La società danese  di stampa 3D Printhuset e il Building on Demand (BOD) a Copenaghen che rispetta le rigide regole europee

Office-hotel in cemento stampato in 3D che arriva a Copenaghen
La società danese  di stampa 3D Printhuset ha intrapreso una nuova iniziativa nella stampa 3D vale a dire un Building on Demand (BOD) a Copenaghen. Misurando poco meno di 50 metri quadrati, il piccolo “ufficio hotel” è realizzato in calcestruzzo stampato in 3d e conta come uno dei primi edifici  stampati in 3D in Europa che risponde alle normative ufficiali.

La richiesta di 3D Printhuset parte dal presupposto che l’Europa finora non ha visto un edificio realizzato interamente in calcestruzzo stampato in 3d che soddisfi i codici rigorosi degli edifici dell’UE. Il BOD quasi completato, invece, può vantare lo status di ricevere un permesso ufficiale e seguire pienamente le norme e gli standard europei.

Come fa notare Henrik Lund-Nielson, CEO di 3D Printhuset, il BOD è un lungo progetto. “A seguito della nostra partecipazione al progetto di ricerca 3D Construction Printing finanziato dal governo danese e alla nostra ricerca e alle visite in oltre 35 progetti di costruzione 3D in tutto il mondo, abbiamo visto la necessità di dimostrare che la tecnologia di stampa 3D potrebbe essere applicata con successo nelle costruzioni, anche in Europa e nel pieno rispetto delle rigide norme di costruzione che abbiamo qui “, ha dichiarato Lund-Nielson in una dichiarazione. “L’edificio BOD che abbiamo iniziato a costruire utilizzando la stampa a terra in 3D di calcestruzzo a Copenhagen Harbor ne è prova”.

Come un progetto il cui obiettivo principale è quello di dimostrare e ispirare altri nel settore, 3D Printhuset ha intenzionalmente ignorato le specifiche tecniche del loro sistema di stampa 3D. Secondo le proprie parole, lo scopo del BOD non è quello di mostrare una soluzione di stampa 3D particolare, bensì dimostrare che la tecnologia di stampa 3D può essere usata con successo negli edifici in Europa nel rispetto delle normative comunitarie in materia di edilizia. Tuttavia, la società di stampa danese 3D ha rivelato che una stampante di tipo gantry con dimensioni esterne di 8 x 8 x 6 metri e una velocità di stampa di 2,5 metri al minuto è stata utilizzata nel progetto. Il sistema 3D di Printhuset è in grado di stampare strati di 20 millimetri, con una larghezza che può variare dai 50 ai 70 mm.

Il BOD personalizzato ha anche lo scopo di mostrare la flessibilità della stampa 3D, in alcuni casi letteralmente: l’architetto Ana Goidea ha progettato l’edificio  con pareti curve oltre ad un “effetto ripple” ispirato a delle strutture organiche. Come direttore tecnico di 3D Printhuset Jakob Jørgensen ha osservato: “Con le tecniche di costruzione tradizionali qualsiasi forma organica o non dritta è una sfida, sia tecnicamente e sia rispetto ai costi. Il BOD non contiene linee o pareti, gli unici elementi diretti sono le finestre e le porte, come con la costruzione di stampe 3D è possibile la produzione automatica di forme organiche a basso costo. “Ha aggiunto che il BOD contiene anche una fondazione stampata in 3D, oltre alle sue pareti stampate 3D.

La società riferisce che la costruzione del BOD si sta muovendo rapidamente. La fondazione di base dell’edificio è già stata stabilita, è stata eretta una tenda da costruzione e la stampante è stata installata sul posto e attualmente sta stampando la parte superiore della fondazione e delle pareti. I rappresentanti della società prevedono che la costruzione sia completata entro questo autunno.

Una cerimonia ufficiale del taglio del nastro e un evento stampa avrà luogo lunedì 11 settembre, dove anche la stampa 3D in diretta potrà essere vista in azione.

Be the first to comment on "La società danese  di stampa 3D Printhuset e il Building on Demand (BOD) a Copenaghen che rispetta le rigide regole europee"

Leave a comment