La cinese Jala Group usa la pelle stampata in 3d con il bioprinting per testare i cosmetici

La società cinese Jala Group  utilizza la pelle stampata in 3d per testare i cosmetici per il mercato asiatico

Jala Group, una società di cosmetici cinese, ha utilizzato la tecnologia di  bioprinting per stampare artificiale in 3d della  “pelle asiatica,” completa di derma e di epidermide, che può essere utilizzata per testare prodotti cosmetici per il mercato asiatico.

E ‘ben noto che l’industria cosmetica occidentale non ha dato per molti anni risposte cosmetiche alle pelli che non siano bianche . Negli Stati Uniti, per esempio, dove un terzo della popolazione non è bianca, vi è una quantità sproporzionata di prodotti cosmetici, comprese i fondotinta e prodotti per gli occhi , destinati alle pelli chiare. Ma il problema è più profondo di quello di avere un numero insufficiente di colori: diversi tipi di pelle hanno caratteristiche diverse, facendoli reagire in modo diverso con alcuni prodotti cosmetici. Quindi, se la pelle non è come quella del target di mercato di una società di cosmetici, è probabile che i loro prodotti possono essere sia esteticamente che  biologicamente inadatti. Jala Group riconoscendo questo problema ha sviluppato una nuova soluzione radicale per migliorare i cosmetici appositamente per i consumatori asiatici.

Verso la fine del 2016, Jala ha perfezionato una tecnologia di bioprinting 3D che è in grado di creare macchie di  “pelle asiatica” sintetica a base di cellule staminali umane, che può essere utilizzata per testare prodotti cosmetici. Dopo aver effettuato 98 esperimenti approfonditi nel corso di cinque anni, il reparto R & S di  Jala  (guidato dal Dr. Morgan Dos Santos) e la società francese LabSkin sono stati in grado di sviluppare un processo unico di bioprinting 3D in grado di fabbricare pelle stampata in 3D in vitro (fuori dal corpo umano). Questa pelle, funzionante proprio come la pelle di un asiatico, può essere utilizzata per testare la sicurezza, l’efficacia, e la bontà di nuovi prodotti.
Lo sviluppo della pelle stampata in 3 e il suo processo di bioprinting associato potrebbe essere importante per l’intero mercato cosmetico asiatico, soprattutto perché il processo viene effettuato  in un tempo relativamente breve . Secondo Jala, ci vogliono solo tre settimane per creare un pezzo di pelle con un derma , l’epidermide, e la giunzione dermo-epidermica. Arrivare a questo punto, però, è stato un lungo processo per Jala. Per creare la sua pelle stampata in 3d , i ricercatori di  Jala prima han dovuto analizzare la vera pelle umana, prima di ricreare un modello digitale in 3d. Speciali algoritmi sono stati poi utilizzati per stampare i bio-inchiostri in strutture di simil-pelle, simili per aspetto e composizione alla vera pelle.

La stampa bio-ink 3D utilizzata da Jala è stata sviluppata e successivamente brevettato da LabSkin creazioni. E ‘composto da molti elementi, tra cui le cellule staminali umane, e può essere stampata in una struttura della pelle in un solo 1 minuto e 56 secondi. Il resto della richiesta di 21 giorni consistono  semplicemente nell’ attesa che la pelle stampata 3D maturi fino ad averne  l’aspetto, la composizione e la funzione della vera pelle. Una volta che questo periodo è trascorso, i ricercatori sono liberi di utilizzare la pelle asiatica artificiale per testare trucchi , saponi, e ogni sorta di prodotti per la pelle. Secondo Jala, la pelle artificiale dovrebbe reagire con i prodotti proprio come la pelle vera farebbe.

Jala è fiduciosa che la sua nuova tecnologia di bioprinting si rivelerà vantaggiosa in diversi modi: per cominciare, il test sarà più preciso di prove equivalenti sugli animali; in secondo luogo, le alterazioni alle cellule staminali e le ricette bio-ink potrebbero portare a soluzioni cosmetiche su misura per le persone con diversi tipi di pelle. “La cosmetica non è semplice”, ha commentato Zheng Chunying, presidente del gruppo Jala. “Ha bisogno di fornire ai consumatori la sicurezza. Con la tecnologia 3D bioprinting, Jala può testare e sviluppare una nuova generazione di prodotti naturali con l’utilizzo di tecnologie d’avanguardia, che ci permette di sviluppare i migliori prodotti per i consumatori “.

Be the first to comment on "La cinese Jala Group usa la pelle stampata in 3d con il bioprinting per testare i cosmetici"

Leave a comment