La Cina inaugura il primo laboratorio nazionale della stampa 3D

La Cina istituisce il primo laboratorio nazionale della stampa 3D per l’avanzamento delle tecnologie della manifattura addittiva.

Cina e il primo laboratorio nazionale della stampa 3dLa Cina è un front leader nella corsa alle tecnologie della stampa 3d. Oltre ad avere una grossa spinta dal mondo industriale anche il mondo consumer è interessato e compra in maniera copiosa.

Prismlab, una società cinese, tiene passo con  Carbon3D e ha annunciato una nuova tecnologia di stampa 3D SLA che sembra vicina alla CLIP e che in teoria può stampare 2.712 centimetri cubi in appena un’ora. Ma innumerevoli sono le eccellenze in campo tecnologico basti solo ricordare il trapianto con un osso stampato in 3d effettuato su un coniglio.
Forse ispirato dall’impegno di Obama per aiutare il “Movimento dei Maker”, come per esempio ospitare un Maker Faire alla Casa Bianca, il governo cinese ha recentemente dimostrato un crescente interesse per le tecnologie addittive di produzione e stanno mettendo in pratica una strategia di aiuto e posizionamento nel settore  per aiutare guidare il paese verso processi di produzione di nuova generazione: In questa ottica si inserisce  il laboratorio di ingegneria nazionale, che si concentrerà sulla stampa 3D.
La cerimonia di lancio del laboratorio allo stato dell’arte è stato fatto in collaborazione con la società cinese Hunan Farsoon Hi-Tech Co. Ltd., e si è tenuto alla fine di aprile 2015 ; ci sono già tre anni di di progetti in cantiere. La società, che è stata fondata nel 2009, si descrive come “un fornitore di soluzioni totali di sinterizzazione laser selettiva e di fusione che si è specializzata nel settore della R & S e nella produzione di attrezzature e materiali SLS e servizi di elaborazione di prototipazione rapida.” Farsoon serve principalmente settori come quello automobilistico, aerospaziale, il design industriale, il manifatturiero, il settore medico e l’architettura.

Anche se  Farsoon ha avuto un ruolo significativo nello sviluppo del laboratorio, hanno partecipato anche la Shanghai Jiaotong University e l’Accademia Cinese delle Scienze dell’Istituto ‘of Computing Technology – insieme con altre  aziende manifatturiere cinesi tra cui la Shanghai Fochif Meccatronica Technology Co. Ltd. e la Dongguan Janus Precision Components Co. che sono anche tra i soci fondatori del laboratorio.

Il presidente di Farsoon e direttore del laboratorio Xu Xiaoshu vuole concentrarsi sulla corrispondenza precisa dei colori dell’oggetto  e sul posizionamento di precisione per ottenere risultati più accurati. Inoltre, Xu oltre  alla precisione di fabbricazione del componente vuole una spinta nella velocità produzione di almeno il 100% . Altri progetti che sono stati delineati includono  lo sviluppo di nuove apparecchiature di produzione di additivi e lo sviluppo di almeno 15 nuovi materiali per la stampa 3D a base polimerica (con un focus su strutture complesse). Il laboratorio prevede di applicare  almeno 28 nuovi brevetti per nuove tecnologie e per materiali innovativi che sono in fase di sviluppo.

Naturalmente, mentre tutto questo aiuterà  il paese in diversi settori nei prossimi anni, non è un intervento che non richieda investimenti. Il nuovo laboratorio sarà finanziato e monitorato dal governo centrale, il cui obiettivo primario è quello di garantire che il paese abbia  una crescita sana nei settori sociali ed economici.

Be the first to comment on "La Cina inaugura il primo laboratorio nazionale della stampa 3D"

Leave a comment