La Marina Usa si stampa in 3d piccole bombe

Il futuro della sofisticata guerra tecnologica potrebbe essere qui prima di quanto pensiamo. Una divisione della Marina  statunitense ha ufficialmente iniziato a stampare in 3D e a testare piccoli esplosivi, questo è quanto ha riferito un blog del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ieri. Mentre solo nella fase iniziale di prototipazione, i risultati sono stati finora straordinariamente buoni, il che significa che potrebbe non passare molto tempo prima che la tecnologia di stampa 3D rivoluzioni il modo in cui vengono progettati e prodotti gli esplosivi.

Come spiega il sergente Jared Green, responsabile del team dell’unità di smaltimento di ordigni esplosivi (EOD) della Marina degli Stati Uniti, uno dei maggiori vantaggi è nei tempi di risposta rapidi forniti dalla produzione di additivi. Ha messo in rilievo che la sua squadra è stata in grado di stampare in 3D gli esplosivi e riunirli in meno di 24 ore prima di eseguire test su delle ​​lamiere d’acciaio.

L’idea di base ruota intorno ai contenitori di stampa 3D che possono essere trasformati in esplosivi aggiungendo delle cariche all’interno. In altre parole, i materiali stampati 3D non sono esplosivi da soli; piuttosto, i membri del team imballano i contenitori con materiali esplosivi.

Ma come note di Green, pensare al di fuori della scatola potrebbe rivelarsi la chiave per spingere quella innovazione ancora più lontano. “Una volta che tutti sono a loro agio con il materiale e come utilizzarlo, si aprono la possibilità di poter progettare qualcosa e di stamparlo sul posto – qualcosa che non puoi comprare, che non esiste nemmeno”, dice . “Un marinaio con una buona immaginazione può creare, stampare e farlo in meno di 24 ore”.

Nonostante la reputazione degli Stati Uniti  per mantenere i progetti militare sotto chiave , il sergente EOD vede un potenziale nella condivisione delle informazioni abilitata dalla tecnologia 3D di modellazione e stampa 3D. Le molte risorse online in cui i file stampabili possono essere semplicemente scaricati e stampati in 3D sono sicuramente di interesse per loro, ha dichiarato.

Soprattutto quando si considera la recente iniziativa degli Stati Uniti per la stampa 3D e la la sperimentazione di piccoli droni, tutti i segni che indicano che  i militari americani dedicano notevoli sforzi verso l’utilizzo della tecnologia di produzione addizionale per le guerre di domani.

Una volta che i droni stampati in 3D (sembrano inevitabili) combinati con le bombe stampate in 3D, si aprono nuove possibilità di stampa a distanza di esplosivi. Una squadra marina potrebbe ipoteticamente guidare i droni su qualsiasi campo di battaglia e semplicemente iniziare a produrre armi in loco.

Be the first to comment on "La Marina Usa si stampa in 3d piccole bombe"

Leave a comment