La modella Francesca Burr il suo incidente e la piastra metallica di titanio in testa

A Francesca Burr, artista e modella britannica, hanno ricostruito una parte del cranio con una stampante 3D dopo aver subito un terribile incidente  che la ha lasciata la testa danneggiata. L’allora 27enne ha subito la perdita di memoria, dimenticando anche il proprio nome

Puoi fare molte cose con una stampante 3D, ma una parte della testa di una persona è una delle cose più rare che si possono ottenere con la produzione di additivi. Francesca Burr non si lamenta però.

Dieci mesi fa, Burr è caduta scendendo le scale di casa dopo aver subito una crisi causata dalla  sindrome Ehlers-Danlos (EDS), una rara condizione ereditaria che colpisce il tessuto connettivo.

La caduta in casa della mamma ha provocato un enorme foro in testa . Francesca Burr è stata trovata con cinque fratture separate del cranio, un naso rotto e una mascella fessurata

Aveva 27 anni, ed è stata trovata ai piedi delle scale, con il sangue che le usciva dagli occhi, dal naso e dalle orecchie .

In un primo momento, sua madre non riusciva aprire la porta perché la Burr la bloccava con il corpo, ma riconoscendo la gravità dell’incidente,  h subito chiamato l’ambulanza

I medici arrivati rapidamente hanno trasportato la Burr in aereo e in  elicottero, ma avvertirono  la famiglia che c’era poca speranza. Poco dopo il ricovero della  Burr v  in ospedale, i chirurghi l’hanno operata per sette ore , strappando pezzi di cranio che erano caduti nel cervello.

La paziente poi è stata tenuta in coma indotto all’ospedale di Addenbrooke, Cambridge, per quasi un mese, anche per valutare i danni subiti al cervello.

“Prima dell’operazione mi sembrava d’essere un personaggio dei cartoni animati perché la mia testa era così gonfia”, ha dichiarato la Burr al Mirror , un quotidiano britannico. “Così mi hanno rasato la testa e levato la mia pelle per togliere tutto il cranio rotto. Quello che è rimasto è stato un grosso buco nella mia testa “.

Sorprendentemente, la Burr finalmente si è svegliata dal coma. Ma aveva dimenticato molte cose importanti: il suo secondo nome , il fatto che i suoi genitori avessero divorziato 10 anni prima, e anche non ha riconosciuto il suo fidanzato.

“Nei mesi successivi ho davvero lottato pensando alle parole giuste per le cose”, ha ricordato  la Burr . “È come se improvvisamente capisci che non sei più come eri nata”.

Anche se il cervello della Burr ora è tenuto insieme dai perni metallici, limitando ciò che può fare  , la piastra in titanio stampata 3D nel suo cranio le ha salvato la vita.

La paziente ha ancora qualche rimpianto a proposito di ciò che ha perso dopo l’incidente, ricordi pezzi della sua personalità, persino le abilità di base.

“Anche adesso le persone mi dicono che sono diversa da come ero prima”, ha detto. “Non mi ricordo, e anche se suppongo sia meglio così,  è  triste pensare a ciò che ha provato la mia famiglia e gli amici”.

Infatti, Burr è sinceramente onesto su come l’intervento chirurgico salvifico non sia in realtà il lieto fine.

“Sono sempre stata  ambiziosa e adesso a 28 anni sono senza lavoro o vita sociale e vivo a Halford con la mia mamma”, . “Posso solo lasciare la casa solo in alcuni casi e se non ho le vertigini, vado dai medici due volte alla settimana ma non posso guidare perciòdipendente “.

Dieci mesi più tardi, e dopo tre operazioni in cui i chirurghi hanno eliminato i frammenti ossei dal suo cervello , Francesca dice di essere passata da ‘Frankenstein a Robogirl’.

La modella  britannica ha ora una piastra in titanio stampata in 3D nella sua testa

 

All’inizio di quest’anno, un ospedale a Swansea, in Galles, è diventato il primo ospedale britannico a designare un tecnico di stampa 3D dedicato .

Be the first to comment on "La modella Francesca Burr il suo incidente e la piastra metallica di titanio in testa"

Leave a comment