La stampa 3d aiuta anche i pompieri

Combatti incendi violenti con la stampante 3D Sinterit Lisa

A dicembre 2017, in California è iniziato un incendio che si sarebbe rivelato essere il più grande incendio spontaneo dello stato. Ha infuriato per più di sei mesi nella foresta nazionale di Los Padres, fino a quando i funzionari hanno finalmente annunciato che era stato estinto. Quel fuoco era solo l’inizio, però – negli stati aridi come la California, la stagione degli incendi inizia ufficialmente all’inizio di giugno, e quest’anno si preannuncia calda e secca, con i meteorologi che si aspettano il tipo di condizioni ideali per incendi spontanei per iniziare e diffondersi.

I vigili del fuoco devono essere il più preparati possibile per gli incendi a venire, e questo significa essere armati con le ultime tecnologie. Le attrezzature antincendio hanno fatto molta strada negli ultimi decenni, con conseguente maggiore sicurezza per i vigili del fuoco e una maggiore efficacia nella lotta agli incendi. C’è ancora molto spazio per migliorare, e la stampa 3D può avere un ruolo in questo miglioramento.

I vigili del fuoco usano spesso pompe fluttuanti, che possono essere utilizzate per pompare fino a 1000 dm3 di acqua al minuto. Queste pompe devono essere ottimizzate correlando le loro caratteristiche operative, come la pressione e l’efficienza, con il funzionamento del motore, come la potenza e la velocità del motore. Sinterit , produttore della stampante 3D desktop SLS Lisa , è stato recentemente responsabile della riprogettazione di una pompa galleggiante per ottimizzarla al meglio. Le pale del rotore sono state ridisegnate in un processo che, utilizzando tecniche di prototipazione convenzionali, avrebbe comportato otto fasi successive, compresa la documentazione 2D, la fusione e l’elaborazione.

Invece, i progettisti hanno utilizzato la stampa 3D, che ha ridotto le fasi necessarie a solo due. Il modello 3D è stato creato e quindi è stato stampato su Lisa – tutto qui. Non era necessaria alcuna lavorazione o lucidatura, e dato che i fori potevano essere disegnati direttamente nel modello, non era necessario eseguire la foratura o la maschiatura. Inoltre, la stampa 3D SLS non richiede supporti, quindi l’elemento di post-elaborazione non era necessario.

Complessivamente, la produzione delle pale del rotore è stata accelerata del 30%. Non solo la precisione della parte e la mancanza di post-elaborazione accelerano il processo, ma se la parte dovesse essere modificata, potrebbe essere facilmente eseguita nel software prima di stamparne una nuova. Grazie alle proprietà isotropiche e meccaniche della polvere SLS, la parte del prototipo era perfettamente adatta a testare in situazioni reali prima di creare la versione finale.

Il massiccio incendio in California potrebbe essere stato messo fuori combattimento, ma attualmente gli incendi stanno bruciando in Arizona, Colorado e New Mexico, grazie a una primavera insolitamente calda, un inverno con poche nevicate e l’incuria dei campeggiatori che non riescono a spegnere i loro fuochi da campo. Grandi porzioni di foreste nazionali vengono chiuse al pubblico e migliaia sono costrette ad evacuare dalle loro case. Questo è solo l’inizio di quello che assomiglia a una stagione di fuoco attiva e pericolosa in tutto l’Occidente americano. I vigili del fuoco possono utilizzare tutto l’aiuto che possono ottenere, e se si tratta di una parte prototipata più efficiente, di sensori per offrire avvertimenti precedenti o altre parti necessarie , la stampa 3D può svolgere un ruolo importante nel combattere questa battaglia in corso.

Be the first to comment on "La stampa 3d aiuta anche i pompieri"

Leave a comment