La Gran Bretagna finanzia la fornitura di dispositivi di protezione individuale (DPI) ai rifugiati che vivono nel campo di Zaatari in Giordania con il progetto PPE

IL PROGETTO PEOPLE’S PPE RICEVE UNA SOVVENZIONE GOVERNATIVA PER AUMENTARE LA STAMPA 3D DI DPI PER IL CAMPO PROFUGHI IN GIORDANIA

Un progetto guidato da accademici dell’Università di Sheffield e dell’Università delle arti di Londra (UAL) ha ricevuto 766.675 sterline di finanziamenti governativi per aumentare la fornitura di dispositivi di protezione individuale (DPI) ai rifugiati che vivono nel campo di Zaatari in Giordania.

Avviato a marzo, il progetto, realizzato in collaborazione con l’ Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) Giordania e ricercatori dell’Università Al Abayt e dell’Università di Petra , ha utilizzato la stampa 3D tra gli altri metodi per sviluppare soluzioni DPI innovative per le persone vivendo nel campo.

Il nuovo finanziamento del governo viene fornito attraverso il Fondo di ricerca per le sfide globali della ricerca e dell’innovazione del Regno Unito , in risposta alla pandemia Covid-19.

“Questo progetto riguarda l’empowerment dei rifugiati in un momento di crisi sanitaria”, ha affermato il professor Tony Ryan, direttore del Grantham Center for Sustainable Futures presso l’Università di Sheffield e Principle Investigator del progetto. “Ho passato anni a lavorare con la gente di Zaatari e ad imparare dalla loro incredibile intraprendenza e creatività.

“Di fronte a una pandemia globale, stiamo lavorando insieme per progettare e produrre l’equipaggiamento protettivo di cui i rifugiati e la loro comunità ospitante hanno bisogno per stare al sicuro, riducendo i rifiuti di plastica, creando posti di lavoro e costruendo la resilienza all’interno della comunità del campo”.

Tra la carenza di DPI all’inizio del blocco del Regno Unito, il team di scienziati e artisti ha utilizzato stampanti 3D all’interno della struttura di innovazione Makerspace iForge dell’Università di Sheffield per progettare e produrre visiere tagliate al laser e stampate in 3D. Utilizzando le capacità di stampa digitale presso le università del Regno Unito insieme alle strutture nel campo di Zaatari, il team ha collaborato con i rifugiati per realizzare prototipi di DPI da materiali a basso costo e disponibili localmente.

Attraverso la stampa 3D e altri metodi, scienziati e rifugiati hanno sviluppato nuovi prodotti per l’igiene delle mani e maschere, scudi e camici riutilizzabili.

Insieme ai finanziamenti garantiti, queste tecnologie digitali amplieranno la portata del progetto che sta anche cercando di affrontare questioni più ampie sugli effetti dell’assorbimento dei DPI per quanto riguarda la prevenzione e il trattamento del Covid-19.

“La cooperazione con l’Università di Sheffield e la UAL ha portato all’addestramento di molte donne rifugiate siriane nel campo di Zaatari con competenze nello sviluppo di DPI”, ha detto Moh’d Al Taher, responsabile delle relazioni esterne associate dell’UNHCR. “Queste abilità hanno creato opportunità di sostentamento per i rifugiati e hanno sostenuto la comunità dei rifugiati. L’UNHCR prevede di coprire i bisogni della comunità del campo con DPI utilizzando materiali di alta qualità ea basso costo; soluzioni innovative potevano solo raggiungere questo obiettivo. “


Scalare il progetto

L’UNHCR si sta preparando per un “drammatico aumento” della trasmissione di Covid-19 nell’area e dichiara quindi un’urgente necessità di forniture di DPI conformi agli standard giordani. La stampa 3D aiuterebbe a soddisfare questa domanda, poiché con un potere d’acquisto limitato né il governo giordano né l’UNHCR sono in una buona posizione per competere a livello globale per le forniture.

Il finanziamento consentirà la creazione di posti di lavoro manifatturieri su piccola scala a Zaatari insieme alla condivisione di innovazioni nel design, alla creazione di reti di distribuzione eque e alla raccolta di dati sui comportamenti sanitari, attraverso l’uso di tecnologie digitali.

Il progetto prevede inoltre di sviluppare nuovi prodotti per l’igiene delle mani in collaborazione con Givaudan , il più grande fornitore al mondo di aromi e fragranze.

Be the first to comment on "La Gran Bretagna finanzia la fornitura di dispositivi di protezione individuale (DPI) ai rifugiati che vivono nel campo di Zaatari in Giordania con il progetto PPE"

Leave a comment