La Nasa mette in palio 2,5 milioni di dollari in una sfida per la costruzione di un habitat per le esplorazioni spaziali compreso lo sbarco su Marte

La NASA offre 2,5 milioni di dollari per il design di un Habitat per l’esplorazione spaziale stampabile in 3d.

Nasa la sfida per la costruzione di un habitat spaziale 05Tra gli sviluppi della  stampa 3D, pochi sono emozionanti come quelli  fatti per conferire  agli astronauti la capacità di produrre i propri componenti, gli utensili e gli altri oggetti fisici durante le missioni spaziali.

A partire dalla  stampante Zero-G da Made in Space, che è stata la prima stampante 3D progettata per operare in assenza di gravità ed è stata lanciata in orbita il 21 settembre 2014 .
Ora, la NASA ha esteso i propri obiettivi agli habitat vivibili da stampare in 3D.

L’organizzazione spaziale americana , insieme con il National Additive Manufacturing Innovation Institute (alias America Makes), ha  annunciato che  offrono  2,25 milioni dollari in premi per coloro che parteciperanno alla sfida  degli Habitat stampabili in 3d .La  sfida consiste nel progettare e costruire un habitat stampabile in 3d per  l’esplorazione dello spazio, compresa il viaggio dell’agenzia su  Marte.

Considerando l’importanza di un rifugio come una necessità fondamentale per la sopravvivenza soprattutto in condizioni selvaggiamente imprevedibili -ma anche di non avere la necessità   di spedire il materiale necessario per la costruzione dell’habitat direttamente dalla Terra.

La sfida, è stata annunciata al Bay Area Maker Faire a San Mateo, in California, il 16 maggio, avrà inizio con una prima fase che durerà fino al 27 settembre. L’obiettivo della prima fase è per i partecipanti di  contribuire a sviluppare concetti architettonici futuristici che facciano uso di tecnologie di produzione di additivi. I primi 30 progetti saranno giudicati e un montepremi di $ 50.000 sarà assegnato alla  Maker Faire di New York, che si svolgerà dal 26  al 27 settembre di quest’anno.

Una volta scelti i 30 vincitori, una seconda fase del concorso avrà inizio, e  sarà suddiviso in due livelli e a ciascuno verrà assegnato  un premio di 1,1 milioni di dollari. Il primo livello – Il Concorso strutturale (Livello 1) – si concentrerà sulle tecnologie di fabbricazione, con un focus sull’utilizzo di una combinazione di materiali locali e riciclabili, oppure con ò’utilizzo di solo materiali indigeni . Il secondo livello – On-Site Habitat Competition (Livello 2) – si concentrerà sulla creazione di habitat in scala reale utilizzando materiali locali o materiali locali combinati con materiali riciclabili.

“America Makes è onorata di essere partner in questa competizione potenzialmente rivoluzionaria”, ha detto Ralph Resnick, direttore e fondatore d’i America Makes . “Crediamo che la stampa 3D abbia il potere di cambiare radicalmente il modo in cui le persone si avvicinano alla progettazione e alla costruzione degli habitat, sia sulla terra che su altri pianeti, e siamo eccitati in attesa dei contributi provenienti da tutto il mondo.”

I concetti vincitori della sfida aiuteranno la NASA a costruire le competenze tecniche per progettare e, in definitiva, inviare gli habitat nello spazio profondo per l’ esplorazione in un futuro speriamo non troppo lontano.

Per chi fosse interessato a creare un habitat per la stampa 3D, la NASA ha lanciato il sito web del concorso, dove è possibile trovare ulteriori informazioni sulle regole e un modulo di iscrizione.

Trovate le informazioni a questo indirizzo https://americamakes.us/Challenge

Be the first to comment on "La Nasa mette in palio 2,5 milioni di dollari in una sfida per la costruzione di un habitat per le esplorazioni spaziali compreso lo sbarco su Marte"

Leave a comment