La stampa 3d e le malattie cardiache congenite

Ricerche recenti suggeriscono che il campo medico della cardiologia è uno che potrebbe presto vedere un notevole impulso dall’implementazione della stampa 3D. La tecnologia sta già emergendo come un nuovo modo promettente per i cardiologi di trattare i pazienti con cardiopatia congenita (CHD), e dovrebbe continuare ad avere un impatto, secondo un documento di revisione pubblicato oggi sulla rivista dell’American College of Cardiology,  JACC: Basic to Translational Science . Il documento era intitolato “Stampa 3D è una tecnologia trasformativa nelle cardiopatie congenite” ed ha come co-autore di Shafkat Anwar, Gautam K. Singh, Jacob Miller, Monica Sharma, Peter Manning, Joseph J. Billadello, Pirooz Eghtesady e Pamela K . Woodard.

Per ogni 1.000 persone nate, circa 9 di loro sono suscettibili di sviluppare CHD in una forma o nell’altra, ad un certo punto della vita. Le scoperte mediche hanno fatto in modo che il tasso di sopravvivenza e di recupero per questi individui sia già relativamente alto e ancora in aumento anche per i casi più complessi. Tuttavia, questi pazienti sono ancora suscettibili di affrontare molti altri ostacoli e problemi di salute tra cui il rischio di morbilità a lungo termine, reintervento, durata del ricovero in ospedale, esiti dello sviluppo neurologico e altro ancora.

C’è ancora molta strada da fare, quindi, per il trattamento di CHD, e la stampa 3D potrebbe avere un ruolo importante da svolgere nei suoi progressi futuri. La tecnologia ha già influenzato decine di altri campi medici specialistici in modi trasformativi e spesso rivoluzionari. Abbiamo visto che le protesi spinale stampate in 3D sono diventate sempre più comuni in ortopedia, oltre a protesi stampate in 3D e guide chirurgiche stampate in 3D per migliorare il successo delle procedure rischiose. Il campo in espansione della bio-stampa 3D , nel frattempo, ha un enorme potenziale per la rigenerazione dei tessuti, la guarigione delle ferite e persino lo sviluppo di organi sostitutivi in ​​futuro.

Secondo Shafkat Anwar, MD, cardiologo pediatrico della Washington University di St. Louis, Facoltà di Medicina, “Ottenere i migliori risultati richiede un impatto a più livelli, inclusi pazienti e operatori sanitari, singoli medici, team medico e sistema sanitario. una tecnologia dirompente che ha un impatto su ciascuna di queste aree chiave in CHD … La stampa 3D è in rapida evoluzione in medicina, con miglioramenti tecnici in stampanti e software che alimentano nuove ed entusiasmanti applicazioni nella cura del paziente, innovazione e ricerca “.

L’uso di guide chirurgiche stampate in 3D è forse l’area di crescita più promettente per la cardiologia. Modelli cardiovascolari stampati in 3D, basati su scansioni TC o altri tipi di immagini 3D, sono in grado di imitare l’esatta struttura del sistema cardiovascolare di un paziente e questo è utile per i chirurghi nel processo di pianificazione di un’operazione. I tempi operativi potrebbero essere significativamente ridotti, così come le possibilità di complicazioni. Queste guide sono anche utili per scopi comunicativi, facilitando le discussioni tra specialisti e contribuendo a fornire ai pazienti e ai caregivers una migliore comprensione del processo patologico, dei rischi, dei benefici e delle alternative.

In termini di istruzione, l’uso della tecnologia di stampa 3D può portare a un passaggio educativo da un modello di apprendistato a un metodo di apprendimento basato su simulatore, che aumenterebbe la formazione di mentoring tradizionale. L’uso di modelli stampati in 3D nel CHD può ridurre la curva di apprendimento per i tirocinanti cardiaci in tre modi cruciali. Potrebbero aiutarli a comprendere le complesse strutture cardiovascolari, fornendo esperienze di simulazione ad alta fedeltà e consentendo una maggiore esposizione a casi rari.

Be the first to comment on "La stampa 3d e le malattie cardiache congenite"

Leave a comment