La Nasa con KURL per stampare in 3D pacchi batteria di riserva nello spazio

LA NASA E IL KULR TECHNOLOGY GROUP COLLABORANO PER COSTRUIRE IN ORBITA SISTEMI DI BATTERIE OTTIMIZZATE PER LO SPAZIO

Il Marshall Space Flight Center (MSFC) della NASA ha assegnato al KULR Technology Group un accordo tecnologico a duplice uso che potrebbe vedere future missioni spaziali stampare in 3D pacchi batteria di riserva su richiesta e in rotta.

Nell’ambito della collaborazione, KULR costruirà sistemi di batterie stampate in 3D per applicazioni spaziali autonome e con equipaggio utilizzando le sue tecnologie PPR (Passive Propagation Resistant) e ISC (Internal Short Circuit). I sistemi di batterie saranno progettati per soddisfare lo standard di sicurezza JSC 20793 Revision D creato dalla NASA per le missioni spaziali con equipaggio.

“La NASA impiega una garanzia e standard di sicurezza molto rigorosi, in particolare per le nostre tecnologie classificate dall’uomo”, ha detto John Carr, vice capo tecnologo della NASA MSFC. “La soluzione di progettazione PPR di KULR per future missioni spaziali con e senza equipaggio è l’ideale per la progettazione di massa, flessibilità e costi, pur mantenendo questo rigore di sicurezza attraverso i rischi della batteria come la fuga termica”.

La NASA ha precedentemente esplorato il potenziale della stampa 3D nello spazio per ridurre al minimo il costo dei pezzi di ricambio e consentire la produzione di risorse in situ, installando il sistema Refabricator della società aerospaziale statunitense Tethers Unlimited sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) l’anno scorso. Il sistema Refabricator è una stampante 3D e un riciclatore di plastica, sviluppato con la sovvenzione del programma di ricerca sull’innovazione per piccole imprese della NASA.

L’MSFC della NASA è in prima linea in diversi gruppi che lavorano per adattare la stampa 3D per applicazioni spaziali. Secondo la NASA, la sua esperienza, combinata con la capacità di KULR di progettare pacchi batteria PPR, culminerà nel picco della produzione sicura di sistemi di alimentazione a batteria nello spazio. La soluzione PPR di KULR è stata messa alla prova dalla NASA lo scorso anno e utilizzata per trasportare e conservare le batterie a bordo della ISS tramite la sua soluzione di stoccaggio Thermal Runaway Shield (TRS).

“Grazie alla nostra partnership con KULR, ora avremo l’incredibile capacità di costruire in orbita sistemi di batterie ottimizzate per lo spazio”, ha affermato Brandon Lewis, Coordinatore dell’analisi del programma trasversale del sistema di atterraggio umano. “Prendiamo molto sul serio la sicurezza dei nostri astronauti. Le tecnologie di KULR ci consentiranno di costruire pacchi batteria più sicuri che impediscono la propagazione termica pericolosa e proteggono le nostre risorse più preziose “.

Nel 2017, la NASA ha iniziato a collaborare con gli specialisti di produzione fuori dal mondo, Made In Space (MIS), per testare una parte cruciale della sua tecnologia di produzione e assemblaggio nello spazio. MIS, noto per il suo lavoro con la NASA per introdurre la tecnologia di stampa 3D in nuove applicazioni aerospaziali, è stato acquisito all’inizio di quest’anno dal conglomerato aerospaziale Redwire. MIS si unisce ad Adcole Space e Deep Space Systems nel portafoglio di Redwire, lanciato il 1 ° giugno dalla società di private equity AE Industrial Partners (AEI) come “piattaforma tecnologica spaziale di nuova generazione”.

Le specializzazioni di KULR risiedono nello sviluppo, produzione e licenza di tecnologie di gestione termica in fibra di carbonio di nuova generazione per batterie. L’azienda ha sviluppato da tempo sistemi di raffreddamento innovativi per le missioni spaziali della NASA.

La stampa 3D nello spazio ha il potenziale per rendere meno costosa l’esplorazione dello spazio umano. L’anno scorso, la NASA ha riferito che la sua “massa di ricambio attualmente memorizzata a terra” per la ISS è stata calcolata a circa 17.990 kg . In un documento intitolato “Analisi di fattibilità delle applicazioni di produzione commerciale nello spazio” pubblicato nell’AIAA Journal, i ricercatori hanno stimato che il 95% dei pezzi di ricambio non sarebbe mai stato utilizzato. L’articolo è stato scritto in collaborazione con Alejandro E. Trujillo, Matthew T. Moraguez, Samuel I. Wald, Andrew C. Owens e Olivier L. de Weck.

La possibilità di stampare in 3D nello spazio offre anche i vantaggi di abilitare missioni estese e riservare capacità di carico per oggetti e attrezzature essenziali.

“La possibilità di riparare e sostituire i pacchi batteria nello spazio con parti stampate in 3D nello spazio è un punto di svolta”, ha affermato il dott. Timothy Knowles, co-fondatore e Chief Technology Officer di KULR. “La stampa 3D del design della batteria PPR di KULR aiuterà a ridurre i costi associati al trasporto del pacco batteria per le prossime missioni Artemis, dove la NASA costruirà elementi sostenibili sulla luna e intorno alla luna in preparazione per un’eventuale missione umana su Marte”.

Be the first to comment on "La Nasa con KURL per stampare in 3D pacchi batteria di riserva nello spazio"

Leave a comment