La prima bioprinter nello spazio esplode nell’incidente della navicella spaziale russa Soyuz MS-10

Un contrattempo ha portato la prima bioprinter ad essere inviata alla Stazione Spaziale Internazionale, a non riuscire a raggiungere la sua destinazione. Giovedì scorso, la navicella spaziale russa Soyuz MS-10 si è schiantata a causa di un malfunzionamento durante il decollo. Ls  bioprinter, chiamata Organ.Aut, doveva arrivare sulla ISS ed essere parte dei primi esperimenti nel tessuto di organi di stampa 3D nello spazio, ma è stata distrutta quando la navicella ha funzionato male.

“La bioprinter era nel modulo abitativo, che è stato scaricato dalla capsula di fuga della navicella Soyuz MS-10 e completamente bruciata”, ha detto una fonte a Sputnik.
Due nuovi membri dell’equipaggio della ISS, il cosmonauta russo Alexey Ovchinin e l’astronauta della NASA Nick Hague, erano anch’essi a bordo della nave spaziale, ma sono tornati sani e salvi sulla Terra in una capsula di salvataggio . La causa esatta dell’incidente non è stata ancora annunciata e viene indagata da una commissione speciale dell’agenzia spaziale russa Roscosmos. Tutti i lanci con equipaggio provenienti dal Cosmodromo di Baikonur sono stati sospesi fino a quando la commissione non riuscirà a capire la causa del fallimento. Incidenti come questo non accadono ogni giorno – in effetti, questa è stata la prima volta nella storia russa moderna che un lancio spaziale con equipaggio è fallito.

Quindi cosa succede dopo? 3D Bioprinting Solutions , la società che ha creato il Bioprinter 3D Organ.Aut, ha un piano di backup, come risulta, e si sta preparando a inviare nello spazio una seconda  bioprinter .

“Elaboreremo un grafico del ciclo separato dell’esperimento per preparare il volo alla navicella Progress. “L’attuale equipaggio ha già confermato la sua disponibilità a sottoporsi al training a distanza, quindi saremo pronti a inviare l’attrezzatura scientifica in ogni caso.”
La consegna della prima bioprinter 3D alla Stazione Spaziale Internazionale potrebbe aver colpito un ostacolo, ma in realtà non è più di questo: un intoppo. Oltre al secondo bioprinter fornito da 3D Bioprinting Solutions, ci sono molti altri bioprinters in fase di sviluppo ai fini della bioprinting nello spazio. Può sembrare strano che così tanti siano focalizzati sulla bioprinting nello spazio, quando, dopo tutto, gli organi stampati in 3D saranno necessari qui sulla Terra, ma la biostampa è in realtà più semplice a gravità zero.

Liquidi densi e viscosi e ugelli di grandi dimensioni devono essere utilizzati per la biostampa sulla Terra, ma togliere la gravità ed è possibile utilizzare inchiostri e ugelli molto più sottili, consentendo una precisione molto maggiore. Mentre alcune sorprendenti scoperte di bioprinting sono accadute qui sulla Terra, c’è un intero mondo di possibilità che potrebbe aprirsi quando avremo iniziato ad usare la tecnologia nello spazio. Il bioprinting avanzato è già avvenuto in condizioni di gravità zero , e un altro bioprinter è previsto per la consegna alla ISS all’inizio del prossimo anno. Ancora un altro è destinato a salire a breve, pure.
È praticamente una certezza che la biostampa nello spazio si svolgerà molto presto, e che possiamo aspettarci di vedere alcuni incredibili sviluppi una volta che le stampanti in realtà inizieranno ad arrivare sulla ISS. La vera domanda è quale di loro inizierà per prima cosa a realizzare questi sviluppi.

Be the first to comment on "La prima bioprinter nello spazio esplode nell’incidente della navicella spaziale russa Soyuz MS-10"

Leave a comment