La stampa 3d contro l’obesità infantile

Potrebbe la stampa 3D contribuire alla lotta contro l’obesità infantile?

I bimbi non giocano più intensamente e fisicamente per 60 minuti al giorno come una volta e questo  contribuisce alla epidemia di obesità infantile secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità cosa che potrebbe mettere a dura prova la loro salute nel corso della vita.

I ricercatori della Applied Sports, Technology, Exercise and Medicine (STEM) Research Center della  Swansea University  credono che la stampa 3D possa fornire la soluzione.

Modelli semplici che illustrino i livelli di attività di un bambino , la frequenza cardiaca e il tempo che trascorrono in giro li potrebbe guidare verso un futuro più sano e soprattutto più felice. Questa è la teoria, in ogni caso. Televisione, videogiochi e internet sono in gran parte da biasimare per uno stile di vita sempre più sedentario, con i bambini lche stanno  fino a otto ore al giorno  seduti davanti allo schermo.

C’è una ricchezza di informazioni per  gli adulti, applicazioni per smartphone, pedometri e altra tecnologia indossabile per fornire una ricchezza di dati che registrano il consumo di calorie durante un allenamento o nel corso della giornata. Ma questi sono concetti complessi da capire per dei bambini.

Così l’impegno dei Games Lab di Melbourne partono da un’idea semplice, produrre stampe 3D di frequenza cardiaca di un bambino durante l’esercizio fisico. Improvvisamente i bambini erano in grado di vedere come l’intensità del loro esercizio influenzino la loro frequenza cardiaca. E’ un piccolo seme di idea che potrebbe solo crescere e crescere.

Il bambino indossa un semplice monitor di attività fisica intorno alla vita mentre gioca studia o dorme e quindi  carica  i dati alla fine della giornata. Un’applicazione interpreta i dati in una varietà di modi e quindi crea un modello 3D stampabile che il bambino può riguardare e toccare.

Stampa che può avere molte forme, da un cuore a una stella elaborata con le punte che rappresentano diversi aspetti del  loro allenamento.
Dà il bambino qualcosa che possono tenere in mano. Si tratta di un display semplice e di un punto di riferimento che possono utilizzare per migliorare. Una serie di modelli con graduali miglioramenti nella loro forma fisica, resistenza e tempo che trascorrono in attività sportive anche per motivarli.

La tecnologia ha  gran parte della colpa per il problema dell’obesità infantile che minaccia di trasformarsi in un grave problema di salute per il mondo in generale. Numerosi studi hanno sostenuto che l’80% dei bambini obesi lo rimarrà per tutta la loro vita adulta. Questo può contribuire a tutti i tipi di problemi di salute, tra cui malattie cardiache, diabete e cancro. Le autorità sanitarie di tutto il mondo hanno dichiarato guerra all’obesità e tutti sanno che devono di instillare buone abitudini nei  bambini e promuovere una vita sana fin dalla più giovane età.

Quindi è bello vedere che la tecnologia moderna è in grado di svolgere un ruolo nella soluzione del problema che ha contribuito a creare. I grafici fisici sono solo un modo in cui  possiamo coinvolgere e ispirare i bambini ad essere più sportivi.

Pokemon Go, Movimento Maze, Zombies, Run! E Ibitz hanno portato i giochi elettronici nel mondo dell’esercizio fisico, anche se il primo è stato sicuramente Wii Fit.

Il Fit per i bambini non era l’obiettivo finale per giochi come Pokemon Go, ma il risultato finale è lo stesso. Rewards, bonus e punti semplici hanno svegliato l’interesse dei ragazzi verso il mondo esterno e e per farlo devono muoversi.

Ma anche così, molti bambini semplicemente non afferrano  il concetto di attività fisica intensa e c’è un mondo di differenza tra una tranquilla passeggiata e un intenso allenamento. Così le linee guida ufficiali che raccomandano i livelli di esercizio fisico possono essere prive di significato per un bambino.

Questa semplice innovazione della Swansea University, potrebbe davvero essere l’anello mancante di cui hanno bisogno per monitorare e migliorare i loro livelli di fitness.

Be the first to comment on "La stampa 3d contro l’obesità infantile"

Leave a comment