La designer Julia Daviy presenta la sua gonna stampata in 3D personalizzabile digitalmente

La stampa 3D si sta avvicinando sempre di più alla conquista di una vera casa nelle applicazioni commerciali tradizionali, grazie all’impatto che la tecnologia sta avendo su prodotti di moda di consumo come gioielli , calzature e abbigliamento . Mentre la moda stampata in 3D era ancora considerata più di una novità qualche anno fa, gli sforzi sono aumentati per renderlo più comune , anche in classe . Inoltre, la tecnologia sta contribuendo a introdurre un modo più sostenibile ed eco-compatibile di produzione di indumenti … e la designer Julia Daviy sta contribuendo a guidare la carica.

Oltre a disegnare vestiti, Daviy è anche un ecologista e responsabile del settore delle tecnologie pulite, e usa la stampa 3D per realizzare vestiti senza spreco di crudeltà. Crede che la tecnologia cambierà il modo in cui il mondo produce abbigliamento, specialmente quando si tratta di alcuni dei problemi più problematici della produzione di abbigliamento, come lo sfruttamento degli animali, l’inquinamento chimico, il consumo di energia e lo spreco di materiale.

“Il nostro obiettivo non è mai stato quello di dimostrare la fattibilità degli indumenti stampati in 3D e di lasciare le cose al riguardo. Ci saremo riusciti quando gli abiti belli, comodi, realizzati eticamente e rispettosi dell’ambiente sono lo standard “, ha affermato Daviy. “Le innovazioni che abbiamo fatto sul lato della produzione e del marketing dell’equazione sono importanti quanto le scoperte tecnologiche che ci hanno portato fino a questo punto”.

Preoccupata per i modi irresponsabili dal punto di vista economico ed ambientale della maggior parte dei vestiti, ha creato una linea di abbigliamento sportivo con tessuti organici e ha continuato a studiare la stampa 3D presso l’Università dell’Illinois nel tentativo di trovare un’alternativa migliore e più completa. ha creato il suo primo capo indossabile, stampato in 3D nel 2017, e ha continuato a lavorare per accrescere la sua base di conoscenze. Ha sperimentato diverse tecniche di stampa 3D, come FDM e SLA, e ha trascorso del tempo lavorando con i produttori su varie specifiche dei filamenti.

Alla New York Fashion Week di settembre, Daviy ha lanciato negli Stati Uniti la prima collezione di moda femminile stampata in 3D, che utilizza la stampa 3D di grande formato. Anche se non avrei chiamato la maggior parte dei pezzi di quella collezione adatti all’uso quotidiano, tutti, come il Pure Nature Suit , sembravano decisamente indossabili. Ma ora il designer pionieristico è uscito con qualcosa che definirò sicuramente come un capo funzionale: quello che sta chiamando la prima gonna stampata in 3D, personalizzabile e ampiamente disponibile.

La gonna è ecologica, realizzata con una produzione etica e può essere personalizzata e acquistata sul sito Web di Daviy in modo che si adatti alle dimensioni e alla personalità del cliente. La gonna stampata in 3D, personalizzabile digitalmente, soddisfa, secondo il sito web, “le tue più alte aspettative sostenibili e tecnologiche”.

“Si tratta di una gonna veramente sostenibile, a scarto zero, progettata e prodotta negli Stati Uniti utilizzando la tecnologia rivoluzionaria inventata e brevettata da Julia Daviy. Questo metodo consente a Daviy di stampare vestiti in 3D con meno dell’1% di rifiuti nel processo di produzione dell’abbigliamento “, si legge nel sito web.

“La gonna è prodotta combinando pratiche di stampa 3D innovative con rivestimenti in tessuto e rifiniture di lusso che soddisfano i più elevati standard ambientali ed etici”.

I clienti possono scegliere quasi tutto sulla gonna, dal colore e dallo stile fino alla vita. Quindi, Daviy e il suo team creano un modello digitale della gonna usando queste informazioni e fabbricandolo su una stampante 3D su larga scala, utilizzando il processo brevettato, privo di rifiuti, di Daviy, con materiale TPE riciclabile; la fodera organica ed elastica è in Lycra al 5% e seta al 95%.

Sono andato al sito web per progettare la mia gonna, che in genere viene consegnata tra dieci giorni, anche se puoi scegliere opzioni di consegna più veloci. L’unica scelta di pattern è organica, ma ci sono tre stili tra cui scegliere: mini, A-line e matita. Puoi selezionare una fascia alta o corta, o nessuna, e puoi anche scegliere di aggiungere tasche (sì, tasche! Pausa per un momento di festa!). Le scelte di colore sono nero, blu, bianco, nudo e giallo e il rivestimento può essere nero, bianco o nudo.

“Sei unico”, afferma il sito web. “Indossa un abito che rifletta la tua identità.”

La gonna è progettata per una vestibilità leggermente allentata e deve essere lavata a mano separatamente in acqua fredda e asciugata in piano; non dovrebbe essere stirato.

Basandomi solo sull’aspetto, indosserei sempre più versioni di questa gonna carina. Ma, come prevedibile con prodotti personalizzabili, più cose si aggiungono, più alto è il prezzo da pagare. Una minigonna senza fascetta e senza tasche mi sta già rompendo la banca per $ 780, e quando ho disegnato una gonna A-line con un girovita corto e tasche, il prezzo è sceso a $ 1,350. Ma di nuovo, gli indumenti personalizzati ovunque non costano poco, e almeno si può dormire tranquilli sapendo che i pezzi di scarto zero di Daviy sono più eco-compatibili.

“Ho iniziato a sperimentare con la stampa 3D perché credo che in un’epoca di cambiamenti radicali e sfide globali, le persone abbiano bisogno di abbigliamento assolutamente nuovo. Il primo passo è semplificare la personalizzazione digitale e la stampa 3D di abbigliamento flessibile e indossabile. Ci siamo riusciti e penso che i consumatori risponderanno “, ha detto Daviy. “Una volta introdotta questa tecnologia nel mainstream, prevediamo di utilizzare la stampa 3D per creare abbigliamento intelligente che integri ulteriormente la tecnologia nel design e nelle funzioni della nostra collezione.”

Be the first to comment on "La designer Julia Daviy presenta la sua gonna stampata in 3D personalizzabile digitalmente"

Leave a comment