La Nasa e il progetto delle nuove tute spaziali da usare su Marte stampate in 3d e che richiamano il film Tron

La Nasa e le nuove tute spaziali per Marte progettate  e costruite grazie alla stampa 3d

NASA redisegna la Serie Z  delle tute spaziali per gli astronauti per Marte stampandole in 3d ed ispirandosi un po’ al film della Disney Tron

Queste tute consentiranno agli astronauti una maggiore mobilità e faciliteranno la  navigazione sul quarto pianeta dal sole. Non solo, ma la stampa 3D giocherà una parte integrante nella progettazione della tuta, la scelta finale è  fra tre progetti presentati al pubblico per l’aggiornamento dell’originale Z-1 la classica tuta spaziale.

Le tre opzioni erano:

Biomicry – che utilizza  uno stile che imita il mare, così come la luminescenza delle creature dell’oceano che si trovano nelle profondità marine, e si ispira anche alla pelle squamosa dei pesci e rettili trovati in tutto il mondo.
Tecnology – utilizzando il filo elettroluminescente  le toppe dei cuscinetti rotanti, le pieghe di mobilità messe in evidenza dal movimento, e attenzione all’abrasione dei punti inferiori.
Tendenze nella società – sulla base di quale abbigliamento potrebbero assomigliare in un prossimo futuro, anche con filo elettroluminescente  e una combinazione di colori da abbigliamento sportivo.

Con  233,431 voti, e oltre il 63% dei voti totali, il design nuovo e vincente è stato ‘Tecnology’, ed era è lo stile utilizzato per l’aggiornamento delle tute spaziali che è formalmente chiamata Z-2. Che suona  un po ‘come una Bmw sportiva veloce, IL SENSO è  nella speranza  che gli astronauti saranno in grado di andare in giro velocemente e liberamente anche sul pianeta rosso. Saranno in grado di togliere la tuta con più facilità grazie ad una uscita posteriore inoltre anche se il colore di base rimane lo stesso alcuni aggiornamenti  mostrano in rosso i dettagli elettroluminescenti che possono essere meglio visti al buio. La NASA afferma che la squadra avrà “la massima produttività per astronauta su una superficie planetaria -. Per esplorare, per la raccolta di campioni, e per le manovre dentro e fuori l’ habitat e il rover”

La Z-3 si baserà sulle idee sia della Z-1 che della Z-2 .

Lo Z-2 sarà stampata in 3d specificatamente per ogni astronauta. Saranno create dopo una scansione 3D per assicurare che calzino perfettamente su gni astronauta ( col limite che non possono passare da un astronauta all’altro). Non saranno  aderenti come quelle di Matt Damon nel film  The Martian,ma offriranno una maggiore efficienza e maggior comfort per quanto  possibile, considerando tutti i requisiti della tuta:  in effetti non è una tuta è quasi una macchina stessa. Si  spera che la tuta Z3 farà da ‘suitport’ in modo da non dover usare la camera di equilibrio tradizionale, consentendo loro di entrare e  uscire dai moduli mantenendo il concetto di sterilità

“La NASA sta sviluppando la prossima generazione di tute che permetteranno l’esplorazione dello spazio profondo incorporando innovazioni quali i sistemi di rimozione del biossido di carbonio rigenerabile e sistemi di evaporazione dell’acqua che forniscono ai membri dell’equipaggio  le necessità fondamentali come respirare regolazione dell’aria e della temperatura in modo più efficiente , ‘, ha dichiarato la NASA .

Il design scelto è attualmente testato al Johnson Space Center di Houston, si spera di raggiungere una serie di primati per quanto riguarda le tute spaziali.

Primo abito con mobilità planetaria specifica per superfici  sottoposte a prova di vuoto completo quindi senza atmosfera
Utilizzo per la prima volta di scansioni laser umane in 3D e hardware stampati in 3D per lo sviluppo della tuta e del dimensionamento
Maggior uso avanzato di strutture composite resistenti agli urti in un abito sia nella parte superiore sia nel sistema del tronco inferiore
Prima integrazione del concetto di tuta con una struttura del torso superiore rigido e resistente.

“Gli ingegneri che hanno progettato e costruito le tute spaziali,  hanno trovato una interessante opportunità: la possibilità di creare una tuta con un look diverso da qualsiasi mai costruita prima”, scrive il blog della NASA. “I disegni sono stati creati con l’intento di proteggere la tuta  per evidenziare alcune caratteristiche di mobilità e anche  facilitare l’esecuzione dei test.”

Il rivestimento della tuta usa degli elementi innovativi che sono completamente originali nella Z-2, prodotti dalla collaborazione tra ILC, il fornitore di tute della NASA, e la Philadelphia University. La tuta stessa avrà anche, naturalmente, numerose misure di protezione, sia contro l’usura per un impiego intensivo, sia per un supporto contro gli impatti del ​​torso superiore ed inferiore. La NASA lavorerà anche su altri design adatti per le varie missioni esplorative.

Be the first to comment on "La Nasa e il progetto delle nuove tute spaziali da usare su Marte stampate in 3d e che richiamano il film Tron"

Leave a comment