La corteccia di conifere ( gli abeti di Natale ) usata per estrarre tannini da stampare in 3d

La corteccia d’albero stampata in 3D potrebbe impedire gli incendi
I ricercatori dell’Università delle Scienze Applicate di Berna  hanno sviluppato un nuovo modo per estrarre i tannini dalla corteccia di alberi nativi per produrre adesivi, compositi e materiali di stampa 3D. Le schiume di tannino sono altamente resistenti al fuoco, rendendole adatte per le costruzioni leggere.

Gli alberi sono fonti di materiale incredibilmente preziosi. Puoi trasformarli in case, barche o libri, e usare il loro legno per il riscaldamento.

Ma non tutte le parti di un albero sono utili quanto le altre. La corteccia delle conifere, ad esempio, è generalmente considerata come un rifiuto o utilizzata come pacciamatura.

I ricercatori dell’Università delle Scienze Applicate di Berna  non pensano che la corteccia di conifera potrebbe essere un rifiuto. Perché? Dicono che le piante naturali di alberi possono avere numerosi usi, anche nel campo della stampa 3D.

“Se prendiamo seriamente l’uso in cascata, dobbiamo trovare modi di utilizzare la corteccia d’albero perché l’industria del legno ne produce in abbondanza”, spiega i ricercatori Frédéric Pichelin. “Questo offre nuove fonti di reddito, basate su una risorsa rinnovabile”.

La preziosa parte della corteccia del conifere – la parte che potrebbe essere sprecata sul mulch – è il tannino, una sostanza amarognosa che contiene l’acido gallico. Sebbene generalmente estratta da legni tropicali, vi è abbondanza di tannino nelle  conifere naturali delle Alpi.

L’albero in particolare in cui si concentra è il Picea abies , o abete rosso della Norvegia, che cresce in diversi luoghi nell’Europa settentrionale, centrale e orientale, nonostante il suo nome. Molti paesi in tutto il mondo usano l’abete rosso della Norvegia come albero di Natale.

Utilizzando un processo a due fasi a base acquosa, i ricercatori dell’Università di Berna hanno potuto estrarre i tannini dall’abete della Norvegia mantenendo alti livelli di purezza. Questi tannini possono essere utilizzati per produrre adesivi per la produzione di cartoni e altre cose, ma forse la loro potenziale applicazione più interessante è la stampa 3D.

I tannini della corteccia possono essere utilizzati per legare i prodotti di legno, ma anche altri materiali contenenti fibre. Ad esempio, come i compositi stampabili in 3D.

Ci sono grandi vantaggi anche per usare la sostanza naturale. I tannini sono molto resistenti al fuoco, che potrebbero renderli ideali per la realizzazione di mobili stampati 3D o addirittura parti di edifici. Hanno anche proprietà antiossidanti e antibatteriche, facendoli ottimi per l’industria alimentare.

Per i ricercatori dell’Università di Berna, parte dell’inspirazione dietro questa ricerca è garantire che la Svizzera sfrutti la maggior parte delle risorse naturali a sua disposizione. E con la stampa 3D che rappresenta un’enorme opportunità finanziaria per le nazioni europee, questa estrazione di tannini potrebbe rivelarsi molto preziosa.

“Il potenziale di applicazione dei tannini dalla corteccia di legno è grande”, afferma Pichelin. “Attualmente è difficile dire in quale direzione andrà avanti lo sviluppo: ciò che è importante è che la Svizzera non rimanga indietro”.

Il documento di ricerca “L’estrazione dell’acqua calda di abete rosso ( Picea abies  [Karst]]: analisi dell’influenza dell’invecchiamento delle cortecce e dei parametri di processo sulla composizione estratta”, è stata pubblicata sull’ International Journal of Biology, Chemistry , La fisica e la tecnologia del legno .

Gli altri ricercatori erano Gerald Koch, Ron Janzon, Ingo Mayer e Bodo Saake.

Be the first to comment on "La corteccia di conifere ( gli abeti di Natale ) usata per estrarre tannini da stampare in 3d"

Leave a comment