La stampa 3D è abbastanza accurata per le prove forensi ?

Quanto è accurata la stampa 3D per ricostruire le prove forensi?
Più di un crimine , compresi omicidi multipli , è stato risolto con l’aiuto della stampa 3D, poiché la tecnologia può aiutare a ricreare prove forensi . Ma in un nuovo studio dal titolo ” Una ricerca preliminare sull’accuratezza della modellazione 3D e della stampa 3D nella ricostruzione delle testimonianze di antropologia forense “, un team di ricercatori esamina l’impatto della stampa 3D e della modellazione 3D nella risoluzione dei casi.

I ricercatori affermano che le prove stampate in 3D sono state utili in diversi scenari giudiziari. Le repliche di ossa stampate in 3D possono essere più efficaci delle fotografie nel mostrare la natura delle lesioni alle vittime, ma mentre ci sono un po ‘di prove circostanziali che dimostrano che questo è il caso, c’è ancora una mancanza di evidenza empirica pubblicata. Questo studio mira a cambiare questo.

“I metodi digitali sono diventati sempre più popolari e sono stati usati al posto delle fotografie tradizionali per dimostrare le prove in tribunale per un certo numero di anni”, sottolineano i ricercatori. “Si può sostenere che sia le fotografie che i modelli virtuali 3D potrebbero non fornire sempre rappresentazioni accurate del loro soggetto originale. Innanzitutto, i soggetti possono essere distorti tramite la luce o l’angolo utilizzati in una fotografia o in un rendering virtuale; in secondo luogo, quando si presenta un oggetto 3D come un osso come un’immagine 2D, sia come fotografia che come modello virtuale, la profondità e le informazioni spaziali vengono immediatamente perse; e in terzo luogo, i modelli 3D virtuali sono stereoscopici, il che significa che danno solo l’illusione della profondità. Un nuovo modo per affrontare questi problemi è stata l’introduzione di repliche stampate in 3D: un oggetto fisico 3D che ha caratteristiche di profondità, tattili e spaziali. ”

Per lo studio, i ricercatori hanno preso in prestito campioni archeologici di ossa umane dallo University College di Londra:  un cranio, una clavicola e un primo metatarso. Le ossa sono state scansionate e quindi stampate in 3D utilizzando sei diverse stampanti 3D commerciali: una Ultimaker 2, una RS Pro, una EOS P1, una Objet500 Connex 3, una Form 2 e una Makerbot 2. Sono state effettuate misurazioni osteometriche delle ossa e del 3D repliche stampate di cinque studenti di dottorato in archeologia e antropologia forense.

“I risultati di questo studio hanno trovato una buona affidabilità intraosservatore e indicano una buona precisione”, affermano i ricercatori. “I dati hanno portato a differenze medie che vanno da -0,4 a 1,2 mm (-0,4% al 12,0%) per i dati del modello virtuale e da -0,2 a 1,2 mm (-0,2% al 9,9%) per i dati di stampa 3D.”
Nel complesso, i modelli virtuali e le repliche stampate in 3D erano estremamente accurati per i campioni di origine. Il modello del cranio ha mostrato la più inaccurata, probabilmente a causa della sua complessità e della grande superficie curva. Tre conclusioni principali sono state raggiunte dallo studio:

È possibile produrre accurate repliche stampate in 3D da elementi scheletrici acquisiti mediante TC
Ogni stampante testata produceva repliche con differenze medie entro ± 1,2 mm
SLS era il tipo di stampante più meticolosamente accurato utilizzato e produceva stampe che erano le più esteticamente vere del campione originale
Le raccomandazioni includono l’utilizzo della più alta risoluzione di scansione CT possibile, utilizzando un filtro di ricostruzione CT alta / dura, applicando un grado appropriato di levigazione della superficie e utilizzando una stampante 3D che non richiede strutture di supporto. I ricercatori concludono che i campioni forensi stampati in 3D sono davvero un metodo valido per fornire prove in tribunale.

“Ulteriore lavoro esplorerà le funzionalità della stampante 3D per la stampa di campioni di casi forensi che mostrano traumi e dettagli fini, e in modo cruciale un’indagine sperimentale sull’impatto probatorio dell’utilizzo di tecniche 3D per la dimostrazione di prove”, affermano i ricercatori. “Le questioni che riguardano la validità e l’affidabilità delle repliche stampate e il loro valore probatorio devono essere affrontate con urgenza, per evitare una mancanza di trasparenza nell’interpretazione valutativa e il rischio di prove fuorvianti che creano sentenze non sicure”.
Gli autori del documento includono Rachael M. Carew, Ruth M. Morgan e Carolyn Rando.

Be the first to comment on "La stampa 3D è abbastanza accurata per le prove forensi ?"

Leave a comment