La soluzione rePowder per produrre rapidamente polvere per nuove leghe metalliche usando la sinterizzazione laser diretta in metallo (DMLS)

Con così tante leghe metalliche sul mercato oggi, il cielo dovrebbe essere il limite per gli utenti; tuttavia, i ricercatori dell’Università di Tecnologia di Varsavia ci forniscono alcune informazioni sulla stampa 3D in metallo che potrebbero essere sorprendenti per alcuni – a partire dal fatto che mentre potrebbero esserci diverse migliaia di materiali metallici disponibili oggi, circa trenta di questi sono usati nel digitale fabbricazione.

Le nuove leghe impiegano più tempo per essere prodotte, spiegano i ricercatori, a causa della quantità di lavoro necessaria per creare una materia prima adatta. Ora, gli scienziati dell’Università di Tecnologia di Varsavia hanno creato un nuovo dispositivo e una soluzione. Lavorando dalla divisione di progettazione dei materiali, i ricercatori sono stati in grado di studiare ampiamente la stampa 3D in metallo.

Il professor Wojciech Święszkowski è il capo della divisione, lavorando lì con il preside della Facoltà di scienze dei materiali e professore di ingegneria, Jarosław Mizera (supervisore del laboratorio di stampa 3D). Impegnati in uno dei metodi più popolari di stampa 3D in metallo, la sinterizzazione laser diretta in metallo (DMLS), hanno realizzato che c’erano numerosi materiali con “proprietà straordinarie”, e secondo Żrodowski, specialmente in materiali nanocristallini e amorfi.

La ricerca DMLS è in corso presso la Facoltà di Scienze e ingegneria dei materiali dal 2011 e la tecnologia non è stata solo una svolta radicale per l’innovazione e la produzione in tutto il mondo, ma anche in Polonia, dove era “completamente nuova”.

“… Il nostro primo dispositivo da laboratorio, Realizer SLM 50, è stato acquistato nell’ambito del progetto CePT”, ha affermato il dottorato di ricerca Bartłomiej Wysocki. “Abbiamo dovuto acquisire esperienza nella formazione delle generazioni successive di operatori ed esperti. Fortunatamente, si è scoperto che siamo in grado di condurre ricerche di livello mondiale, implementare innovazioni e pubblicazioni nelle migliori riviste del mondo. Da allora, abbiamo promosso dozzine di tecnologie nell’ambito di progetti strategici nazionali che abbiamo condotto in laboratorio. Il nostro lavoro si concentra principalmente sui materiali dell’impalcatura per l’ingegneria del tessuto osseo e la medicina rigenerativa “.

I ricercatori stanno concentrando il loro lavoro sulla creazione di superleghe di nichel resistenti al calore, con l’uso di una macchina EOS M100 acquistata quest’anno. Si sono resi rapidamente conto che con il DMLS possono migliorare i materiali:

“Non solo le strutture cellulari a parete sottile, ma anche la messa a punto della composizione chimica, ad esempio mediante raccolta controllata dell’ossigeno durante la stampa, consentono di ottenere materiali migliori”, afferma Bartłomiej Wysocki, PhD, supervisore della parte biomateriale del laboratorio di stampa 3D e CEO di MaterialsCare . “Fin dall’inizio dell’attività del laboratorio, abbiamo sperimentato varie leghe di titanio (inclusi Ti6Al4V e Ti6Al7Nb) e compositi a base di titanio e ceramica. Dal 2014 lavoriamo su vetri metallici, che si sono conclusi con la loro spettacolare commercializzazione vendendo la domanda di brevetto a Heraeus GmBH. ”

Il gruppo ha iniziato a sviluppare il suo nuovo concetto diversi anni fa.

“I metodi tradizionali di produzione delle polveri richiedono elevate spese in conto capitale o una procedura a più stadi per formare il materiale in un filo”, spiega Łukasz Żrodowski. “In entrambi i casi, non è stato possibile produrre rapidamente una polvere adatta alla stampa 3D su scala di laboratorio.

“Pertanto, nel 2016, ci è venuta l’idea di creare un dispositivo dal design proprio, adatto alla tecnologia e alle esigenze dei ricercatori. Grazie a questo, invece di produrre quantità industriali di materiali su grandi attrezzature industriali, aspettando settimane e pagando migliaia di dollari, gli scienziati possono ottenere esattamente tutto il materiale di cui hanno bisogno e perfezionare rapidamente le sue proprietà. Ciò migliorerà in modo significativo il lavoro di ricerca “.

Con la soluzione rePowder, gli utenti possono aspettarsi un’eccellente qualità nella potenza del metallo, indipendentemente dalla materia prima originale. Le leghe precedenti e le stampe non riuscite possono anche essere “polverizzate” e materiali riutilizzati nel sistema di ricerca e sviluppo a circuito chiuso. I ricercatori che hanno sviluppato il nuovo dispositivo e la nuova tecnologia trarranno tutti beneficio dal loro lavoro in Facoltà.

“Vogliamo che il dispositivo serva i ricercatori e promuova la nostra tecnologia”, afferma Łukasz Żrodowski, inventore del dispositivo rePowder.

Be the first to comment on "La soluzione rePowder per produrre rapidamente polvere per nuove leghe metalliche usando la sinterizzazione laser diretta in metallo (DMLS)"

Leave a comment