La Nasa finanzia PADT e Arizona State University per la ricerca biomimetica

La NASA ha assegnato a PADT Phoenix Analysis and Design Technologies e ad Arizona State University (ASU ) una finanziamento da 127.000  dollari per la Fase 1 della tecnologia Small Business Transfer per accelerare la ricerca biomimetica, lo studio di oggetti di stampa 3D che assomigliano a strutture forti e leggere che si trovano in natura come favi o bambù.

La natura è in grado di creare strutture forti, leggere e flessibili che non possono essere create usando metodi di produzione tradizionali come la lavorazione, lo stampaggio o la formazione. Queste strutture forti e leggere sono molto utili per oggetti che devono essere lanciati nello spazio. Questo è il motivo per cui la NASA ha appena assegnato PADT e Arizona State University, una concessione STTR di Fase 1 per esplorare come realizzare solo questo tipo di geometria.

La ricerca è di fondamentale importanza per i principali settori dell’Arizona, come l’aerospaziale, perché consente parti forti e incredibilmente leggere da utilizzare nello sviluppo di aerei e aerei.

“Siamo onorati di continuare la ricerca avanzata sulla biomimetica con i nostri buoni amici e partner di ASU”, ha detto Rey Chu, principal e cofondatore di PADT. “Con la nostra esperienza combinata nella stampa 3D e nella modellazione al computer, riteniamo che la nostra ricerca fornirà un passo avanti nel modo in cui progettiamo oggetti per la NASA e la nostra vasta gamma di clienti di produzione di prodotti”.

Recentemente, PADT ha collaborato con Lockheed Martin e Stratasys per aiutare la NASA a sviluppare su 100 parti stampate in 3D per il suo volo spaziale con equipaggio su Marte, la Missione di Orione. Specifiche applicazioni della NASA della ricerca includono la progettazione e la fabbricazione di materiali ad alte prestazioni da utilizzare in scambi di calore, strutture leggere e pelli resistenti ai detriti spaziali. Se la prima fase avrà successo, i partner potranno beneficiare di una seconda sovvenzione dalla NASA.

“PADT è stato un partner eccellente per ASU e i suoi studenti mentre esploriamo la natura innovativa della stampa 3D”, ha affermato Ann McKenna, direttore e docente scolastica dell’Ira A. Fulton Schools of Engineering, Arizona State University. “Tra la concessione STTR e il partenariato per aprire il nostro centro di produzione additivo all’avanguardia, siamo orgogliosi di ciò che siamo stati in grado di realizzare in questa comunità insieme”.

“Le nuove tecnologie nell’imaging e nella produzione, inclusa la stampa 3D, stanno aprendo la possibilità di imitare le strutture biologiche in un modo che non ha precedenti nella storia umana”, ha affermato Dhruv Bhate, professore associato della Arizona State University. “La nostra capacità di costruire strutture resilienti e di ridurre significativamente il peso porterà vantaggi ai progettisti e ai produttori di prodotti che sfruttano la tecnologia”.

Be the first to comment on "La Nasa finanzia PADT e Arizona State University per la ricerca biomimetica"

Leave a comment