La stampa 3D e la moda punto della situazione

Eliminare le barriere che incorporano la stampa 3D nell’educazione alla moda
 

La stampa 3D sta facendo sempre più strada nel mondo della moda . Che si tratti di passerelle, collezioni da indossare o entrambe le cose, la stampa 3D sta comparendo in una varietà di lavori dei designer. Quanto è importante la stampa 3D per l’industria della moda, comunque? La tecnologia cambierà veramente il design della moda su un livello significativo o è solo una novità periferica? In un documento intitolato ” Integrazione della modellazione e stampa tridimensionale nel curriculum della moda: opportunità e sfide “, Nicole Eckerson e Li Zhao dell’Università del Missouri discutono se la stampa 3D debba essere integrata nel curriculum del design della moda, così come le barriere adozione della stampa 3D nella moda.
Sebbene la stampa 3D non abbia ancora raggiunto i segmenti mainstream e mid-market, sottolineano gli autori, la tecnologia sta iniziando a “gocciolare” nei domini del lusso, degli accessori e dei produttori. La stampa 3D è stata riconosciuta come una delle principali influenze nel lavoro di designer e ingegneri nell’ultimo decennio, ma nel mondo della moda, gli educatori si trovano ad affrontare una mancanza di tempo, risorse e conoscenze per insegnare la tecnologia agli studenti.

“L’integrazione della tecnologia 3DP nei curricula è ancora agli inizi e richiede uno sviluppo più pedagogico nelle discipline dell’istruzione superiore e della moda”, affermano gli autori.

Gli autori hanno utilizzato una ricerca qualitativa nel loro studio, conducendo interviste semi-strutturate all’industria della stampa 3D e ai professionisti accademici. Otto esperti del settore e professionisti accademici sono stati reclutati in totale.

“Il focus delle interviste ha esaminato la loro conoscenza e applicazione della tecnologia 3DP allo scopo di integrarsi nel curriculum di progettazione”, proseguono gli autori. “Una volta completata la raccolta dei dati, sono stati sintetizzati i principali temi e sono state formulate raccomandazioni per lo sviluppo del curriculum”.

Tre temi principali sono emersi dai dati dell’intervista. Il primo è che l’utilizzo della tecnologia di stampa 3D ha un valore aggiunto significativo. Uno dei più alti valori aggiunti è l’espressione, che consente ai designer di dimostrare la loro competenza attraverso design unici. Gli autori sottolineano anche la compatibilità ambientale della stampa 3D, in quanto molti dei suoi materiali sono riciclabili e / o riutilizzabili. Il secondo tema era che la stampa 3D è diventata un metodo efficiente per la produzione, il flusso di lavoro e lo scambio di informazioni, e il terzo è che l’uso della tecnologia di stampa 3D offre l’opportunità di personalizzazione e possibilità di progettazione illimitate.
“Sebbene 3DP non sia una soluzione magica per la progettazione del prodotto, questa tecnologia può avere un impatto positivo lungo tutta la catena di fornitura”, affermano gli autori. “L’uso della tecnologia 3DP aiuta a coinvolgere gli studenti in processi di pensiero non tradizionali e costringe gli studenti a migliorare le loro abilità di visualizzazione 3D rispetto al tradizionale metodo bidimensionale insegnato. Spingendo gli studenti di design a pensare in modo creativo su forma, volume, spazio, materiali, assemblaggio, approccio alla progettazione e migliori pratiche. “

Gli ostacoli più significativi per l’integrazione del design di stampa 3D nel curriculum di moda includono la mancanza di tempo, risorse, risorse finanziarie e conoscenze e abilità degli educatori. Una barriera per gli studenti è l’accessibilità e l’esposizione. La sfida è che gli educatori trovino il modo di addestrare i loro studenti alla progettazione 3D e alla tecnologia di stampa. I partecipanti allo studio hanno convenuto che gli educatori devono iniziare con basi di base e che gli studenti devono essere esposti alla modellazione 3D, alle stampanti 3D e a una varietà di materiali.

“Tutte le parti concordano che la tecnologia 3DP può aiutare a creare un’opportunità per un ambiente collaborativo per migliorare l’apprendimento degli studenti, l’impegno, il flusso di lavoro, lo scambio di informazioni e lo sviluppo di un linguaggio comune condiviso con gli altri”, concludono gli autori. “I partecipanti allo studio concordano sul fatto che lo specifico software di modellazione 3D, la stampante e gli artefatti realizzati sono meno significativi nel processo di integrazione rispetto a fornire l’opportunità di esposizione, applicazione, pensiero critico e risoluzione dei problemi”.

Be the first to comment on "La stampa 3D e la moda punto della situazione"

Leave a comment