La FDA pensa di regolare i farmaci stampati in 3d fai da te

Farmaci fai da te: Big Pharma e la FDA con maggiore probabilità di guidare l’esito dei farmaci stampati in 3D

Nel corso degli ultimi anni, l’eccitazione si è sviluppata per quanto riguarda i farmaci stampabili 3D specifici per il paziente (in particolare con l’avvento del farmaco per epilessia stampato in 3D, SPRITAM ). Ma se potessimo stampare tutti i nostri farmaci o se il tuo medico locale o la farmacia potrebbero fare lo stesso? Saremo una democratizzazione nella produzione di droghe attraverso dosi e forme personalizzate fatte non dalle compagnie farmaceutiche ma da altri giocatori? È, naturalmente, dubbio che qualcuno il prossimo mese, o anche l’anno prossimo, sfornerà medicine fredde nel comfort della propria casa. Questa potrebbe essere una storia diversa, tuttavia, nel contesto clinico, mentre è interessante vedere quanta latitudine il grande pharma concede al resto di noi nel tempo. Il pubblico DIY è pieno di risorse e, con tutti gli strumenti corretti, è già possibile stampare in 3D le proprie prescrizioni.

La stampa 3D offre una serie di vantaggi nella maggior parte dei casi, a cominciare dai risparmi finanziari per il produttore e il consumatore. Di solito accompagnando una maggiore convenienza è l’opzione di innovare senza essere costretti a fare affidamento su o aspettare su qualcun altro. La velocità di produzione è un enorme motivo per cui le aziende industriali iniziano a scavare nella stampa 3D e, in campo medico, essere in grado di produrre beni specifici per il paziente è una tendenza che non può solo cambiare vite ma salvarle anche in alcuni casi. Con la FDA attualmente a bordo, particolarmente degna di nota nell’approvazione di SPRITAM e un cenno tollerante ai processi alla base della sua creazione, c’è il rischio di complicazioni se si muove in avanti per regolamentare.

Il commissario della FDA Scott Gottlieb è stato sottolineato nelle recenti notizie dicendo che sono:

“… lavorando per stabilire un quadro normativo su come … [intendono] applicare le leggi e i regolamenti esistenti che regolano la produzione dei dispositivi a produttori non tradizionali come strutture mediche e istituzioni accademiche che creano dispositivi personalizzati stampati in 3D per pazienti specifici che stanno trattando. ”

Non si fa menzione delle persone che si assumono il compito di stampare i propri farmaci in 3D, tuttavia, ci sono naturalmente una vasta gamma di questioni da affrontare riguardo a tale possibile attività in futuro. Considerando tutte le misure di sicurezza che avvengono in una farmacia da sola, è lecito ritenere che ci sarebbero limiti rigorosi su ciò che i pazienti potrebbero fabbricare da soli. E mentre il quadro generale è pieno di preoccupazioni su ciò che gli individui possono stampare e ingerire, c’è anche il problema collaterale della regolamentazione riguardante il design, il software e l’hardware usati.

La velocità di produzione, la praticità e l’aspetto specifico del paziente dei farmaci per la stampa 3D offrono tutti vantaggi evidenti ed enormi per il consumatore, ma l’accessibilità economica potrebbe non svolgere il suo ruolo abituale dato che le stampanti 3D industriali per farmaci potrebbero costare migliaia di dollari. Anche se ci fosse un percorso meno costoso per un simile processo, chi sperava di stampare in 3D i farmaci nelle proprie case sarebbe molto probabilmente costretto a spendere almeno alcune centinaia di dollari, in ultima analisi, se l’hardware dovesse diventare più onnipresente. Le aziende farmaceutiche possono trovare modi per creare numerosi ostacoli in questo processo, oltre a subentrare così tanto da eliminare posti di lavoro per molti farmacisti. C’è anche la domanda su come i mercanti di strada si infiltrerebbero in tali tecnologie e ne approfitterebbero per mezzi equivoci e criminali.

Tuttavia, sono stati compiuti enormi progressi e dal momento che sempre più farmaci sono disponibili per la stampa 3D, la road map per i farmaci specifici per il paziente, probabilmente prodotta dai pazienti stessi, dovrebbe diventare più chiara a tutti noi. Non importa cosa accada, è altamente improbabile che le case farmaceutiche si lasceranno andare alla fine perdente!

Be the first to comment on "La FDA pensa di regolare i farmaci stampati in 3d fai da te"

Leave a comment