La grande depressione cognitiva: l’aumento della complessità e la caduta del processo decisionale

La grande depressione cognitiva

L’aumento della complessità e la caduta del processo decisionale
Abbiamo visto un aumento drammatico della quantità di complessità che esiste nel mondo. Il libro di Mickey McManus, Trillions, ha osservato che già nel 2010 l’industria dei semiconduttori aveva raggiunto il punto in cui producevano più transistor rispetto ai grani di riso, meno costosi. La connettività ha amplificato la quantità globale di complessità aggregata consentendole di uscire da un dato dominio e diffondersi in tutto il mondo. L’ascesa della cosiddetta “Internet of Things” – l’avvio con dispositivi mobili e ora prodotti, veicoli e piattaforme collegati – sta invadendo ogni angolo delle nostre case, fabbriche e comunità. Tutto diventa connesso a tutto il resto e a noi.

L’economia globale è anche diventata inestricabilmente interconnessa; la nostra società è sempre più interdipendente. Attraverso più campi, la nostra conoscenza diventa più profonda e dettagliata; risolviamo vecchi problemi e ne creiamo di nuovi a velocità accelerata. A prescindere dal nostro cammino, oggi ci viene chiesto di cogliere una gamma sempre più ampia di questioni sempre più complesse: cambiamenti climatici, politica energetica, progressi nella sanità, probabile impatto della robotica e dell’intelligenza artificiale.

Tutte queste nuove fonti di complessità stanno aumentando la frequenza e l’ampiezza dei circuiti di feedback positivi e negativi nelle onde che si infrangono e in un’alluvione torrenziale. Non ci sono segni di questa complessità che si livella, al contrario – le onde diventano sempre più irregolari e sempre più grandi. Siamo sulle rive di un evento simile a uno tsunami in una rete da trilioni di nodi che non è mai stato visto prima. Peggio ancora, questo non è solo un aumento delle informazioni passive, ma anche un diluvio di agenti macchina attivi. Quando miliardi di cose non raccolgono solo miliardi di informazioni ma richiedono anche la nostra attenzione e cambiano dinamicamente i nostri ambienti al volo, la nostra capacità di pensare, prendere decisioni e intraprendere azioni può essere sull’orlo del collasso.

L’unione delle tecnologie digitali e fisiche ha capovolto i modelli di business e reso ancora più difficile il mantenimento dell’analisi economica. Il concetto di “prosumer” degli anni ’80 è tornato con una vendetta in quanto le nuove tecnologie consentono alle famiglie di produrre elettricità e di venderle di nuovo nella rete, e danno loro accesso alla potenza di produzione con stampanti 3D a prezzi accessibili. Gli economisti si sforzano di spiegare il crollo della produttività che ha accompagnato l’ultima ondata di innovazioni e questo mostra una correlazione invincibile convincente con l’aumento di dispositivi connessi (e cognitivi) come i telefoni cellulari; la loro cacofonia di spiegazioni spazia dall’accusa che le nuove innovazioni digitali non hanno alcun valore economico nell’affermazione di creare un enorme valore consegnato gratuitamente, e quindi non registrato nelle statistiche ufficiali.

La nostra capacità di pensare e prendere decisioni intelligenti sta erodendo proprio come il nostro ambiente diventa più complesso e difficile da comprendere con i nostri strumenti tradizionali.

Strumenti dell’età della pietra per le sfide dell’età cognitiva?
Ma aspetta, questa non è la prima volta che affrontiamo un aumento di complessità e dobbiamo fare i conti con interruzioni multiple. Abbiamo già affrontato difficili sfide e costruito strutture per permetterci di gestire e prendere decisioni su vasta scala. Corporazioni, città, mercati e governi sono tutte tecnologie che abbiamo ideato per gestire la complessità e prendere decisioni razionali e attuabili in un mondo ostile. Steven Johnson – nel suo nuovo libro Farsighted – sottolinea che abbiamo evoluto le decisioni e le scienze dello scenario per far fronte a questioni sempre più complesse – dall’era di Darwin quando usava la semplice lista “pro / contro” per decidere se doveva sposarsi (una decisione non banale) ai moderni giochi di guerra di pianificazione degli scenari, agli strumenti di previsione della fantascienza e ad altre tecniche di gestione scalabili.

Questa volta, tuttavia, sembra diverso, per una semplice ragione preoccupante. Questa volta affrontiamo l’aumento di nuove potenti forze che minano la nostra stessa capacità di reagire a queste sfide e interruzioni: la nostra stessa cognizione è sotto attacco . Queste nuove forze tossiche sfruttano la tecnologia digitale per sfruttare i nostri pregiudizi comportamentali, spinti da potenti incentivi finanziari.

I primi segnali di allarme
Cosa accadrebbe se le strutture che avevamo costruito per proteggerci contro le decisioni irrazionali si rivelassero come sgangherate barriere frangiflutti depositate sulla riva di un mare un tempo placido e che non offrono protezione da un’inondazione di 100 anni? Quando l’arte e la scienza delle decisioni, che si fanno collassare, potrebbero affrontare una grande depressione cognitiva?

I primi segnali di allarme sono a dir poco preoccupanti. I governi e i despoti autoritari stanno godendo una rinascita. In molte democrazie, gli elettori di fronte a questioni complesse si rivolgono a risposte e slogan semplici, al richiamo al populismo delle sirene. Escludono gli esperti (si pensi a Brexit come esempio), cercano capri espiatori e soluzioni facili.

Potrebbero essere questi esempi di cognizione umana che ritorna alle scorciatoie evolutive per far fronte a minacce complesse? Il pregiudizio dell’autorità è un modo rapido per decidere le cose quando ci troviamo di fronte a scelte difficili. Se qualcosa è troppo ambiguo o non deterministico, seguiamo la figura dell’autorità con la storia più avvincente e semplice, invece di pensare a noi stessi.

Gli scienziati sociali hanno documentato fino a oltre 200 scorciatoie e pregiudizi cognitivi che si sono evoluti per aiutarci a fronteggiare il pericolo, prendere decisioni rapide e conservare le nostre preziose risorse cognitive per combattere un altro giorno. Ma a volte quelle scorciatoie hanno vissuto molto oltre la loro data di “vendita per”. A volte il nostro cervello mente a noi. L’acquisto di comportamenti nei nostri antenati simian sembra stranamente simile al modo in cui gli esseri umani fanno le scelte nei mercati. Crediamo di essere attori razionali, ma di volta in volta scopriamo che è molto difficile vedere il modo di pensare del nostro modo di pensare. E ora sta diventando più difficile.

Qui è dove troviamo un pericoloso fallimento del mercato.
Una potente combinazione di nuove tecnologie e incentivi finanziari sta rapidamente travolgendo le nostre vecchie barriere protettive.

Le innovazioni digitali stanno creando valore. Ma questo valore non è dato via gratuitamente, come sostengono alcuni economisti. Non c’è il pranzo gratis.

Sappiamo tutti che le piattaforme digitali seguono i nostri dati. A volte lo usano a nostro vantaggio, con offerte più personalizzate; spesso lo vendono agli inserzionisti. Per loro siamo un diverso tipo di “prosumer”: non un produttore-consumatore, ma piuttosto un prodotto-consumatore. Siamo più una merce di un vero cliente. Potresti obiettare che, quasi tutti lo capiscono, e noi ancora entriamo in queste transazioni di nostra spontanea volontà, quindi qual è il problema?

Ma le piattaforme digitali non sono solo dopo i nostri dati, bramano la nostra incrollabile attenzione. Le valutazioni più alte richiedono tariffe pubblicitarie più elevate, e le valutazioni sono determinate dal tempo che trascorriamo con gli occhi incollati allo schermo, la nostra attenzione è assorbita dalle app.

Pertanto, queste piattaforme hanno un incentivo finanziario per attirare la nostra attenzione, e per recuperarla ogni volta che si allontana, un potente incentivo finanziario. Da qui il gioco di notifiche incessanti, di aggiornamenti avvincenti su Mi piace e condivisioni, di istigazioni per inseguire seguaci, amici e connessioni.

Vedi, il fatto che le piattaforme digitali catturino i nostri dati in cambio dei loro servizi “liberi” ci colpisce come una minore distorsione. La piattaforma digitale, che si tratti di Google, Amazon, Twitter o Facebook, molto probabilmente ottiene più valore dai miei dati personali di quanto non mi restituisca nei servizi. Ma la verità è che i miei dati sono molto meno preziosi per me di quanto lo siano per loro, perché possono aggregarli con gli altri ‘, mentre io non posso. E a meno che non trovi un modo per stare insieme con milioni di altri utenti, in una sorta di moderno sindacato delle pecore digitali, non avrò mai abbastanza potere contrattuale per estrarre più di quel valore. Perché fintanto che tutti gli altri danno via i loro dati, il valore marginale dei miei dati è vicino allo zero. Ma come ho detto, i miei dati hanno poco valore per me, in isolamento. Poco azzardato, poco perso in questo caso.

La cognizione è un’altra questione.
La nostra attenzione, la nostra cognizione, è una risorsa molto preziosa. Ne abbiamo bisogno per studiare, per lavorare, per gestire le nostre vite quotidiane, per prendere piccole, grandi e decisioni che cambiano la vita. Ed è una risorsa limitata. Possiamo ingannare noi stessi che possiamo multitasking. Siamo diventati molto più produttivi mentre monitoriamo i nostri feed Twitter e i messaggi dei social media mentre lavoriamo, rispondiamo alle e-mail durante le conference call.

Tranne che non possiamo e non lo facciamo. Diventiamo meno produttivi, non di più. Le statistiche, come abbiamo discusso in precedenza, lo confermano. Non dovrebbe essere una sorpresa. In questo mondo più complesso, abbiamo molto da studiare e capire – e non possiamo farlo in scoppi di 20 secondi. Quando ci distraggiamo, abbiamo bisogno di oltre 20 minuti per concentrarci nuovamente sul compito da svolgere . In questo mondo più complesso e altamente tecnologico, la conoscenza e la comprensione hanno un enorme valore. Il tempo e la cognizione che investiamo nell’acquisire conoscenze, padroneggiare le competenze, guadagnare credenziali, produce un altissimo tasso di rendimento in termini di opportunità di carriera, guadagni e realizzazione personale.

Il che significa che il costo opportunità di ogni minuto che passiamo a guardare un annuncio digitale, “recuperare” su varie piattaforme di messaggistica o guardare un video virale è estremamente alto.

E i farmaci digitali che assumiamo quotidianamente non assorbono solo il tempo prezioso oggi, ma erodono anche la nostra capacità di concentrazione. Spingendoci a un’abitudine ossessiva-compulsiva di controllare costantemente qualcosa di nuovo online, gradualmente distruggono la nostra capacità di pensiero lento (à Kahneman), il nostro potere di concentrazione. Le nostre capacità di attenzione si stanno riducendo, minando anche la nostra futura produttività.

Ciò potrebbe facilmente trasformarsi in una spirale viziosa: potenti incentivi finanziari continueranno a spingere le piattaforme digitali ad attirare sempre più la nostra attenzione. E mentre l’Internet of Things diventa più pervasivo, avranno sempre più strumenti a loro disposizione: presto lo specchio nel tuo bagno e la tua polvere intelligente intorno a te mentre camminerai per la strada faranno anche la tua attenzione. Allo stesso tempo, le tattiche di queste aziende sfruttano preconcetti cognitivi ben radicati: siamo programmati per prestare attenzione a qualsiasi cosa ci si riferisca, per cercare notizie e cose nuove e desiderare l’approvazione della nostra comunità. Lasciato a se stesso, questo andrà solo peggio.

Così come entriamo nello sforzo più straziante per noi stessi e il nostro pianeta, mentre corriamo per riequilibrare gli squilibri sempre più ampi tra i potenti e gli impotenti; man mano che affrontiamo minacce a livello di estinzione al nostro modo di vivere, le strutture che abbiamo eretto per prendere decisioni razionali stanno collassando. Pur disponendo di nuove metodologie decisionali e di pianificazione degli scenari a nostra disposizione, potremmo non avere molte capacità intellettuali da notare, curare o portare al nostro meglio il nostro pensiero migliore. La Grande depressione cognitiva sta correndo verso di noi e non sembra che prendiamo seriamente i primi segnali di allarme e forse non ci accorgiamo nemmeno prima che sia troppo tardi. La moneta contraffatta basata sull’attenzione che sta inondando i nostri mercati potrebbe presto mandare in bancarotta le nostre riserve cognitive. I cattivi (attenzione) scacciano bene, come prevede la legge di Gresham.

Abbiamo promosso l’ascesa di industrie che sono state premiate per gli attacchi di de-cognizione e non abbiamo messo incentivi o tasse per fare ciò che i mercati non possono o non vogliono fare da soli. È come se la nostra odissea umana fosse stata spazzata via, spinta dalla crescente marea verso la terra delle sirene, sedotta da canzoni ingannevoli, ipnotizzata e spinta alla pazzia. Se non facciamo nulla, alla fine potremmo lavarci sulle rive di una tomba acquatica.

Il patto di Ulisse e la tassa di de-cognizione
Ulisse sopravvisse alle favolose sirene facendo legare il suo equipaggio all’albero e mettergli cera in tutte le orecchie. Voleva sentire le chiamate della sirena ma sapeva che in quello stato futuro sarebbe stato impazzito. Mentre razionale, ha limitato le azioni del suo sé futuro, perché sapeva che il suo sé futuro sarebbe stato irrazionale. Queste forme di contratti, di strategie di impegno, provengono dal mondo dell’economia comportamentale in cui gli esperti hanno studiato preconcetti cognitivi e scorciatoie e hanno escogitato modi per mitigarne gli effetti negativi.

Daniel Kahneman e Amos Tversky ci hanno insegnato che abbiamo una parte lenta del nostro cervello, una che consuma una grande quantità di energia, ma ci aiuta a prendere decisioni etiche e razionali e una parte veloce del cervello in grado di gestire le decisioni al volo istintivamente, per aiutarci a sopravvivere, quella parte del cervello che ti aiuta a guidare per un’ora in autostrada e non ricordare nessuno dei dettagli. Il pensiero veloce ci aiuta a costruire muscoli e abitudini per affrontare le sfide di rottura rapida o quelle che si risolvono meglio attraverso l’intuizione. Il pensiero lento ci aiuta a risolvere i problemi più difficili e complessi.

Il pensiero lento e veloce sono entrambi essenziali. Ma il pensiero lento è più a rischio dal canto della sirena delle nostre vite digitali. Come Ulisse, vogliamo goderci la canzone delle sirene digitali. Ma come Ulisse, dovremmo preoccuparci che una volta che lo sentiamo, ci farà buttare fuori dal nostro pensiero lento, per non essere più visto. C’è un modo in cui possiamo legarci all’albero?

Cosa succederebbe se investissimo nelle scienze più dure di tutte, quelle soft? E se sviluppassimo strumenti per l’età della complessità per allontanare e evitare il collasso cognitivo?

Per arrivarci, dobbiamo impostare i giusti incentivi. Abbiamo notato in precedenza che le società di piattaforme digitali hanno enormi incentivi finanziari per privare la nostra conoscenza, senza prestare attenzione al danno a breve e lungo termine. È un chiaro caso di esternalità negative: le aziende digitali ottengono tutti i benefici di catturare la nostra attenzione, ma i danni sostanziali che causano distruggendo la nostra cognizione non sono scontati nel loro costo di fare affari – è sopportato da tutti noi, diffuso nel intera comunità e spinto verso il futuro.

Abbiamo bisogno di prezzi migliori e regole migliori per correggere questo.

Immagina se avessimo un EPA per la cognizione. Industrie che distraggono la cognizione umana verrebbero penalizzate per la creazione di siti “superfund” cognitivi. Dovrebbero fornire trasparenza nel modo in cui usano le risorse cognitive del mondo e pagare una tassa di deconsiderazione su qualsiasi attività che distrugge le capacità cognitive o deviare la cognizione da altri usi – l’equivalente di una tassa sul carbonio.

Le organizzazioni che erano i primi sviluppatori di prodotti che amavano e costruivano la capacità cognitiva dei loro clienti sarebbero ricompensate con sussidi cognitivi allo stesso modo in cui incoraggiamo il passaggio dai combustibili fossili alle energie rinnovabili e lavoriamo per avviare nuove industrie focalizzate sui veicoli elettrici e ibridi.

Ciò riconoscerebbe che l’attuale tasso di erosione cognitiva è insostenibile, che abbiamo bisogno di proteggere e ricostruire il nostro stock di cognizione collettiva.

Immagina come sarebbe un’agenzia simile alla FDA fornire un’agenzia individuale nella costruzione di muscoli cognitivi. Un sacchetto di patatine o una lattina di birra viene fornito con avvertenze adeguate e una misura abbastanza affidabile di quante calorie si sta ingerendo. Confezioni di sigarette portano un giusto avvertimento sulla manica. Quando verifichiamo un sito web, potremmo vedere l’avviso di caldaia sui cookie che monitorano la nostra attività, ma questo non è il problema più grande. Dovrebbe esserci un avvertimento che ci dice quanto tempo stiamo sprecando / investendo on-line, e il prezzo che stiamo pagando in termini di minuti e ore che sprecheremo mentre cerchiamo lentamente di concentrarci sul lavoro.

Dovremmo ricevere le informazioni di cui abbiamo bisogno per stimare meglio il vero prezzo che stiamo pagando per i servizi gratuiti che consumiamo. Qualcosa come “Questo prodotto o ambiente consuma il 20% delle tue riserve di decisioni etiche quotidiane all’ora e il 60% delle tue riserve di attenzione. Ha conosciuto agenti de-cognitivi che hanno dimostrato di abituare abitudini attenzionali ridotte. “Immaginate se le città e gli stati pionieristici richiedessero che la cognizione amata fosse un diritto umano per i loro cittadini. Se Google, ad esempio, può modificare i propri servizi in base alla geolocalizzazione (vedi come Google serve la Cina), allora lo stato della California potrebbe richiedere che i cittadini che sono serviti da Google all’interno del dominio geo-fenced dello stato devono poter vedere la Cognitive Nutrition Etichetta all’avvio.

Niente di tutto ciò sarà facile. Abbiamo bisogno di modi migliori per misurare il danno di decontaminazione provocato dalle tecnologie digitali; dovremmo pensare agli effetti collaterali indesiderati che qualsiasi sistema di nuove tasse e incentivi potrebbe creare; dobbiamo salvaguardare i benefici dell’iper connettività.

Ma dobbiamo agire. La cognizione è la nostra risorsa più preziosa e viene attaccata proprio quando ne abbiamo più bisogno. La canzone delle sirene sta diventando più forte. Abbiamo bisogno di legarci all’albero finché possiamo ancora.

Di Marco Annunziata e Mickey McManus

Be the first to comment on "La grande depressione cognitiva: l’aumento della complessità e la caduta del processo decisionale"

Leave a comment