La Fiat 120 e la stampa 3d

Il nuovo concetto di Fiat è un’auto elettrica modulare che puoi personalizzare quasi all’infinito

I più grandi debutti ogni anno al Motor Show di Ginevra sono di solito delle supercar strabilianti, ma sembrano abbastanza difficili e puoi trovare altre … idee democratiche ai margini. Come il più nuovo concetto di Fiat, la Centoventi, che è un’auto elettrica modulare personalizzabile che ripensa totalmente molte delle norme di proprietà automobilistica.

Il Centoventi – così chiamato in onore del 120 ° anniversario della casa automobilistica italiana – è un’esplorazione di come sarebbe comprare un’auto molto semplice da vestire a proprio piacimento. I clienti comprerebbero un’auto di metallo grigio (liberamente ispirata alla linea Panda della compagnia), ma sarebbero in grado di scegliere tra quattro tetti diversi, quattro paraurti, quattro copriruota e quattro rivestimenti di vernice. Le opzioni per il tetto, ad esempio, includono un’opzione soft top o un pannello solare per alimentare l’elettronica dell’auto, incluso un display digitale sul paraurti posteriore.

Una volta selezionati, il cliente potrà scegliere tra 114 diversi accessori forniti dalla società di Fiat Chrysler Mopar. Questo include tutto, dai cuscini di seduta ai poggiatesta ai portabottiglie, o persino al sistema audio. Fiat immagina anche la possibilità di stampare parti 3D a casa (o presso un rivenditore, se la stampa 3D domestica non è ancora stata catturata) che potrebbe inserirsi nel Centoventi. Piccoli fori nel cruscotto consentono di collegare diversi accessori in prossimità del quadro strumenti digitale da 20 pollici, come i supporti per un altoparlante Bluetooth o uno smartphone, un tablet o un supporto per videocamera.

“Questo è un nuovo modello di business per gli accessori automobilistici, che consente loro di essere rivenduti o scambiati sul Web, coltivando una vera community di appassionati di brand o intenditori del design italiano di Fiat, proprio come con gli articoli da collezione”, scrive l’azienda in un comunicato stampa della sua idea Lego-incontra-Ikea. “Questo nuovo modello di business si concentra sull’e-commerce, il mercato virtuale che non conosce confini”.

L’ethos modulare di Centoventi si estende anche alla sua batteria. L’auto viene fornita di serie con un pacco batterie relativamente piccolo che ha circa 100 km, o circa 62 miglia, di portata. Ma i pacchi batteria si collegano a un sistema di binari scorrevoli che lascia spazio per gli altri, e Fiat dice che i clienti sarebbero in grado di acquistare – o addirittura noleggiare – confezioni extra per arrivare a 500 km, o circa 311 miglia, di raggio.

Un’altra idea sfrenata è che il portellone posteriore di Centoventi è dotato di un display che, quando è in movimento, mostra il logo Fiat. Ma quando l’auto viene fermata, l’autista può condividere messaggi con il mondo esterno. (Non si sa se la Fiat permetterà alle volgarità della rabbia.) Fiat immagina che questo “portellone digitale” sia usato anche come cartellone pubblicitario, permettendo ai proprietari di “affittare” lo spazio agli inserzionisti e generare entrate.

Il risultato finale di tutto questo è un’auto che i clienti possono personalizzare non solo per i loro gusti, ma anche per il loro stile di vita. Se hai solo bisogno di un raggio sufficiente per gli spostamenti in città e desideri un sacco di spazio per il carico, questa potrebbe essere l’auto che fa per te. Se fai molti lunghi viaggi in macchina con tutta la tua famiglia, questa potrebbe anche essere l’auto che fa per te. E se i tuoi bisogni cambiano, l’auto può cambiare con loro.

È un’accurata, se idealistica, presa sul futuro delle auto. Detto questo, la Fiat sta immaginando di consentire così tante personalizzazioni che questo suona quasi come costruire una macchina da zero. Ad esempio, uno degli “accessori” che puoi acquistare da Mopar e inserirlo nel cruscotto è … un glove box . La personalizzazione può essere divertente, e un po ‘di libertà al di là dei pacchetti che le case automobilistiche offrono in genere per i singoli modelli di auto sarebbe bello, se non altro perché darebbe ai clienti una maggiore sensazione di controllo sul costo finale della vettura. Ma se la Fiat porta mai qualcosa come i Centoventi sulla strada, meno potrebbe finire per essere di più.

Be the first to comment on "La Fiat 120 e la stampa 3d"

Leave a comment