La Navy la marina americana sta cercando 23 milioni di finanziamenti da investire nella stampa 3d

James “Hondo” Geurts, Assistente Segretario della Marina, Ricerca, Sviluppo e Acquisizione, ha dichiarato che la forza sta cercando finanziamenti per $ 23 milioni per i suoi sforzi di stampa 3D per il 2020. Secondo Inside Defense , Guerts ha detto al sottocomitato “Intelligence dei servizi armati della casa”, “Minacce emergenti e capacità”, che i fondi sarebbero destinati allo sviluppo di una certificazione appropriata per le parti stampate in 3D, potenzialmente creando un database che raggruppa tutti gli oggetti.

“Un sacco di ciò è così che possiamo mettere insieme tutti i nostri file stampati in 3D, creare modelli […]” ha affermato. “Una delle sfide è come certificare una parte con una tecnologia di stampa 3D che è stata certificata tradizionalmente. Ecco dove sta andando quella ricerca. “

Inoltre, Guerts ha aggiunto che la Marina prevede uno stanziamento di $ 66 milioni per la stampa 3D come parte del programma Difesa Anni Futuri del Dipartimento della Difesa (DOD) (FYDP). Aggiornato ogni anno, il FYDP offre una proiezione dei fabbisogni di risorse, manodopera e forza della DOD nei prossimi 5 anni.

090513-N-8104B-135 NORFOLK (May 13, 2009) Sailors aboard the multi-purpose amphibious assault ship USS Bataan (LHD 5) man the rails as they depart from their homeport of Norfolk on a regularly scheduled deployment. Bataan is the flagship for the Bataan Amphibious Ready Group and the 22nd Marine Expeditionary Unit. (U.S. Navy photo by Aviation BoatswainÕs Mate Airman George Benson/Released)

Le forze armate statunitensi, e in particolare la marina statunitense, sono fortemente investite nella stampa 3D. Solo nel 2018, l’ Office of Naval Research (ONR) degli Stati Uniti ha stanziato $ 2,6 milioni per l’introduzione di parti fabbricate con additivi metallici ; Lockheed Martin ha stipulato un contratto di $ 5,8 milioni con la forza; e, entro la fine dell’anno, Naval Air Systems Command (NAVAIR) stimava che la sua flotta dipendesse dall’uso di 1.000 parti stampate in 3D . Più recentemente, il Marine Corps Systems Command (MCSC) ha creato una cella Advanced Manufacturing Operations per fornire supporto di stampa 3D 24/7e la Marina sta applicando la tecnologia per aggiornare varie navi nella sua flotta. Questo è in linea con il piano annuale di costruzione navale di Guerts, che è stato diretto l’anno scorso al Naval Sea Systems Command (NAVSEA). In questa direttiva, Guerts ha chiesto a NAVSEA di compilare un piano di riparazione e manutenzione delle navi per i successivi 30 anni di vita della propria flotta.

“L’idea è, abbiamo questo piano di costruzione navale di 30 anni, che è buono solo quanto la nostra capacità di riparare e modernizzare quelle navi una volta che le abbiamo costruite”, ha spiegato Guerts , “Quindi quello che vorremmo fare è creare il piano di accompagnamento questo prende il piano di costruzione navale e quello che abbiamo nell’inventario, quindi preveda e pianifica tutte le riparazioni e ammodernamenti che dovremo fare “.

La notizia dell’allocazione della stampa 3D da 23 milioni di dollari della Marina statunitense è particolarmente incoraggiante considerando la recente proposta del Bureau of Industry and Security (BIS) degli Stati Uniti di aggiungere ulteriori restrizioni all’esportazione di “tecnologie emergenti”. Nell’ultimo aggiornamento di questa proposta , diverse parti interessate del settore della stampa 3D , tra cui Stratasys, Boeing e Airbus, hanno risposto al cambiamento con una certa preoccupazione per i suoi effetti sull’eccellenza della ricerca statunitense.

Nella richiesta completa del budget della Marina degli Stati Uniti per il 2020 , la forza ha stanziato un totale di $ 20,4 miliardi per gli sforzi di ricerca e sviluppo. In relazione alla ricerca scientifica e tecnologica (S & T) in particolare, la Marina spiega: “La ricerca scientifica e tecnologica (S & T) è vitale per fornire tecnologie future che supportano capacità innovative nella costruzione navale, nell’aviazione, nelle armi e nelle attrezzature a terra”.

“GLI INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO (R & S) SONO ANCHE FONDAMENTALI NEL PROGRAMMA DI CLASSE COLUMBIA, NEL VIRGINIA PAYLOAD MODULE, FFG (X) [ENTRAMBI I SOTTOMARINI ], NEI SISTEMI SENZA EQUIPAGGIO, NELLA GUERRA ELETTROMAGNETICA E NELLA PROTEZIONE DEI NOSTRI INTERESSI NAZIONALI NELLO SPAZIO E NEL CYBERSPAZIO.”

Be the first to comment on "La Navy la marina americana sta cercando 23 milioni di finanziamenti da investire nella stampa 3d"

Leave a comment