La recensione prova su strada della stampante 3d Markforged Mark Two Thomas Sanladerer

Thomas Sanladerer cliente di Markforged Mark Two carbonio la stampante 3D in fibra: per grandi stampe, ‘pesanti’ fa unarecensione del prodotto.

L’esperto di stampa 3D Thomas Sanladerer ha esaminato la stampante Markforged Mark Two , riporta  stampe di qualità e minimo di errori, ma esprime riserve sulla politica di brevettazione di Markforged e sul prezzo della stampante 3D.

Thomas Sanladerer, un esperto di produzione di additivi che pubblica spesso guide, recensioni e progetti sulla stampa 3D, ha appena affondato i denti critici sulla stampante 3d Markforged Mark Two , una macchina di rinforzo in fibra di carbonio continua in grado di stampare con materiali come il nylon, la fibra di carbonio , la  fibra di vetro e il kevlar. La Markforged Mark Two è stata presentata in questo periodo l’anno scorso, e ha seguito il successo della Mark One, la prima stampante 3D in fibra di carbonio  al mondo.

Dopo aver esaminato le stampanti 3D AIO Robotica e Fischertechnik alla fine del 2016, Sanladerer questa settimana ha spostato indietro lo sguardo indietro per affrontare la Markforged Mark Two. La stampante 3D in fibra di carbonio ha un volume di accumulo di 320 x 132 x 154 mm e una risoluzione di strato di 100 micron, e funziona con proprio software l’Eiger di Markforged. Tuttavia, la caratteristica più importante della stampante 3D è, naturalmente, le sue capacità con i materiali, che sono il punto saliente nella  recensione di Sanladerer.

Prima di entrare in profondità nella Mark Two,  Sanladerer inizia con ciò che è all’esterno con ciò che si vede, e la stampante 3D si presenta  bene a Tom. “Possiamo apprezzare quanto questa stampante sia fatta bene e come sembri  splendida?” si chiede, lodando il “pezzo minimalista di tecnologia che sta per recensire.” Finora, tutto bene.

Il prossimo punto è l’interfaccia e la connettività della stampante 3D, che, come il guscio esterno della macchina, è relativamente minimalista, favorendo la connettività web e il cloud e il controllo utente limitato su impostazioni precise. Sanladerer mette in evidenza che la maggior parte della messa a punto è lasciata alla stampante stessa, con gli utenti che hanno pochi parametri per giocherellare oltre le impostazioni di base del materiale, la quantità fibra continua, e un paio di altre regolazioni. Nel complesso, il recensore vede questa semplicità come un fatto positivo: “Mi piace la semplicità dell’interfaccia, che fornisce le giuste opzioni che si utilizzano regolarmente e lascia tutto il resto alla ottimizzazione della  Markforged “.

Chiaramente, l’area più importante della revisione riguarda le prestazioni della stampante, e Sanladerer prima valuta di processo di estrusione della stampante, che (nei suoi termini) chiama “ferri” coni materiali di base ONYX di Marforged.  Il processo, dice, è incredibilmente efficace, produce stampe che sono molto più forti di quelle fatte dai materiali  ONYX da soli.

“… Una volta che si aggiungono fibre, è possibile in maniera massiccia modificare e migliorare le proprietà meccaniche della vostra stampa”, dice Sanladerer. “L’aggiunta anche di una piccola quantità di fibra di carbonio trasformerà le vostre componenti in elementi fantasticamente rigidi, e seconda di quanto la fibra e quanto base di materiale di riempimento viene utilizzato, si possono sicuramente creare componenti che possono competere con quelle in alluminio ricavati dal pieno.”

Nello step successivo , Sanladerer discute la sua esperienza con il nylon puro, qualcosa che poche stampanti sono in grado di fare bene. A questo proposito, la sua lode è meno convinta, poiché usando il materiale ONYX nel portautensile in dotazione , si riduce la sua capacità di stampare nylon. Dopo aver consumato un quarto di un rocchetto di ONYX, Sanladerer già vedeva il degrado nelle sue stampe di nylon, e come tale raccomanda la stampa in nylon con una testina di stampa dedicata.

Two caratteristiche ben ricevute da Sanladerer sono un efficace sistema di livellamento del letto, una sostituzione semplice degli ugelli, e dei motori passo-passo Trinamic di alta qualità. Tuttavia, l’esperto stampa esprime un po ‘di delusione per le prestazioni del filamento della stampante col  “Drybox” (necessario per mantenere ONYX e filamenti di nylon in tenuta durante la stampa), perché a volte causano grovigli e perché manca delle qualità estetiche della stampante 3D in sé . Sanladerer osserva che la Drybox “proprio non si sente più complessa di come è il resto della macchina.”

Un’altra lamentela di Sanladerer con la  Mark Two è la sua protezione brevettuale pesante: “In questo caso, in particolare, trovo triste vedere la tecnologia sempre bloccata ele  porte chiuse per i prossimi 17 anni o giù di lì, soprattutto perché questa (e la maggior parte delle altre stampanti ) esiste solo perché i brevetti fondamentali per la stampa FDM 3D sono scaduti a pochi anni fa, . Più una questione di etica degli affari più che sulle prestazioni della stampante quindi, ma comunque un fattore da prendere in considerazione quando si pensa di acquistare una Mark Two. Inoltre il prezzo di 13.500 dollari, aggravata dal costo di filamenti Markforged (il doppio di quelli di altri  al carbonio e nylon), che la società consiglia di usare esclusivamente. La revisione conclude: “Se [il problema del brevetto] non vi da fastidio, e le macchine Markforged sono una grande opzione per una stampante elegante e ad alte prestazioni 3D.”

 

Be the first to comment on "La recensione prova su strada della stampante 3d Markforged Mark Two Thomas Sanladerer"

Leave a comment