La conferenza di Tallinn sugli effetti futuri della stampa 3D sul mondo dell’occupazione

La conferenza a Tallinn affronta gli effetti futuri della stampa 3D sul mondo dell’occupazione

Sappiamo tutti i vantaggi che la stampa 3D sta portando alla società, ogni settore sta ora facendo uso della tecnologia per aumentare la produttività e  nuove soluzioni pionieristiche sono in vista in una vasta gamma di problemi. Dall’ingegneria aerospaziale alla moda ai consumatori fino ai pazienti affetti da tumore, tutti sembrano vincere mentre la stampa 3D porta la nuova rivoluzione digitale. Ma quale effetto ha questo su metodi industriali più tradizionali, sui posti di lavoro e sui mezzi di sussistenza che hanno creato? Una recente conferenza tenutasi a Tallin, in Estonia, ha cercato di esaminare questo problema e di vedere come potrebbe essere il futuro del lavoro.

L’Estonia ha uno dei tassi di disoccupazione più bassi nel mondo, solo il 7 per cento della popolazione attualmente è disoccupato. Il paese relativamente piccolo e giovane ha potuto adattare efficacemente le sue infrastrutture sociali, l’economia e il mercato del lavoro alle modifiche in corso che la tecnologia di stampa 3D e altre forme di digitalizzazione industriale stanno portando avanti. Tuttavia, la maggioranza delle altre nazioni dell’UE, anche quelle più prosperose, sono molto meno attrezzate per far fronte alla cosiddetta industria 4.0, e questa è una ragione per essere preoccupati per il futuro. L’intelligenza artificiale, la robotica, l’Internet delle cose e la stampa 3D sono tutte minacce alla stabilità dell’occupazione in un modo o nell’altro, poiché stanno rendendo molti lavori meno necessari o preziosi e in alcuni casi completamente obsoleti.

Rappresentanti dell’UE e grandi figure del mondo delle imprese si sono incontrati a Tallin con l’obiettivo principale di determinare se i sistemi di sicurezza sociale attualmente esistenti fossero all’opera di sostenere le persone colpite dalla continua evoluzione digitalmente influenzata del mondo del lavoro e quali cambiamenti fossero necessari altrimenti. Nessun consenso è stato raggiunto su quello che i futuri modelli di sicurezza sociale dovranno essere, ma tutti potrebbero definitivamente concordare su una cosa – la natura del lavoro sta cambiando.

Qualsiasi dipendente ex-factory che è stato sostituito da una macchina in qualsiasi momento dell’ultimo mezzo secolo probabilmente ci avrebbe dettoquesto, senza un viaggio gratuito a Tallinn . Ma questa ‘quarta rivoluzione industriale’ è veramente una bestia diversa rispetto ai tre precedenti?

I membri della conferenza sembravano concordare sul fatto che il tasso di cambiamento del mondo del lavoro è senza precedenti e questo ha un impatto significativo sulla società in generale. “La rapida trasformazione del lavoro indubbiamente mette sotto pressione molti paesi”, ha dichiarato Guy Ryder, direttore generale dell’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO), aggiungendo che la polarizzazione dell’occupazione e la crescita delle disuguaglianze contribuiscono all’incertezza e alla paura dei cittadini . Potrebbe essere attribuito all’umile stampante 3D il recente aumento delle diseguaglianze, del populismo, del protezionismo e dell’ansia globale globale?

Michel Servoz, Direttore Generale per l’Occupazione presso la Commissione Europea, ha ritenuto che l’istruzione sia la chiave per mantenere le persone occupate, con molte competenze che possono essere raccolte per generazioni ancora più vecchie, a condizione che siano disponibili strumenti e schemi giusti per aiutarli. Ha anche identificato una grave diseguaglianza in molti Stati membri, con circa 70 milioni di europei che hanno bisogno di essere istruiti per compensare il divario delle competenze.

Non tutti pensano che la digitalizzazione dell’industria sia uno sviluppo negativo, anche per il tasso di occupazione di base. Jacques Bughin, direttore del McKinsey Global Institute, ritiene che l’età digitale genererà più posti di lavoro di quanto non ne eliminererà, con un aumento netto dello 0,9%. Egli sostiene che i governi, le corporazioni e le imprese dovrebbero abbracciare i cambiamenti con tutto il cuore.

La grande maggioranza dei partecipanti però è convinta che la digitalizzazione dell’economia eliminerà più posti di lavoro di quelli che creerà , con circa il 10 per cento delle posizioni previste rese completamente obsolete. Tuttavia, come dimostra l’esempio dell’Estonia, ciò non è necessariamente un motivo di panico. Le misure di sicurezza sociale hanno mantenuto un mercato occupazionale in passato e hanno il potenziale di farlo ancora, ma i governi dovranno agire rapidamente.

Be the first to comment on "La conferenza di Tallinn sugli effetti futuri della stampa 3D sul mondo dell’occupazione"

Leave a comment