La Marina degli Stati Uniti punta sulla stampa 3d metal

La Marina degli Stati Uniti sta ora valutando l’utilizzo della stampa 3D per la produzione di parti metalliche per applicazioni navali critiche, rafforzando ulteriormente la prontezza della flotta. Secondo Concurrent Technologies Corporation (CTC), l’Office of Naval Research ha assegnato alla compagnia un contratto biennale da 2,6 milioni di dollari per fornire soluzioni tecnologiche che garantiscano la producibilità di parti metalliche di qualità dalle macchine di produzione additiva (AM).

Secondo la US Navy, AM, nota anche come stampa 3D, è necessaria per ridurre i tempi e i costi associati all’implementazione di componenti metallici certificati e certificati per piattaforme aeree, marittime e terrestri. Il contratto fa parte del programma Quality Made della Marina, annunciato a luglio 2015, con l’obiettivo di costruire parti a bordo di navi per aerei per evitare la sfida di immagazzinare componenti e parti di grandi dimensioni su navi e aerei. La Marina è inoltre interessata ad abbreviare la tempistica di acquisizione, ampliare la base di approvvigionamento industriale e avere la capacità di produrre componenti su richiesta presso i Centri di preparazione della flotta (FRC).

“In una dichiarazione del febbraio 2017, i vice capi delle forze armate americane hanno detto che il loro personale e le attrezzature per l’invecchiamento sono allungate in mezzo a anni di guerra, limiti di budget statutari e soluzioni temporanee, tagli alla forza e il Congresso che continua risoluzioni continue. In risposta a questa esigenza, Concurrent Technologies Corporation e i suoi membri del team di progetto integrati stanno fornendo una nuova tecnologia in grado di affrontare la sfida a breve ea lungo termine di sostituire parti invecchiate o danneggiate letteralmente sul posto “, ha dichiarato Edward J. Sheehan, Jr., Presidente e CEO di Concurrent Technologies Corporation.

Secondo l’Office of Naval Research, “L’invecchiamento delle piattaforme navali viene messo in discussione riducendo le tradizionali fonti di approvvigionamento, il che riduce la disponibilità e causa ritardi logistici inaccettabili. In risposta a questa esigenza, i Naval Warfare Centres, i depositi di manutenzione ei FRC prevedono di utilizzare la produzione additiva per produrre piccole quantità di componenti metallici fuori produzione o lunghi tempi di consegna. “Credence Research ha dichiarato che le navi navali manutenzione, riparazione e il mercato delle revisioni (MRO) è previsto in crescita a un CAGR dell’8,8% dal 2018 al 2026.

Ken Sabo, Senior Director, Additive Manufacturing and Materials, Concurrent Technologies Corporation, ha affermato che il team del progetto svilupperà e dimostrerà una suite di software di produzione additiva e tecnologie hardware necessarie per supportare la rapida qualificazione di componenti metallici critici a un costo ridotto.

“L’evoluzione della proprietà microstrutturale e il controllo in-process non sono ben stabiliti per la produzione additiva di parti metalliche rispetto alla lavorazione tradizionale del metallo”, ha detto Sabo. “Il nostro obiettivo è quello di affrontare queste lacune e garantire che le parti prodotte in tutta la Marina degli Stati Uniti eseguano costantemente come previsto.”

“Il team produrrà parti in metallo utilizzando la fusione laser a letto in polvere per sviluppare e convalidare una struttura proposta”, ha detto Sabo. “I membri del team includeranno Concurrent Technologies Corporation, SLM Solutions NA, MSC Software, MRL Materials Resources LLC, l’Università di Pittsburgh e l’America Makes.”

Be the first to comment on "La Marina degli Stati Uniti punta sulla stampa 3d metal"

Leave a comment