in particolare nella stampa 3D. Da un punto di vista africano, questo è incoraggiante e motivante e anche da una visione del mondo ambientale, questa potrebbe essere una fonte d’ispirazione. Gli studenti si avvicinano molto bene con il principio di zero rifiuti: fai una stampante da rifiuti e stampa oggetti a zero rifiuti.
Un altro sviluppo interessante dal panorama della stampa 3D in Ghana è la costruzione di un droneda parte di studenti di un’università privata. Gli studenti dell’università di Ashesi hanno costruito il drone usando parti stampate in 3D e in realtà hanno pubblicato un video sulla loro bacheca di Facebook che mostra il suo volo . Il drone è ancora più un prototipo, ma è più che sufficiente per democratizzare ulteriormente la tecnologia dei droni. Non è noto per quanto tempo ci sono voluti gli studenti per costruire il drone, ma almeno è un inizio molto positivo.


Uno sviluppo molto recente che vale la pena menzionare è la partnership tra Tech Era (premiata tecnologia non profit con sede in Ghana) e Dextra (società sociale e società di ingegneria con sede in Canada) per la creazione di uno spazio assistivo per la tecnologianell’università di Ashesi. Lo scopo di questo sviluppo è quello di creare e sviluppare materiali didattici e di apprendimento per studenti con disabilità. Utilizzando la stampa 3D, gli studenti che lavorano nell’Ashesi D-lab progettano e sviluppano materiali didattici per le tecnologie assistive per i bambini con disabilità. Questo è uno sviluppo promettente per i bambini con disabilità in quanto saranno in grado di partecipare ai programmi relativi allo STEM e utilizzare le tecnologie assistive in futuro. Si può solo immaginare la gioia e il sollievo che una tale iniziativa porterà sia ai genitori che ai loro figli con disabilità. Il pensiero di sviluppare materiali di apprendimento in modo tale che siano attrezzati per essere in grado di partecipare all’economia è più che una benedizione se si volesse mettere in quella direzione. Questa iniziativa del Ghana dovrebbe sicuramente diffondersi nel resto del continente.

Il Ghana sta ancora percorrendo il cammino utilizzando la tecnologia di stampa 3D e con gli sviluppi sopra citati che stanno arrivando. Anche il paese dell’Africa occidentale è in una fase di crescita positiva e quindi un approccio basato sul mercato funzionerebbe per il Ghana considerando il tipo di sviluppo che desidera perseguire con la tecnologia di stampa 3D. La consegna di prodotti e servizi a mercati sfavoriti e immeritati è molto importante e necessaria per la crescita economica e il miglioramento del tenore di vita. Il finanziamento e la mobilitazione delle risorse possono essere importanti per il Ghana nel perseguimento dell’applicazione della stampa 3D. La giovane generazione ha un grande interesse ed è entusiasta dell’entusiasmo di fornire soluzioni. Questa è una condizione molto salutare per la stampa 3D e una comunità innovativa emergerà man mano che la tecnologia si sviluppa.

Be the first to comment on "La stampa 3D in Ghana"

Leave a comment