La situazione di Maker Media

The Maker Movement si disfà, Parte1: Maker Media

Per quelli di noi che sono stati attratti dal mondo della stampa 3D a causa delle possibilità apparentemente illimitate dell’hardware open source, è ovvio che qualcosa è morto. Sarebbe difficile attribuire il buco lasciato dal movimento del creatore una volta vibrante a una mancanza di zelo da parte dei suoi membri, quindi ci si chiede cosa sia successo esattamente per uccidere la rivoluzione del fai-da-te che avrebbe dovuto cambiare completamente il modo in cui viviamo le nostre vite.

Per capire in che modo è stato compiuto esattamente il movimento del produttore, indagheremo su vari giocatori coinvolti, esplorando i forum RepRap e, si spera, sentiremo alcuni di voi apprendere di eventuali macchinazioni dietro le quinte intese a sbloccare macchine open source ( se tale schema esiste oltre la mente di questo autore paranoico). Inizieremo con Maker Media.

La società è stata avviata nel 2005 con la pubblicazione di MAKE: magazine, in cui i lettori sono stati guidati attraverso alcune delle più ingegnose attività fai-da-te o DIWO (Do-It-With-Others) immaginabili. Solo un anno dopo, la prima Maker Faire è stata lanciata appena fuori San Francisco, dando a questi progetti da credere lo spazio fisico che meritavano.

Nel corso di 15 anni, Maker Media è diventato più che un marchio, ma il simbolo di una rivoluzione nel pensare e nel vivere in cui è stato possibile unirsi a una comunità e divertirsi con gli scarti e i materiali pronti all’uso. E non solo negli Stati Uniti, ma in tutto il mondo, con oltre 240 fiere Maker che si svolgono in oltre 40 paesi nel 2017.

Un cannone marshmallow alla Casa Bianca “Week of Making”

Maker Faires e Mini Maker Faires spuntano ovunque da Cina, Australia e Spagna nel Regno Unito, in Italia e in Cile. C’era anche una Maker Faire ospitata alla Casa Bianca nel 2014, con lo scopo di sottolineare il potenziale dei giovani statunitensi e una rivitalizzazione del valore manifatturiero del paese, precedentemente esternalizzato per lavoro a basso costo.

Contemporaneamente al successo della rivoluzione, la società che aveva scatenato il movimento iniziò a vacillare. Nel gennaio 2016, Maker Media ha licenziato 17 dipendenti. Nel 2019, otto lavoratori sono stati lasciati andare a marzo prima che il resto del personale fosse licenziato a giugno , a quel punto la società ha cessato l’attività.

Ciò è avvenuto nonostante il fatto che la più grande Maker Faire dell’azienda, nella Bay Area, raggiungesse i suoi obiettivi di vendita e mantenesse 125.000 abbonati pagati alla sua rivista. Tuttavia, secondo TechCrunch , “gli elevati costi di produzione nelle città costose e la proliferazione di contenuti gratuiti di progetti fai-da-te online hanno messo a dura prova Maker Media”. Gli sponsor aziendali non erano più così entusiasti, con Microsoft e Autodesk che rifiutavano di sponsorizzare l’evento Bay Area 2019.

Maker Media potrebbe essere inattivo ma non è completamente esaurito. A luglio, è stato riferito che Dougherty aveva rianimato la società usando le sue finanze personali, assumendo 15 dei 22 dipendenti licenziati e rilanciando MAKE: come un trimestre (da sei numeri all’anno a solo quattro). Continua a concedere in licenza il proprio logo agli eventi di Maker Faire.

Reborn as Make: Community , Maker Media offre ora agli abbonati l’accesso alla rivista digitale, alla directory dei membri, a una piattaforma della community e ai video esclusivi. Se la società viene completamente ripresa, gli abbonati avranno anche accesso alle directory maker e makerpace, omaggi di Maker Faire, forum di chat con personale e MC ospiti, e “una voce nella direzione e cause di Make: Community”. Make: Community is anche alla ricerca di ” Membri aziendali ” , che trarranno vantaggio da “accesso prioritario a professionisti, produttori e consumatori innovatori” nella rete della community di Make.

Perfino Dougherty sembra incerto sulla sopravvivenza del suo marchio. Ha detto a un piccolo incontro a Oakland: “Sarei felice se qualcuno volesse togliermelo dalle mani.” Quindi, a questo punto, è più che poco chiaro se Make: Community sarà in grado di continuare in avanti .

Il flatlining di Maker Media è stato solo uno dei quasi morti tra la morte di molti simboli di movimento dei maker, inclusi Printrbot e RepRapPro Ltd. Solo un mese fa, LulzBot ha quasi calciato il secchio. Durante questo viaggio, abbiamo anche perso la nostra innocenza, con Kickstarter che non solo ha ospitato innumerevoli progetti non rispettabili, ma che si è anche impegnato nel rompere il sindacato . Quindi, ovviamente, abbiamo visto MakerBot e Ultimaker lasciare le radici dei loro produttori nella ricerca di profitti nel settore.

Quindi, cosa è successo esattamente? Come suggerisce il fondatore di Open Works Will Holman , anche i fai-da-te non sono abbastanza performanti per funzionare davvero con componenti avanzati fabbricati da grandi aziende?

Prima ancora che suonasse la campana a morte, Evgeny Morozov descrisse una serie di fatali difetti nel movimento dei creatori nel New Yorker . Ad esempio, forse non c’è mai stato un movimento controculturale per cominciare, ma piuttosto un riarrangiamento con le parti esistenti della società dei consumi capitalista. O forse gli interessi monetari hanno visto una proficua opportunità nel Making e hanno cooptato il movimento, risucchiandolo così della sua forza vitale e distruggendolo. O forse tutto quanto sopra.

Be the first to comment on "La situazione di Maker Media"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi