Lo Smithsonian Institution ha installato una stampante 3D a colori di Mimaki

Smithsonian Institution acquisisce una stampante 3D Mimaki a colori
Modelli tattili stampati in 3D verranno utilizzati in varie mostre museali

La Smithsonian Institution ha installato una stampante 3D a colori di Mimaki presso i suoi studi Smithsonian Exhibits (SIE) a Landover, MD. La tecnologia sarà utilizzata dallo Smithsonian per esplorare nuove pratiche espositive per i suoi vari musei e uffici.

Composto da 19 musei e gallerie espansivi, nove centri di ricerca e uno zoo, la Smithsonian Institution è il più grande complesso museale, educativo e di ricerca del mondo. Il SIE svolge un ruolo fondamentale all’interno dell’istituzione annunciata, promuovendo collaborazioni tra i vari musei e uffici Smithsonian e il governo federale. In breve, il ruolo del SIE è di aiutare a pianificare e dare vita a mostre.

Con la stampante 3D a colori 3DUJ-553 di Mimaki presso i suoi studi a Landover, il SIE sarà in grado di produrre modelli dettagliati a fini di ricerca e per programmi pubblici. Uno degli usi chiave della stampante 3D sarà la creazione di modelli tattili con cui i visitatori possono interagire nelle mostre.

Mimaki Smithsonian Institution
Modello stampato in 3D che rappresenta un virus influenzale allargato
“Siamo lieti di far parte degli sforzi della Smithsonian Institution per coinvolgere e ispirare il pubblico attraverso l’aumento e la diffusione della conoscenza”, ha commentato Josh Hope, Senior Manager dei progetti di ingegneria e stampa 3D presso Mimaki USA. “Questa stampante consentirà a Smithsonian di utilizzare le nuove tecnologie per produrre mostre in nuovi modi, in particolare per la creazione di modelli ed elementi tattili che aiutano a dare vita alle mostre per tutti i visitatori.”

Uno dei primi progetti per cui Smithsonian sta usando la stampante 3D Mimaki fa parte di Outbreak: Epidemics in a Connected World , presso il Museo Nazionale di Storia Naturale Smithsonian. Il SIE ha stampato in 3D una serie di modelli basati su virus ingranditi, come il virus dell’influenza. I modelli di virus in plastica hanno lo scopo di incoraggiare l’interattività e l’impegno pratico con i frequentatori del museo.

Con la stampante 3D installata e in uso, la Smithsonian Exhibits creerà modelli stampati 3D più tattili per varie mostre. Un’altra applicazione chiave che verrà esplorata con la stampante 3D è la creazione di elementi tattili di visualizzazione per i visitatori con disabilità visive.

Questa non è la prima volta che la Smithsonian Institution lavora con la stampa 3D; il complesso museale è interessato da tempo alla tecnologia. La scorsa primavera, ad esempio, ha pubblicato modelli digitali stampabili in 3D di un T-Rex e Triceratops per celebrare l’apertura della sua mostra Deep Time .

Be the first to comment on "Lo Smithsonian Institution ha installato una stampante 3D a colori di Mimaki"

Leave a comment