La Marina Olandese scansiona in 3D tutta la sua flotta con Artec Eva e Space Spider

La Marina Olandese sta scansionando in 3D tutta la sua flotta

La Marina Militare Olandese ha intrapreso una nuova missione nel virtuale: la scansione 3D della sua intera flotta. L’impresa ambiziosa è iniziata a seguito di un mandato a Marinebedrijf Koninklijke Marine, l’appaltatore olandese incaricato di manuntenere le navi  della Royal Netherlands.

Questa manutenzione comprende tutto ciò da sostituire dalle parti di scafo danneggiate alle modifiche necessarie per sistemi i motori e le armi. Per il personale di Marinebedrijf Koninklijke Marine, tale manutenzione pesante è all’ordine del giorno, ma le difficoltà possono sorgere quando si tratta di componenti antiche per le quali non esistono disegni o file CAD.

In passato, il personale di manutenzione avrebbe dovuto affrontare con cura la progettazione di queste parti fuori uso attraverso tecniche tradizionali di imaging e l’utilizzo di utensili. È un processo complesso che può richiedere giorni, a volte settimane.

Per velocizzare il  lavoro, la Marine si è recentemente rivolta ad Artec 3D, una società con sede in  Lussemburgo che produce scanner 3D appositamente progettati per la digitalizzazione di oggetti con geometrie ingannevoli e texture complesse. Per questo progetto, gli scanner luminosi strutturati Artec “Eva” e “Space Spider ” sono stati considerati la migliore opzione.

Questi scanner palmari specializzati funzionano proiettando la luce in un modello di griglia su un oggetto reale, permettendo agli scanner di catturare la distorsione da più angoli, quindi calcolare la distanza tra punti specifici sull’oggetto tramite triangolazione. Utilizzando queste coordinate, è possibile ottenere un modello digitale 3D.

Secondo il personale della Marinabelrijf Koninklijke Marine, gli scanner di Artec sono stati una  benedizione. “Utilizzando la scansione 3D ci hanno salvato da settimane di processi più vecchi e sono stati molto intensi, richiedendo più tipi di strumenti di misura e poi replicando il disegno in un programma CAD”,  afferma Ben Jansen, coordinatore CNC della Marinebedrijf Koninklijke Marine.

“Ora, anche quando non ci sono dati 3D o disegni di una componente, siamo in grado di utilizzare uno scanner 3D Artec per creare un’immagine 3D dell’oggetto e la scansione viene utilizzata per invertire l’ingegneria dell’oggetto. Quella parte viene poi replicata usando tecniche di stampa 3D, fresatura a tre assi o saldatura in 3D “.

Nella maggior parte dei casi, spiega Jansen, le parti della nave sono modificate con operazioni di ingegneria inversa o create di recente. “Questo vale  particolarmente per le  navi più vecchie dove i fornitori dei componenti non esistono più”.

L’Artec Eva ha una velocità di cattura di 16 fotogrammi al secondo, ed è orientata verso la scansione di oggetti di medie dimensioni. Può simultaneamente acquisire e elaborare fino a due milioni di punti al secondo con una precisione di 0,1 mm. D’altra parte, l’Artec Space Spider è più adatta alla scansione di oggetti più piccoli con intricati dettagli. Può elaborare fino a un milione di punti al secondo e rende le immagini  ad alta risoluzione fino a 0,1 mm.

Con i due dispositivi, l’intera flotta della Marina Navale Olandese può essere analizzata in modo preciso in una frazione del tempo che richiederebbero metodi tradizionali.

Per quanto riguarda la Artec, la società di scansione 3D del Lussemburgo è convinta che la sua linea di prodotti abbia il potenziale per rivoluzionare la manutenzione militare. “Se avete bisogno di aggiungere qualcosa a una nave o un aereo militare – come nuovi posti a sedere o armadi – il modo più veloce e più preciso per ottenere le misurazioni sarebbe quello di scansionare le aree”, spiega Andrei Vakulenko, responsabile dello sviluppo aziendale di Artec 3D .

“Il controllo e l’ispezione di qualità sono un’altra area importante, in quanto componenticome le eliche possono essere scansionate e controllate regolarmente per garantirne la qualità”. La scansione 3D può anche svolgere un ruolo importante nel supporto tecnico, nella costruzione di nuove attrezzature, nel controllo di qualità e nei crash test, Dice Vakulenko.

Con il progetto Royal Netherlands Navy  , Artec sta puntando ad un futuro  che include la scansione 3D e la stampa 3D per il supporto militare .

 

Be the first to comment on "La Marina Olandese scansiona in 3D tutta la sua flotta con Artec Eva e Space Spider"

Leave a comment