La stampa 3D alimenterà la nuova corsa allo spazio

Considerando che l’ultima corsa allo spazio era alimentata dall’ideologia e intendeva dichiarare la superiorità di un sistema economico sull’altro; questo è alimentato dalla stampa 3D e metterà le aziende l’una contro l’altra per ricchezze indicibili. Le opportunità per le reti satellitari, la colonizzazione planetaria, la produzione nello spazio, l’estrazione mineraria e il turismo spaziale sembrano incredibili. Incredibilmente ottimista, soprattutto.

Personalmente, l’esplorazione dello spazio e il viaggio mi sembrano fantastici. I modelli di business e la redditività a lungo termine di queste attività sembrano tuttavia deboli. Sì, le opportunità sono enormi, ma se guardiamo agli investimenti nello spazio, in genere provengono da società di comunicazione attraverso la televisione via Internet e le comunicazioni telefoniche, progetti scientifici come ISS e difesa. Con le stesse compagnie spaziali che si avventurano nelle reti satellitari, sembra probabile che ci saranno alcune alleanze integrate satellitari, tv, cinematografiche e musicali che vinceranno alla grande, e molti perdenti. La scienza sembra essere minacciata nel nostro mondo moderno, quindi non vedo grandi progetti simili alla ISS iniziare ora a meno che non siano progetti di prestigio realizzati dalla Cina. Ciò lascia l’ottimismo degli investitori o la spesa per la difesa a sostegno della nuova corsa allo spazio. Se guardiamo agli investimenti nello spazio, lanciare veicoli, lanciare incarichi e infrastrutture, quindi la corsa allo spazio inizia davvero a sembrare un business di difesa con l’occasionale turista spaziale sorridente. Se l’ottimismo degli investitori è disponibile a lungo termine, ciò potrebbe rendere la nuova corsa allo spazio una realtà. Escludendo questo, la maggior parte del denaro sembra provenire dalla comunità della difesa, in particolare parti del governo degli Stati Uniti come NRO e DOD.

Il dimostratore del piano spaziale riutilizzabile di Boeing, l’X37, potrebbe funzionare come un satellite riutilizzabile. Questo sarebbe un male per i draghi.

Sotto la corsa allo spazio PR con Virgin e SpaceX, c’è il fantino per satelliti temporanei e nuovi tipi di satelliti utilizzabili, sistemi spaziali offensivi e forse anche sistemi in grado di distruggere o colpire bersagli terrestri. Allo stesso tempo, il rischio di spazzatura spaziale e la costante necessità di sostituire i sistemi satellitari aumentano la domanda di lanci, veicoli e programmi. Un altro modo per descrivere l’attuale corsa allo spazio è il desiderio del più ampio istituto di difesa statunitense di diversificare la propria base di fornitori da poche aziende selezionate a molte altre. Elon non è al posto di guida. Alcuni comitati alla NRO lo sono. Piuttosto che un universo di opportunità in continua espansione, quindi, vedo l’attuale corsa allo spazio come un’attività di difesa. Questo tipo di attività dipende spesso da iniziative governative e grandi piani (Star Wars, la Luna in dieci anni, Consapevolezza totale delle informazioni). Le strategie di spesa pubblica e gli appalti confonderanno ulteriormente le acque. Con gli Stati Uniti che hanno mostrato maggiori decisioni arbitrarie negli ultimi anni, questo potrebbe essere un percorso pieno di difficoltà. Anche attualmente altri paesi sono un po ‘protagonisti nel finanziamento di nuove iniziative spaziali, quindi questa è una gara con meno concorrenti di quanto avrebbe potuto.

Se vediamo che il governo degli Stati Uniti sta gettando le basi per la New Space Race, tutto ha più senso. I laboratori Sandia e ORNL commercializzano le tecnologie di stampa 3D da molti anni. Molte iniziative di Deposizione Energetica Diretta, Rivestimento Laser, iniziative EBM hanno ottenuto enormi miglioramenti dal programma shuttle. Sotto il radar, molti miliardi sono andati a finanziare materiali, processi, macchine e tecnologie per una gara di spionaggio satellitare che è stata un po ‘una sfida da solista con le corse statunitensi per battere il suo meglio personale. Lo spazio per gli Stati Uniti non riguardava mai Tang o le operazioni fotografiche, ma un vero sforzo per dominare le alture finali, l’area intorno al nostro pianeta. Il NRO ha un budget di, il ha un budget di. Queste agenzie di cui non hai mai sentito parlare sono i principali architetti dell’attuale corsa allo spazio.

Un sistema EBM su larga scala alla NASA .

Nel mezzo tra loro e l’informazione e la tecnologia disponibili al pubblico si trova la NASA. La NASA ha lavorato instancabilmente per portare EBM alla produzione nello spazio per anni. Molti test e programmi della NASA hanno elaborato i nodi tecnologici della stampa 3D nello spazio. Molta attenzione è rivolta alla sfida dell’habitat MARS, ma la NASA ha fatto molto di più . Attualmente sta contribuendo allo sviluppo di bioprinting , stampa di circuiti, riciclaggio di materie plastiche, stampa di metalli, stampa di polimeri, stampa di motori a razzo , nuovi metalli di stampa 3D, stampa 3D magnetica, stampa di componenti spaziali su larga scala nello spazio e molto altro. Se una singola organizzazione è responsabile dell’attuale corsa allo spazio stampato in 3D, allora è la NASA.

Importanti lavori della NASA sul baby bantam e altri sistemi di propulsione a razzo diffondono la conoscenza dei vantaggi della stampa 3D per i veicoli spaziali, specialmente nella propulsione. La NASA ha dimostrato che la riduzione del conteggio delle parti funziona attraverso la stampa 3D. La NASA ci ha mostrato che è possibile ottenere un notevole risparmio di peso attraverso le unità di propulsione stampate in metallo 3D. La NASA ci ha anche mostrato come sviluppare sistemi di propulsione stampati in 3D a costi più bassi e più velocemente attraverso la stampa 3D.

Un test della camera di combustione stampato in NASA e Virgin Orbit in 3D.

Grazie alla condivisione da parte della NASA delle loro conoscenze e scoperte, è diventato noto al pubblico nella comunità spaziale che la stampa 3D è stata la migliore tecnologia per produrre nuovi motori a razzo. Con la stampa 3D, è possibile dimezzare i tempi di sviluppo e allo stesso tempo ridurre i costi del 40% o più. Con lo stesso processo e la stessa tecnologia, è possibile quindi ridurre il conteggio delle parti. In alcuni casi, potresti passare da 80 parti a 3. Ciò riduce i costi di stampi e utensili e significa che hai meno parti da conservare e continuare a fare mentre vai avanti. Lo stesso sviluppo ti consente di iterare più rapidamente. Sulla base dei test ora è possibile creare più parti e provare più parti e farlo più rapidamente. Allo stesso tempo, puoi anche risparmiare peso, il che è estremamente importante nell’esplorazione dello spazio.

Attraverso la condivisione dei dati, la NASA ha individuato una nuova generazione di società spaziali nella stampa 3D. Nella propulsione, tutti i principali attori utilizzano la stampa 3D in metallo per creare e alimentare la prossima generazione di veicoli spaziali. I sistemi di propulsione stampati in 3D sono meno costosi, più rapidi da realizzare e più leggeri dei precedenti sistemi di propulsione. Attraverso più iterazioni e risparmio di peso, sarà la stampa 3D che alimenterà la nuova corsa allo spazio e spingerà ulteriormente l’umanità per pochi eletti.

Be the first to comment on "La stampa 3D alimenterà la nuova corsa allo spazio"

Leave a comment