La Stampa 3d e il potenziale dirompente che potrebbe devastare le economie di produzione come le conosciamo

Come la stampa 3D potrebbe mettere in difficoltà le economie di produzione in Asia

Dalle merci al dettaglio per impianti medici, al cibo, la tecnologia di stampa 3D promette di cambiare il nostro modo di pensare le cose di tutti i giorni. E ‘difficile prevedere quale impatto avrà sulla produzione, ma, qualunque siano gli effetti precisi, saranno  profondi e permanenti.

Conosciuta anche come “produzione additiva”, la stampa 3D si riferisce a processi in cui un oggetto viene messo insieme dalla stratificazione dei materiali sotto comandi programmati. Gli oggetti possono essere di qualsiasi forma o geometria e sono prodotti a partire da dati di modelli digitali o altre fonti di dati elettronici, come un file di Fabbricazione Additiva.

L’avvento della stampa 3D apre la strada ai produttori per una riduzione significativa del costo di produzione delle loro merci eliminando molte fasi del processo di fabbricazione, come la fusione e la saldatura metallica. Si riduce anche il processo di produzione completo a non più di tre o quattro player chiave.

Con la stampa 3D, una serie di fasi di produzione potrebbero  essere ridotte a un designer da una parte, e la stampante o “produttore” dall’altra. I player in mezzo sarebbero molto probabilmente fornitori di materie prime o di “inchiostro”.

Tali riduzioni nel processo di produzione potrebbero influenzare entrambe le reti di produzione regionale e internazionale, probabilmente con conseguente riduzione dei requisiti di capitale, magazzinaggio e altri aspetti logistici come le esigenze di trasporto. Questo cambiamento di sistemi di produzione potrebbe potenzialmente alterare l’idea stessa di sicurezza economica delle nazioni.

Si pensi, ad esempio, allo sviluppo accuratamente previsto dei paesi in difficoltà con i  piani per la creazione di occupazione e gli investimenti in logistica e magazzino, indipendentemente dal livello di sviluppo economico. Cosa potrebbe accadere alle reti globali di produzione in una tecnologia così influente?
La stampa 3D ha il potenziale per creare un nuovo sistema di produzione che potrebbe scatenare una forza dirompente che il mondo non ha più vissuto dopo la rivoluzione industriale. Questa perturbazione potrebbe trasformare la catena di fornitura globale e i processi produttivi esistenti – perfezionati in  più di 100 anni , con la catena di montaggio di Ford in testa.

La linea di assemblaggio Ford centrata sull’idea di economia di scala. Si presuppone che se si produce un gran numero di prodotti, ogni unità aggiuntiva prodotta sarà meno costosa da produrre.

La specializzazione della catena di montaggio richiede solo i lavoratori poco qualificati, a cui  facilmente si può insegnare i semplici passaggi ripetitivi. Le parti standardizzate e il montaggio più efficiente hanno drasticamente ridotto il costo di produzione e ha permesso l’assunzione di molti lavoratori . Con più lavoro sicuro e redditi costanti assicurati, la gente poteva permettersi i prodotti che stavano aiutando a costruire a causa del loro basso costo e facile reperibilità.

Tutto questo ha portato ad una crescita dei consumi, e allo rapido sviluppo economico di produzione guidato, insieme con le reti di supply chain, sparsi in tutto il mondo dopo la seconda guerra mondiale. Mettendo radici prima in Giappone, poi Hong Kong, Corea del Sud, Taiwan e Singapore, questa tendenza globale ha anche trasformato la nazione più popolosa al mondo, la Cina, negli ultimi 30 anni.

E ‘molto probabile che la prova del successo di produzione di questi  paesi abbia motivato iniziative come quella del 2014 del governo indiano “Make in India”. Lo sforzo è parte di un programma più ampio per trasformare l’India in un hub globale di progettazione e produzione.

Dopo l’inizio del programma, l’India è emersa la prima destinazione mondiale per gli investimenti diretti esteri (IDE), con 63 miliardi di dollari di investimentii esteri e superando sia gli Stati Uniti che la Cina. L’iniziativa si fonda sul fatto che gli IDE nel settore manifatturiero creeranno posti di lavoro per le masse. Ma la tecnologia di produzione 3D rappresenta una grave minaccia per questo sforzo e altri simili.

L’unicità della stampa 3D sta nel fatto che esso riduce la complessità. Parti e componenti, fasi di assemblaggio e i costi possono essere significativamente ridotti. Il pioniere della catena di montaggio in sé, la Ford Motor Company ora utilizza la stampa 3D per produrre e assemblare prototipi. Secondo un  tecnico esperto in stampa 3d della Ford , questi prototipi possono essere pronti per i test in meno di una settimana, in calo dalle otto alle 16 settimane e costano solo poche migliaia di dollari , invece dei 100.000 dollari del sistema ortodosso.

Inoltre , la stampa 3D fornisce il potenziale per nuove possibilità di design che possono essere modificati o a seconda delle preferenze, anche all’ultimo minuto. Idee su azioni e sulla logistica si evolveranno, le aziende potrebbero benissimo espedire i disegni nel futuro, invece dei prodotti. Questi disegni possono essere stampati o “prodotti” da parte dell’utente finale nel luogo di loro scelta.

Questo promette requisiti patrimoniali ridotti per l’infrastruttura fisica che considerano i servizi di stampa 3D potrebbero funzionare altrettanto bene nei piccoli spazi, piuttosto che occupare grandi aree come i settori produttivi tradizionali. La necessità di magazzinaggio e del trasporto, comprese le spedizioni transfrontaliere, potrebbero  anche essere ridotte.

E ‘in questo modo che la stampa 3D potrebbe sfidare le economie di scala nel settore manifatturiero e accorciare le reti di supply chain globali, da più siti di produzione a una rete che è costituita da fornitori di materiali per la stampa 3D ei produttori finali o in prossimità della finale utente.

Potrebbe diventare il precursore del movimento dalla produzione di massa di determinati beni a un’economia più su misura, in cui prodotti di massa di tutti i giorni sono creati con le specifiche made-to-order. Questo porterà alla produzione di molte varianti di un prodotto ma in quantità ridotta.

Un tale scenario non sarebbe statico. Attualmente, la stampa 3D sembra adattarsi perfettamente nella produzione di alta qualità combinata col basso volume. Ma nel corso del tempo, la produzione di massa potrebbe essere interrotta da questa tecnologia.

Grandi cambiamenti in vista

L’implicazione diretta di questa tecnologia è una vasta perturbazione nelle catene di fornitura globali con posti di lavoro nel settore manifatturiero, logistica e magazzino che potrebbero essere colpiti in molti paesi. Insieme a questi, il trasporto merci e la configurazione dei porti potrebbe anche essere trasformati a causa dei cambiamenti di economie di scala nell’economia .

Con uno tsunami tecnologico drastico nel paesaggio di produzione, le politiche del territorio localizzate potrebbero dover essere rivalutate. Da un lato, la stampa 3D potrebbe potenzialmente eliminare molti impianti di assemblaggio di grandi dimensioni. D’altra parte, molte piccole e medie imprese potrebbero servirsi dei servizi di stampa 3D, per la produzione di prodotti su misura.

Avrebbe  quindi ancora un senso  mantenere il divario esistente tra le zone industriali e le zone non industriali? I paesi che hanno stanziati ingenti risorse nello sviluppo delle zone industriali, con l’intento di attirare impianti di produzione per creare posti di lavoro, dovranno ri-concettualizzare i futuri impianti di produzione.

E tali cambiamenti possono motivare una revisione di iniziative quali Make in  India, anche con il record IDE in corso. Dati questi rapidi cambiamenti tecnologici, questa particolare iniziativa potrebbe non necessariamente tradursi in una maggiore creazione di posti di lavoro, pur essendo a pochi anni di distanza da una “economia stampata”.

Anche la fabbrica del mondo, la Cina, non sarà risparmiata dai colpi di questa nuova ondata. Con l’avvento della tecnologia di stampa 3D, il modello di industrializzazione della Cina sud-occidentale richiederebbe più di un semplice costo di competitività o delle eccellenti infrastrutture che il paese ha creato sulla sua costa orientale nel corso degli ultimi 30 anni.

Un’altra iniziativa attuale che ha  probabilità di essere colpita è l’ASEAN Blueprint Comunità economica 2025. Il suo obiettivo principale per la regione è di diventare un’economia altamente integrata e coesa, migliorando la partecipazione regionale in reti di supply chain globali. Ma, ancora una volta, il perseguimento di catene di approvvigionamento globali nel settore manifatturiero deve essere criticamente riesaminato.

La stampa 3D potrebbe richiedere la trasformazione al di là del settore manifatturiero. Essa interesserà direttamente l’urbanistica e la politica di utilizzo del territorio; il mare e lo sviluppo del trasporto aereo per le merci; e forse, ancora più importante, la creazione di posti di lavoro per le masse nei paesi in via di sviluppo come un percorso di mobilità verso l’alto.

Tutti questi potenziali sconvolgimenti ci pongono la domanda fondamentale – abbiamo bisogno di ricalibrare le nostre aspirazioni economiche alla luce di tale tecnologia influente?

Autore Christopher H Lim Senior Fellow in Scienza, Tecnologia ed Economia presso lo RSIS, della Nanyang Technological University

Be the first to comment on "La Stampa 3d e il potenziale dirompente che potrebbe devastare le economie di produzione come le conosciamo"

Leave a comment