La guerra dei materiali nella stampa 3d analisi delle principali aziende produttrici

Romulus & Remus: quali multinazionali polimeriche vinceranno nella stampa 3D?

Stavo cercando di dare un senso al panorama dei materiali di stampa 3D, in particolare a cosa ammontano le posizioni complessive delle grandi aziende polimeriche che sono entrate nel mercato della stampa 3D. Ciò che doveva essere un insieme succinto di note per me stesso si trasformò in una visione estesa e fluente della coscienza dei giganti dei polimeri e del modo in cui competono tra loro nella stampa 3D. L’articolo risultante è più difficile da leggere di quanto vorremmo utilizzare sul sito e non farà appello a molte persone. Volevo condividerlo, tuttavia dovrebbe essere prezioso per alcuni. In poche parole, questo è lo stato attuale del posizionamento delle grandi aziende polimeriche che si scontrano per vincere nello spazio di stampa 3D.

BASF vende direttamente, fa anche molto indiretto e ora produce anche parti. Ha fotopolimeri e FDM e si concentra sulla maggior parte delle cose con alcune applicazioni innovative come il filamento di metallo. Non ha PEEK ma ha PPA.
DSM ha anche il portafoglio completo, non vende direttamente nulla e non ha alcun desiderio di produrre pezzi. Ha PPA e nessun PEEK.
Solvay vende direttamente e indirettamente materiali desktop e FDM ad alta temperatura. Con PPSU, PEEK, PVDF e Carbon PEEK come materiali principali.

Arkema ha un sacco di sinterizzazione e fotopolimeri e PEKK ad alte prestazioni. Vendi indirettamente tramite Kimya e altri.
Sabic vende direttamente e indirettamente con PEI ad alte prestazioni, Extem e altri materiali ad alta temperatura principalmente per FDM, ma non ha un ampio portafoglio.
Evonik ha principalmente materiali di sinterizzazione con un volume leader in quel mercato. Presenta anche alcune DMF e vende indirettamente (OEM), principalmente con un portafoglio limitato.
Mitsubishi ha molti FDM desktop sfusi che vende direttamente e indirettamente, principalmente attraverso negozi al dettaglio e OEM.
Clariant vende direttamente da altri additivi materiali avanzati per FDM desktop.
Hunstman ora ha FDM e fotopolimeri.
Eastman ha materiali FDM desktop di alta qualità e di alta qualità, ma nessuna temperatura elevata.
Henkel ha anche fotopolimeri di altri materiali e cose come la post-elaborazione che sta vendendo direttamente e tramite gli OEM.
Dow e DuPont hanno un numero limitato di materiali e nessun volume.
Victrex è solo PEEK (e altra famiglia PAEK) e dirige e parti e attraverso OEM selezionati ma è grasso e felice.
Lehvoss ha dimostrato di essere in grado di innovare e colpire al di sopra del suo peso nella sinterizzazione e nell’FDM, lo stesso vale per Kimya.
Lubrizol ha bisogno del suo TPU per fare bene nelle calzature sulle macchine HP e forse anche su più piattaforme.
Natureworks è diventato il gold standard del PLA e finora non è stato interrotto da altri produttori di PLA o altri produttori di bioplastiche.
OwnensCorning è entrata nel mercato con alcuni materiali caricati GF che erano esattamente ciò che il mercato voleva ma sembra avere poca trazione?
Covestro ha materiali FDM ma non è chiaro quale sia il suo impegno nel mercato.

Un incubo da stampare con PEEK ha le proprietà desiderate.

Posizionamento

Victrex passerà alla produzione di dispositivi medici in polimeri e venderà parti, diventando un giocatore di nicchia ad alto margine? Nel frattempo, Aceo (Wacker) farà lo stesso gioco con il silicone?
Dow e DuPont si siedono insieme a mangiare popcorn mentre tutti gli altri combattono su questo mercato? Dow ha bisogno dell’implementazione del silicone Viscotec (Ecco, German RepRap) per funzionare bene affinché abbia successo. Le probabilità di ciò sembrano ridotte al momento. Lubrizol ha anche bisogno di una grande vittoria sull’uso molto esteso di TPU per vincere, sebbene abbia mostrato una vera innovazione attraverso Colorfabb Varioshore e altre innovazioni. Senza scarpe sui piedi, tuttavia, non avrà volume. Anche OwensCorning ha bisogno di volume per giocare un ruolo nel futuro della stampa 3D.
In termini di posizionamento e portafoglio, Solvay assomiglia di più a Sabic, concentrandosi in particolare sulla FDM ad alta temperatura e ad alte prestazioni attraverso vendite dirette e vendite tramite OEM. In diversi punti del portafoglio, si potrebbe scegliere un materiale Solvay rispetto a un Sabic a seconda della resistenza chimica a un materiale (ad es. Carburante per aerei) di un’altra qualità, requisito o prezzo.
È interessante notare che sono entrambi in uno dei segmenti più redditizi e potenzialmente ad alta crescita della stampa 3D al momento insieme ai gradi PA riempiti GF e CF per FDM nella produzione che molti stanno già facendo.
Tra poco, Solvay e Sabic saranno probabilmente affiancati da un’altra offerta gratuita di Arkema. Solvay e Sabic si specchiano spesso, ma Arkema è quello che guarda, visti i loro nuovi investimenti in PEKK e il loro volume in fotopolimeri e sinterizzazione. Con più soldi, Arkema potrebbe persino prendere la corona da BASF o DSM.
Un nuovo arrivato con un volume complessivo inferiore rispetto ad Arkema e Sabic; Solvay deve lottare duramente attraverso la nuova chimica, l’introduzione di prodotti o la crescita (sebbene con un esborso e spese generali inferiori).
Nel frattempo, Sabic ha una lunga esperienza e ha investito molto nella stampa 3D ma ha un portafoglio limitato. Deve mantenere il dominio di PEI sull’aerospazio, difendersi dalla popolarità di PEEK e vincere in grande formato che è un punto focale (solo con DSM!). Se lo fa, può guadagnare volume e vedere una buona irr sui soldi investiti.
Arkema è in circolazione da un po ‘di tempo e deve guadagnare in termini di marchio, distribuzione, sinterizzazione e volume FDM mantenendo i suoi fotopolimeri. Ampliare il suo portafoglio e forse fare FDM potrebbe ottenere volumi più ampi o potrebbe optare per un approccio specifico ad alto profitto o aumentare il suo gioco ed essere un giocatore generale come DSM e BASF.

Evonik ha probabilmente estratto più denaro dai materiali di stampa 3D di chiunque altro investendo relativamente poco (tranne se si contano Stratasys, EOS o 3D Systems). La società dovrà difendere il suo bastione di sinterizzazione con nuovi materiali ed espandersi in FDM ad alta temperatura per evitare che ciò si rovini dal mercato. Poiché al momento il PEEK di sinterizzazione non funziona (tasso di riciclo dello 0%), qualsiasi guadagno in materiali di sinterizzazione ad alte prestazioni potrebbe aggravarli. Nel frattempo, tutti si stanno sgretolando alla Evonik PA per sinterizzare. A meno che Evonik non abbia una contabilità o un ottimismo diversi, dovrebbe avere riserve profonde di denaro non sfruttato destinate alla stampa 3D, forse da investire durante la recessione? Dovrebbe bloccarsi con EOS o ha più di altri da guadagnare da chiunque, tranne EOS, che guadagna quote di mercato?
Huntsman deve passare da un’unica strategia di fotopolimero (che ha iniziato a fare) e dimostrare che può tenere il passo con le costolature ad alte prestazioni che altri stanno mettendo in mostra nel fotopolimero (Sartomer, Somos e Henkel sembrano tutti innovativi) e mantenere il volume da rinnovati assalti da DSM e Arkema.

Parti stampate con la tecnologia Orign utilizzando la resina Henkel.

Henkel ha un po ‘di accesso al mercato esoterico in quanto sta giocando ai suoi punti di forza fotografici ma utilizzando un marchio di consumo per farlo e rilasciando altri prodotti. Sotto i bodywarmers, invece, c’è un lavoro fondamentalmente interessante sui materiali in carbonio. Henkel può scegliere le sue battaglie che sono potenti, ma è insulare rispetto ad altre.
Mitsubishi ha investito nell’acquisto di volumi di filamenti ma non è chiaro cosa voglia fare e cosa possa fare adesso? È interessante notare che Mitsubishi potrebbe formare una formidabile alleanza complementare con Arkema, Sabic o Solvay, ma non è molto probabile. Lo scenario BFF o potremmo chiamarlo scenario ABB (Anyone But BASF). Arkema Mitsubishi, in particolare, sarebbe un collegamento complementare particolarmente potente con portata incredibile e potenziale di cross-sell.
Eastman era molto avanti rispetto al pacchetto, in particolare nel desktop FDM, ma negli ultimi tempi è sembrato disinteressato alla stampa 3D.
Parlando di volume FDM disinteressato, molto desktop è ancora il PLA di Natureworks e l’azienda ha effettivamente ottenuto alcuni voti specifici, ma sembra o glacialmente paziente o disinteressata nel sconvolgere il modo di cose.
DSM ha investito ingenti somme di denaro nella propria capacità organizzativa e in investimenti. L’organizzazione è la più grande in DSM e la società sembra voler essere tutto per tutti gli uomini. Lo sportello unico potrebbe funzionare soprattutto se il loro approccio di esperti specifici del settore rimane non studiato. Li collega alle aspettative elevate a livello di consiglio di amministrazione e ad un’elevata struttura dei costi rispetto ad altre aziende.

Filamento metallico Ultrafuse 316L di BASF
BASF ha probabilmente investito più di chiunque altro nell’essere tutto per tutti i polimeri. Considerando che DSM dispone di maggiori conoscenze di mercato, materiali di contatto e specifici per l’applicazione; BASF sembra realizzare i suoi prodotti in un laboratorio chiuso senza contatto con il mondo.
Se la mossa Sculpteo consente loro di entrare nelle sfere ad alta crescita della produzione di parti con i propri materiali e macchine delle aziende in cui hanno investito, BASF potrebbe avere un’offerta di stampa 3D integrata quasi verticalmente. Questo alienerà gli altri giocatori sul mercato o no? Questo non lo sappiamo ancora. Potrebbe benissimo essere punito per questo da OEM e altri servizi. Per me, sembra che BASF abbia concentrato i suoi rischi attraverso l’opportunità di Sculpteo. Piuttosto che diversificare ed essere più granulare nel suo contatto con il mercato (come stanno facendo DSM e Arkema), sta centralizzando il suo rischio in un minor numero di percorsi di mercato che sono nelle mani di un minor numero di persone. Da un lato, l’economia della produzione e vendita di parti è ovviamente eccezionale; con un margine molto più elevato rispetto alla sola vendita di resina o persino filamenti. Le attività di servizio cruciali sembrano sorprendenti attraverso l’obiettivo del margine di contribuzione netta ma mangiano capitale. Se Sculpteo cresce come un gangbuster, BASF farà molto bene. In effetti, il quadro finanziario garantirà quasi che un ammontare sproporzionato di capitale sarà indirizzato a Sculpteo su tutte le scelte di allocazione che BASF ha attualmente. Un piccolo numero di persone nell’unità Sculpteo potrebbe, quindi, determinare il futuro dello sforzo di BASF in 3D. Allo stesso tempo, le partnership OEM con GKN, Shapeways, Xometry da parte di altre società di materiali sono diventate più probabili; forse congelando BASF da altri percorsi per il successo. BASF potrebbe pensare di aver acquistato un percorso per il mercato (o volume in cattività) ma si è impegnato in questa autostrada e ha ucciso altre possibili rotte. Tatticamente penso che questo sia un errore. Confronta questo con un approccio più granulare in cui Arkema potrebbe acquistare il 10% di una mezza dozzina di servizi, attraverso questa mossa ottenere abbastanza influenza per promuovere il suo materiale e svilupparlo con i clienti, senza essere percepito come una minaccia. Tuttavia, la mossa strategica di BASF può essere ripagata se si esegue perfettamente. Quello che vedevamo qui è che i diversi KPI di contabilità e contabilità interna stanno davvero influenzando il modo in cui le aziende distribuiscono i loro soldi sul nostro mercato. Paradossalmente i KPI sembrano vincere la strategia. Quello che vedevamo qui è che i diversi KPI di contabilità e contabilità interna stanno davvero influenzando il modo in cui le aziende distribuiscono i loro soldi sul nostro mercato. Paradossalmente i KPI sembrano vincere la strategia. Quello che vedevamo qui è che i diversi KPI di contabilità e contabilità interna stanno davvero influenzando il modo in cui le aziende distribuiscono i loro soldi sul nostro mercato. Paradossalmente i KPI sembrano vincere la strategia.
Una società polimerica allineata con sistemi non 3D non aggressivi EOS e senza volume di sinterizzazione potrebbe attraverso l’acquisizione (o l’investimento) in un OEM di sinterizzazione e un servizio di stampa 3D, spingere polvere di sinterizzazione ultra-economica e parti che rimpiazzerebbero EOS / Volume 3DSystems / Evonik / Arkema. La vendita al dettaglio di polveri di sinterizzazione è di $ 95 mentre per alcuni utenti ad alto volume si potrebbero pagare $ 25 al chilo a seconda del grado. La limitata competenza nella macinazione criogenica sta frenando ulteriormente la riduzione dei prezzi, ma potrebbe essere un’opzione per un’azienda di scendere ancora di più con i prezzi delle polveri. In alternativa, per fare ciò si potrebbe anche usare una tecnologia di morfologia delle polveri non polverizzate o meno. Questo è di gran lunga il percorso di dominio del mercato più distruttivo che riesco a capire al momento, ma per pochi centesimi sulla sterlina, potresti spingere questi ragazzi fuori dal mercato. È la strategia che consiglierei. Se questo è ciò che farà BASF con Sculpteo, allora hanno forti possibilità di dominare il mercato della stampa 3D. In caso contrario, dà respiro a tutti gli altri.
Nei fotopolimeri, un gioco simile di qualcuno disposto a vendere a $ 30 al litro anziché $ 800 o $ 150 potrebbe anche silurare tutti gli altri. Sarebbe una mossa intelligente ma è difficile vedere qualcuno asciugare le lacrime dai fogli di calcolo abbastanza a lungo da premere il grilletto.
Se quanto sopra non dovesse accadere, immaginerei che BASF e DSM diventino un po ‘un duopolio nella stampa 3D a causa dei loro ampi portafogli, sovrapposizioni di clienti e applicazioni ed economie di scala. Mi aspetterei che l’applicazione e la competenza di DSM sull’approccio del personale estrarranno più valore nel lungo periodo e quindi mi aspetterei, a parità di condizioni, che alla fine DSM vincerà.
Potrebbe vincere anche un’altra compagnia che tira una delle due acrobazie iper-aggressive sopra. In quello scenario, tutti gli altri giocatori rimarrebbero nelle loro nicchie e sarebbero anche redditizi, ma non sarebbero destinati a diventare dominanti sul mercato.
Vi sono tuttavia numerosi caratteri jolly. Se Kimya, Lehvoss e Clariant continuano il loro percorso di produzione di materiali specifici per l’applicazione su ordinazione; gli investimenti nelle vendite potrebbero vedere queste aziende trovare e catturare nicchie estremamente redditizie sconosciute ad altri. Potrebbero esserci milioni di chili di materiale specifico necessari in un’applicazione di nicchia, ad esempio, che tuttavia eclisserebbero molto valore noto nel resto del mercato. Ciò potrebbe incubare la crescita in seguito.
Il coinvolgimento di Sabic con Thermwood, Cincinnati e altri potrebbe vederli sviluppare un grande volume e un lead di medio formato che potrebbero vederli fare un volume significativamente maggiore di altri. Un’implementazione di grande formato di successo equivale a centinaia di migliaia di stampanti desktop o dozzine di macchine SLS nel volume dei materiali.
Tutto sommato, tuttavia, sembra che avremo due aziende dominanti, BASF e DSM. Li chiameremo Romolo e Remo? Quindi abbiamo un trio di giocatori ad alta temperatura e più giocatori: SABIC, Arkema e Solvay. Le terzine. Quindi abbiamo le aziende di materiali specifici: Clariant, Lehvoss, Kimya e Lubrizol (il quartetto) e i servizi Wacker e Victrex. Poi ci sono gli specialisti: Evonik, Natureworks, Huntsman, Mitsubishi e Henkel (quintetto) e tutti gli altri sono out.

Be the first to comment on "La guerra dei materiali nella stampa 3d analisi delle principali aziende produttrici"

Leave a comment