La stampa 3d aiuta una bimba non vedente Layla a imparare la matematica

Un papà grazie alla stampa 3D  insegna la matematica a sua figlia non vedente.
Layla e la sua stampante 3d la RoboLa tecnologia di stampa 3D si sta costruendo una solida reputazione come un ottimo strumento per aiutare le persone disabili e affette da patologie insolite: una famiglia da San Diego dimostra che non dobbiamo dimenticare i non vedenti. Una delle figlie di Jason e   Dori Walker, Layla, è cieca, ma sta usando degli oggetti stampati in 3d per assicurarsi che non resti indietro a scuola.
Come  Jason spiega in un breve documentario, lui e sua moglie stanno crescendo una famiglia  con i cinque figli, di cui tre sono stati adottati. ‘Quando  ci siamo sposati, abbiamo avuto due figli ma ne abbiamo perso un terzo. Abbiamo deciso a quel punto per l’adozione. Mia moglie ha trovato questi ragazzi in un video sull’ Huffington Post. Erano tre figli, di tredici, dieci e sette anno. E stavano cercando ” una casa per sempre” .
In questa storia c’è  già tutto per scaldare il cuore, ma purtroppo la più grande delle  tre,  Layla, è nata cieca. La ragazza, che frequenta la terza media, incontra  enormi difficoltà a causa della sua cecità. L’ Istruzione, dopo tutto, è completamente orientata verso chi ci vede e, mentre le alternative braille  fortunatamente ci sono , i concetti di basedella  matematica, invece , sono molto difficile da comprendere quando si è ciechi.

Il signor Jason , per fortuna, possied  una stampante ROBO 3D , e la ha trasformata in una macchina educativa che trasforma concetti intangibili come le frazioni  in oggetti tangibili. ‘Il Senso predominante di Layla che lei usa per vedere ed imparare il mondo è il tatto ,’ ci spiega la mamma Dori. Il primo oggetto stampato in 3d ,   è stato un autobus  poichè a Layla piacevano gli  autobus,   questa stampa tridimensionale le ha permesso di capire il concetto di trasformare i pensieri in oggetti. ‘Pensavo che mio padre l’avesse comprato al negozio. Ho chiesto un autobus e poi un paio d’ore dopo ho potuto toccarlo, ‘ci ha detto Layla sorridendo.
In seguito la stampa 3d si è dimostrata particolarmente utile per comprendere le frazioni , che gli insegnanti trovano particolarmente difficili da  spiegare ad un cieco. Poiché non c’erano alternative didattiche per non vedenti  , Jason  ha deciso di  stampare una torta e poi delle fette di torta, spiegando a Layla la differenza tra  la fetta intera la fetta  di un terzo e la fetta di un sesto . Facendo capire che in realtà più il numero ( a denominatore) cresceva  più le fette diventavano più piccole
Il breve documentario, che potete trovare qui , dimostra davvero che le stampanti 3D possono fare la differenza nella vita dei ciechi. E per fortuna, non è solo uno strumento educativo ma anche un sistema capace di stamparedei giocattoli per i bimbi. LaStampa preferita da Layla finora? ‘Mio padre mi ha stampato un pianoforte che sento fresco, mentre  le tortine hanno una struttura interessante.’

Be the first to comment on "La stampa 3d aiuta una bimba non vedente Layla a imparare la matematica"

Leave a comment