La maschera dal film Predator stampata in 3d di di Hacksmith

Maschera predatore ricreata con visione termica e supporto per cannone laser stampato in 3D

Mentre il creatore e costruttore di gadget James Hobson non ha ancora raggiunto lo status di Tony Stark, va con un altro nome che penso sia bello come Iron Man: the Hacksmith. Hobson ha lasciato il suo lavoro come sviluppatore e ingegnere di prodotti a tempo pieno per sviluppare e creare prototipi funzionanti di alcune delle “idee immaginarie più interessanti di film, videogiochi e fumetti”.

Come spiega Hobson sul canale YouTube di Hacksmith , “Mostriamo il processo di ingegneria per realizzare i nostri progetti per ispirare gli altri nei campi STEM e per dimostrare che tutto è possibile con la scienza!”

Ogni giovedì alle 16:00 viene pubblicato un nuovissimo video di Hacksmith. Alcuni degli altri fantastici progetti fai-da-te che Hobson e il suo equipaggio hanno completato includono versioni reali di armi e oggetti di scena famosi, come una spada laser , Thor’s Hammer , Batman Grappling Hook e gli artigli di Wolverine del personaggio di X-Men . Il più recente prop del team, creato con l’aiuto della stampa 3D, si basa su un film degli anni ’80 veramente classico che vede protagonisti Arnold Schwarzenegger, Carl Weathers e uno dei mostri più riconoscibili nella storia del film: Predator .

Il riassunto della trama IMDB per il film afferma: “Una squadra di commando in missione nella giungla centroamericana si trova cacciata da un guerriero extraterrestre”.

Il predatore è un alieno umanoide di grandi dimensioni che insegue e uccide gli esseri umani per lo sport con un cannone laser montato sulla spalla e un elmetto che utilizza una visione basata sul calore, facendo il suo caratteristico rumore di clic per tutto il tempo. Tuttavia, la creatura incontra il suo abbinamento in Schwarzenegger, e persino la visione a infrarossi, un dispositivo mimetico che piega la luce e un’armatura non può farne a meno.

Ho visto molti fantastici oggetti di scena e costumi stampati in 3D: tutto, da un Ghostbusters Proton Pack e Giga Meter alla maschera respiratoria di Mad Max: Fury Road e il condensatore di flusso Back to the Future . Ma a parte un piccolo modello dipinto a mano , non so che il personaggio di Predator abbia visto molte azioni 3D = stampate. The Hacksmith lo ha cambiato.

Hobson ha provato a fare una replica funzionante del costume Predator in passato, ma la tecnologia non era ancora del tutto lì. Questa volta, si è rivolto alle fotocamere ad alta tecnologia e alla stampa 3D per migliorare il design, in particolare nella realizzazione del casco per visione termica e dell’attacco per spalla per il cannone laser.

“Ero limitato dalla tecnologia del mio tempo e non avevo molte risorse o denaro per acquistare parti migliori”, spiega Hobson nel video di Hacksmith “Make it Real”. “Ma ora abbiamo questa fantastica struttura, un grande team di ingegneri e un budget di ricerca e sviluppo salutare, il che significa che possiamo finalmente rendere giustizia a questo progetto.”

Lavorando con lo stagista Ben, uno studente di ingegneria presso la McMaster University, Hobson ha utilizzato tre diversi moduli fotocamera per replicare la visione unica del Predator: due fotocamere standard Raspberry Pi da 8 megapixel, una delle quali ha un filtro a luce visibile, ma nessun filtro a infrarossi, che Hobson Detto “significa che può catturare la luce a infrarossi ad onde corte, permettendoti di vedere al buio” e un sensore di imaging termico FLIR Lepton 3.5 in grado di misurare le firme del calore della luce a infrarossi a onde lunghe.

Fortunatamente, ha acquistato questo ultimo modulo un anno fa, poiché è impossibile trovarne uno adesso. Sono tutti usati per scansionare le persone per l’alta temperatura corporea durante la pandemia COVID-19.

È stato impiegato un kit di sviluppo per combinare i tre moduli e gli occhiali video Zeiss Cinemizer vengono utilizzati per visualizzare le telecamere dietro una visiera all’interno di un casco da motociclista, che sembra proprio il terrificante copricapo del Predator.

Oltre a programmare un pulsante che imita il terrificante suono di clic del Predator, Ben era incaricato di realizzare il cannone laser e il suo attacco a spalla, quest’ultimo dei quali era stampato in 3D su un sistema Afinia serie H. La montatura è curva in modo da poter “sedersi saldamente su una spalla”, come ha spiegato lo stagista. A scopo di sperimentazione, Wicked Lasers ha inviato al team Hacksmith un proiettore laser RGB economico, chiamato Laser Cube, che Ben ha affermato che “è fantastico per questo progetto perché ha protocolli di targeting laser integrati”. Nel video, puoi vederlo testare questa funzione su diversi palloncini in quella che sembra essere una palestra.

Infine, Hobson ha creato un pannello che controlla sia il rumore del clic sia dieci diverse modalità di visione, che è montato su un supporto per polso per un facile accesso e il casco realistico di Predator era completo. Qualcuno del team si è divertito molto a testarlo nella struttura di Hacksmith, i cui risultati puoi vedere nel video di costruzione sopra. Puoi anche dare un’occhiata al divertente video di Hacksmith qui sotto, che mostra quanto bene il team di ingegneri di Hobson vada contro il Predator nel bosco durante la notte.

Be the first to comment on "La maschera dal film Predator stampata in 3d di di Hacksmith"

Leave a comment