La NASA sta studiando il filamento antibatterico PLACTIVE di stampa 3D di Copper 3d per l’utilizzo nelle missioni spaziali

La NASA sta studiando il filamento antibatterico di stampa 3D per l’utilizzo nelle missioni spaziali

Alcuni mesi fa, la startup cilena Copper3D ha  introdotto PLACTIVE , un filamento antibatterico per la stampa 3D progettato per la produzione di dispositivi medici come protesi e bretelle. L’azienda ha sottolineato la preoccupante statistica che il 40% degli usi protesici soffre di una qualche condizione della pelle, alcuni dei quali possono essere gravi o addirittura letali. PLACTIVE include, tra gli altri materiali, nanoparticelle di rame, che sono attive nell’eliminazione di microrganismi, rendendo i dispositivi stampati in 3D dal materiale efficace nel prevenire l’infezione.

Una organizzazione che si è interessata a PLACTIVE è la NASA. L’anno scorso, i primi dispositivi medici sono stati stampati in 3D nello spazio , mentre gli astronauti della Stazione Spaziale Internazionale si stanno muovendo verso la stampa 3D di sempre più necessità. A causa della natura porosa dei materiali di stampa 3D, così come delle complesse geometrie dei dispositivi stampati in 3D, i batteri sono sempre una preoccupazione, quindi la NASA è stata affascinata dalla nozione di un filamento antibatterico di stampa 3D.

La NASA Nebraska Space Grant  sta lavorando con l’ Università del Nebraska Omaha  e Copper3D su uno studio di PLACTIVE.

“L’uso di questa nuova tecnologia di stampa 3D antibatterica ha diverse potenziali applicazioni”, ha dichiarato Daniel Martínez, Director of Innovation e Co-Founder di Copper3D. “Il nostro obiettivo principale è stato lo sviluppo di materiali antibatterici con applicazioni nel campo della medicina e della riabilitazione, come strumenti medico / chirurgici, ortesi, protesi, applicazioni nel mondo dentale e la guarigione di ferite complesse. Ma ora vogliamo fare un ulteriore passo avanti e verificare il potenziale di questa tecnologia in altri tipi di sfide associate ai problemi del futuro delle missioni spaziali di lunga durata. ”
Nelle missioni spaziali a lunga durata, la prevenzione delle infezioni è fondamentale per evitare problemi di salute più seri e i dispositivi realizzati con PLACTIVE potrebbero fare molto per mantenere sani gli astronauti dopo l’infortunio. Il materiale ha mostrato grandi promesse sulla Terra fino ad ora.

“Questo nuovo materiale ha già superato test di laboratorio molto completi in Cile e negli Stati Uniti, con studi di riduzione degli oneri microbiologici che hanno dimostrato la loro capacità di eliminare in poche ore + 99,99% di ceppi batterici pericolosi come Escherichia coli e Staphylococcus aureus , ceppi che sono anche molto presenti nell’ambiente ospedaliero, causando milioni di infezioni e decessi all’anno in tutto il mondo “, ha affermato il dott. Claudio Soto, direttore medico e co-fondatore di Copper 3D.
Il direttore scientifico dello studio è il Dr. Jorge Zuniga dell’Università del Nebraska Omaha, che ha una vasta esperienza nella progettazione di protesi stampate in 3D.

“L’obiettivo di questa ricerca è triplice: i.-Descrivere lo sviluppo di protesi stampate in 3D con filamento antibatterico, ii.-Verificare le proprietà antibatteriche delle protesi stampate in 3D e iii.-Sviluppare una metodologia di fitting remoto e determinare la soddisfazione del paziente dopo aver usato un Protesi dito antibatterica stampata in 3D “, ha detto. “Questo studio costituirà anche la base scientifica per studi futuri sull’impatto di questa nuova tecnologia su innumerevoli nuove applicazioni antibatteriche che risolvono gravi problemi di salute e funzionali sia sulla terra che nello spazio”.
Il PLACTIVE ha il potenziale per avere un impatto importante sulla salute umana e lo studio attuale probabilmente porterà a ulteriori applicazioni per il materiale.

“La nostra azienda ha iniziato con un forte accento sull’innovazione e la nostra attenzione continuerà ad essere legato all’innovazione e allo sviluppo di nuovi materiali e prodotti che consentano di raggiungere un reale impatto sulla qualità della vita delle persone”, ha detto Andrés Acuña, CEO e Co Fondatore di Copper3D. “Siamo molto entusiasti dei risultati che potrebbero venire da questo studio con il Dr. Jorge Zuniga, l’Università del Nebraska a Omaha e la NASA. Noi pensiamo che questa collaborazione possa essere mantenuta nel tempo per esplorare le nuove tecnologie nel campo della produzione additiva che può salvare vite umane in contesti complessi quali le infezioni intra-ospedaliere e ambienti ostili come le missioni spaziali di lunga durata.”

Be the first to comment on "La NASA sta studiando il filamento antibatterico PLACTIVE di stampa 3D di Copper 3d per l’utilizzo nelle missioni spaziali"

Leave a comment