La stampa 3d in Cina

Determinare una causa definitiva delle disgrazie economiche di alcune aziende negli spazi hardware e maker open source potrebbe rivelarsi difficile. Tuttavia, c’era un fattore che sembrava avere un impatto evidente sul settore della stampa 3D desktop: un’ondata di stampanti 3D a basso costo dall’estero, in particolare dalla Cina.

A partire dal 2011 o 2012, i cloni di stampanti 3D open source, in particolare MakerBot Replicator, hanno iniziato ad apparire sul mercato statunitense. In alcuni casi, le macchine erano di qualità inferiore rispetto agli originali e, in altri, funzionavano alla pari o meglio. Nella maggior parte dei casi, erano meno costosi. Tra i primi marchi di copioni c’erano Wanhao e FlashForge, che vendevano rispettivamente le repliche Duplicator e Creator.

In un primo momento, potrebbe sembrare che queste aziende cinesi fossero solo nel settore della stampa 3D per ottenere un rapido profitto sfruttando i progetti open source. In parte, tale scetticismo probabilmente derivava dai diversi atteggiamenti nei confronti della proprietà intellettuale, che ha portato alla cosiddetta “pirateria” della tecnologia occidentale (ma spesso fabbricata in Asia).

Tuttavia, nel corso del tempo, abbiamo appreso che alcuni di questi marchi stavano seguendo lo stesso spirito creativo delle loro controparti occidentali. Come scrive il vice direttore generale Frank Hua sulla pagina Chi siamo di Wanhao , “Diversi coinquilini hanno usato tutti [i] dei loro soldi in tasca e hanno comprato un Thing-O-Matic da Makerbot. Questa preziosa macchina straordinaria ha portato a questi studenti universitari un grande entusiasmo [per la stampa 3D] e ha aiutato [ed] questi amici a perseguire il loro sogno. Il 1 ottobre, WANHAO [replicò] il Thing-O-Matic e lo chiamò DUPLICATOR ONE. Questa stampante 3D Made in China di prima generazione ha combinato la maggior parte dei vantaggi di RepRap e Makerbot e ha aggiornato [d] l’estrusore in uno [non-block]. “

Mentre l’aspetto open source di una varietà di modelli cinesi è stato talvolta messo in discussione , un certo numero di aziende ha continuato a innovare e migliorare i propri copioni di base. Oggi Wanhao ha una vasta gamma di stampanti 3D, tra cui SLA, DLP e FFF. I prodotti FlashForge sono stati accolti così bene che la multinazionale ingegneristica tedesca Bosch ha iniziato a vendere la propria versione di FlashForge Creator Pro con il suo marchio di utensili elettrici Dremel.

A partire dal 2017, la Cina aveva il maggior numero di spazi produttori al mondo, grazie all’iniziativa del governo Made in China 2025 . Il programma, lanciato nel 2015, mira a spostare l’attenzione del paese dalla produzione di beni a basso costo per il resto del mondo alla progettazione e realizzazione di prodotti e servizi ad alta tecnologia per la popolazione domestica. In alcuni casi , ciò ha portato a fiorenti laboratori di innovazione, mentre in altri il risultato è stato la creazione di sale vuote senza attrezzature di fabbricazione.

Xue Yujie al Sixth Tone sostiene che la stagnazione del movimento dei produttori in Cina è in parte dovuta alla pressione del governo per i produttori di spingere startup e brevetti. Adafruit sottolinea che risultati simili possono verificarsi con le società di capitali di rischio in altre parti del mondo quando troppi soldi vengono riversati in un progetto e l’attenzione è rivolta alla crescita forzata, piuttosto che alla crescita organica.

Un articolo in The Long + Short , tuttavia, inquadra il concetto di “fare”, nel senso della parola spazio, in qualche modo diverso. Gli autori descrivono nel dettaglio la città cinese di Shenzen, la città di pescatori un tempo silenziosa che ora produce circa il 90 percento dell’elettronica mondiale, compresi i beni piratati. Mentre la parola “shanzhai” un tempo si riferiva a merci contraffatte, gli autori suggeriscono che ora rappresenta l’apice della produzione aperta.

Con i mercati all’aperto che vendono di tutto, dagli scarti ( “bobine di resistori, borse di schede PCB, pulsanti del volume dell’iPhone per il secchio” ) ai prodotti completi ( “stampanti 3D, droni di tutte le dimensioni e falsi orologi Apple con funzionalità bonus come front- di fronte alle telecamere ” ), la città è costantemente” in costruzione “. Questi prodotti non sono solo prodotti fabbricati in serie per il resto del mondo, ma anche “prodotti di nicchia, spesso culturalmente specifici, che nessuna grande azienda si preoccupa”.

Gli autori sottolineano l’hoverboard come un esempio dell’innovazione shanzhai in quanto lo scooter auto-bilanciante non aveva un singolo inventore ma è stato creato in modo collaborativo online e attraverso reti di produzione informali. Una volta che è diventato popolare, oltre 1.000 fabbriche hanno iniziato a produrre l’oggetto senza preoccuparsi del marchio.

È stato lo stesso ecosistema aperto che potrebbe aver contribuito alla trasformazione del settore della stampa 3D desktop e al movimento dei produttori. Gli autori di Long + Short evidenziano anche la rapidità con cui lo sviluppo del prodotto può avvenire a Shenzhen, dove i componenti necessari per un prototipo possono essere trovati “sul mercato dietro l’angolo, o più probabilmente ordinati secondo le specifiche esatte non appena lo desideri … Costruisci il tuo prototipo, vai alla catena di montaggio per espellerne 10.000, metterli sul mercato, vedere cosa vende ”.

La stampa 3D, in generale, è lanciata come uno strumento per accelerare il ciclo di progettazione, ma, nel caso di un grande produttore a contratto, possedere i mezzi di produzione stessa accelera l’intero processo di produzione molto di più. Situato appena al largo della costa continentale cinese nell’isola di Taiwan, New Kinpo Group supervisiona la realizzazione di prodotti di marca come stampanti HP e Dyson Vacuums, nonché la propria linea di prodotti.

Al CES 2014, il colosso manifatturiero ha presentato la sua prima stampante 3D desktop, la da Vinci 1.0 , con il suo nuovo marchio di stampa 3D, XYZprinting. Con un prezzo di $ 499, il sistema era tra i meno costosi sul mercato al momento. Mentre le scorte delle principali aziende di stampa 3D come 3D Systems e Stratasys hanno iniziato a crollare, la linea di stampanti di XYZ ha iniziato a esplodere, compresi i sistemi SLA e DLP a basso costo, nonché le stampanti 3D FFF con cartellini dei prezzi a partire da $ 169.

Proprio come nel caso dei produttori di elettronica di Shenzhen, New Kinpo Group è in grado di passare rapidamente dall’iterazione del design alla produzione. La varietà di sistemi venduti da XYZprinting ai nostri giorni è estremamente ampia, incluse molte varianti sullo stesso modello (con wi-fi o senza; con schermo LCD o senza; con scanner 3D all-in-one, incisore laser e full-color testina di stampa a getto d’inchiostro o senza). L’azienda è costantemente in grado di mostrare nuove tecnologie, come le stampanti 3D per alimenti, con le quali può testare la prontezza del mercato e quindi decidere se rilasciarle o meno.

Sulla base di un rapporto, ad un certo punto, XYZprinting vantava più vendite di stampanti rispetto a qualsiasi altra azienda sul mercato, probabilmente travolgendo la concorrenza. Di conseguenza, altri produttori potrebbero non essere stati in grado di tenere il passo. Brook Drumm, ad esempio, ha osservato in un’intervista post-Printrbot che “le stampanti cinesi economiche, e Amazon.com le vende, e gli americani che scelgono di acquistarle – tutto ha contribuito in modo significativo alla fine di Printrbot”.

Dopo la bolla del 2014, l’industria della stampa 3D ha iniziato a sperimentare una maggiore crescita nel segmento industriale con il settore dei consumatori che sembra entrare in declino. Con quella dinamica in cantiere, da allora XYZ ha deciso di spostare l’attenzione anche sulle stampanti industriali e professionali. Tutto ciò ha giocato nella percezione di questo autore che forse il movimento del creatore aveva iniziato a scomparire.

Tuttavia, sulla base delle comunicazioni con un certo numero di eminenti membri di tale movimento, che vanno dai luminari RepRap come Richard “RichRap” Horne agli ex dirigenti della Silicon Valley come Carl Bass, non è morto, ma solo trasformato.

Be the first to comment on "La stampa 3d in Cina"

Leave a comment