La prima tiroide di un topo stampate in 3d in Russia dalla Bioprinting Solutions

Dalla Russia l’annuncio della prima Tiroide stampata in 3d  dalla Bioprinting Solutions

I progressi osservati nel settore del  bioprinting 3D sono semplicemente impressionanti. Con numerose aziende che investono milioni di dollari per migliorare  tali tecnologie, anche se siamo nelle prime fasi di quella che potrebbe essere una delle più importanti rivoluzioni mediche  del nostro tempo.A partire dalla generazione di organi da trapiantare.

La Bioprinting Solutions ha tenuto ieri un’importante conferenza stampa in Russia per annunciare che il 12 marzo la prima  ghiandola tiroidea di un topo – era  stato stampato con processo di bioprinting brevettato dell’azienda. Lo scopo era quello di stampare una ghiandola tiroidea da  trapiantare in un topo vivente per valutare la qualità del bioprinting ottenuto.

Il trapianto dovrebbe avvenire molto presto, i ricercatori sceglieranno un topo che soffre di ipotiroidismo, una condizione che è causata da un eccesso di iodio nel corpo. Una volta impiantato, si valuteranno le condizioni del topo e i dati verranno presentati al grande pubblico in occasione del Secondo Congresso Internazionale sul  Bioprinting a Singapore il 9 e 10 luglio prossimi,

I ricercatori che lavorano per 3D Bioprinting Solutions hanno scelto la tiroide a causa della sua semplicità. Detto questo, il cancro della tiroide è la 16 ° forma più comunemente diagnosticata di cancro del pianeta, con  300.000 nuove diagnosi nel solo 2012. Inoltre, altri milioni di persone soffrono di altri disturbi della tiroide, il che significa che la possibilità di stampare una ghiandola tiroidea  potrebbe avere importanti implicazioni positive per un numero straordinario di persone.

La stampante utilizzata per costruire la tiroide, funziona utilizzando cellule staminali prelevate dall’ orgasmo vivere attraverso le sue cellule di grasso. Quindi mescola queste cellule con un idrogel, stampando poi  tramite un estrusore, layer-by-layer. Una volta che le cellule prendono forma, l’idrogel si dissolve, lasciando l’organo. Il rigetto dell’organo dovrebbe essere minimo secondo Mironov perché è creato da cellule staminali dell’organismo stesso. In sostanza, il loro corpo ha  indirettamente creato l’organo con l’aiuto della stampa 3d.

3D Bioprinting Solutions pensa di riuscire a stampare un rene entro il 2018.
“Chi sarà il primo a stampare un rene da trapiantaread un  paziente, che restarà in vita, vincerà sicuramente  un premio Nobel”, ha spiegato Mironov.

Be the first to comment on "La prima tiroide di un topo stampate in 3d in Russia dalla Bioprinting Solutions"

Leave a comment