La Stampa 3D e le stazioni di ricarica elettrica EV

L’uso di veicoli elettrici (EV) è aumentato negli ultimi anni grazie  all’introduzione di nuove tecnologie e prodotti. Circa 17.800  stazioni di servizio contengono stazioni di ricarica elettrica, che rappresentano solo il 15% delle stazioni di rifornimento all’interno degli Stati Uniti.

Con l’aumento del numero di veicoli elettrici su strade, anche la costruzione di infrastrutture pubbliche, come le stazioni di ricarica EV, deve aumentare. L’integrazione di parti stampate in 3D presso le stazioni di ricarica EV può fornire un’alternativa più veloce e meno costosa alla costruzione di stazioni di ricarica.

Stazioni di ricarica EV

Uno dei motivi per cui le persone potrebbero essere titubanti nell’acquistare veicoli elettrici è dovuto alla mancanza di stazioni di ricarica disponibili quando si percorrono lunghe distanze. Alcune aziende, come BP Ventures, Royal Dutch Shell e Tesla, sono a conoscenza di questo problema e si rendono conto della necessità di mettere a disposizione più stazioni EV.

BP ha recentemente investito   5 milioni di dollari nelle stazioni mobili di ricarica rapida EV di FreeWire Technologies per fornire un metodo semplice ed efficiente di ricarica delle auto. Shell ha acquistato NewMotion, che sviluppa stazioni di ricarica per veicoli elettrici, per soddisfare le attuali e future richieste di ricarica per i veicoli elettrici. Shell crede che sia possibile per le auto elettriche costituiranno il 25% delle auto globali circolanti nel 2040. Infine, Tesla attualmente gestisce circa 1.255 stazioni Supercharger che contengono un totale di 9.955 Supercharger. La società prevede di installare più compressori nei prossimi anni con un gran numero di stazioni situate in Nord America.

Portacavi stampati in 3D

A volte i proprietari di veicoli elettrici non sono sicuri di dove posizionare una spina quando non la usano  per caricare un veicolo.  L’implementazione di  supporti stampati in 3d   può liberare spazio  e prevenire eventuali ostacoli. Il supporto è stato progettato per essere appeso a una parete e contiene un’apertura ad angolo per posizionare facilmente il ricaricatore

Un altro portacavi stampato in 3D unico è stato progettato da un proprietario di EV, Joel Clemens, per creare un metodo più semplice per caricare le auto di notte. Una stampante 3D MakerGear Prusa Mendal è stata utilizzata per stampare il supporto con materiale acrilonitrile butadiene stirene (ABS) da 1,75 mm. Il portacavo bagliore del buio stampato in 3D è stato progettato per contenere un connettore J1772 che viene normalmente utilizzato nelle case e nelle aree di ricarica pubbliche. Alcuni vantaggi di questo componente stampato in 3D sono che fornisce un’unità facilmente identificabile al buio e protegge la spina dall’esposizione a sporco, polvere o insetti. Clemens sta inoltre sviluppando i prodotti splitter / estensione microEVSE e j1772 per assistere nella ricarica EV.

Conclusione

Il futuro per l’industria EV sembra promettente in quanto le persone si rendono conto dei vantaggi derivanti dall’utilizzo di auto elettriche. La crescita potenziale dei veicoli elettrici inciderà sulla crescente necessità di stazioni di ricarica per veicoli elettrici in tutto il paese. Le aziende e i progettisti che creano e sviluppano componenti stampati 3D per stazioni EV possono ottenere il credito fiscale R & S federale.

Be the first to comment on "La Stampa 3D e le stazioni di ricarica elettrica EV"

Leave a comment