La Cia investe nella Voxel 8 e nella sua stampante che stampa in 3d circuiti elettronici

In-Q-Tel, con legami con la US CIA, Investe in Electronics 3D Studio Printer Voxel8

Una delle aziende più promettenti degli ultimi sei mesi nello spazio stampa 3D è quella fondata dal Dr. Jennifer A. Lewis, Wyss Professore di Ingegneria biologa alla Harvard University, e si chiama  voxel8 stampante 3d.

La macchina, che stampa utilizzando materiali diversi, tra cui quello di una speciale filamento conduttore, è in grado di realizzare oggetti in plastica che hanno componenti elettrici complessi e circuiti incorporati. Cn un adeguato finanziamento, Voxel8 potrebbe cambiare il modo in cui produciamo elettronica, e potrebbe mettere il potere della produzione nelle mani del consumatore.

Già nel mese di dicembre, abbiamo riportato che la società ha ricevuto una iniezione di fondi da Braemar Energy Ventures. I termini della transazione, nonché l’importo del finanziamento, non sono state dichiarati pubblicamente, tuttavia, secondo il dottor Lewis sono sufficienti a  consentire alla società a portare la tecnologia al mercato massa

Ora, quasi tre mesi dopo, la società ha riportato un altro accordo di investimento e di sviluppo tecnologico, questa volta con una organizzazione che ha legamo  con la CIA  . Questa mattina infatti , Voxel8 annunciato che In-Q-Tel ha accettato i termini di un accordo di investimento che aiuterà l’azienda verso ulteriori progressi nel loro lavoro di sviluppo per la loro stampante elettronica 3D.

Lanciata nel 1999 come Peleo, con sede a Arlington (si Arlington … ) in,  Virginia,

La  Q-Tel è una società di venture capital non-profit che ha uno scopo; dotare le agenzie di intelligence come la CIA delle più recenti tecnologie disponibili al fine di sostenere le loro operazioni. Hanno strategicamente investito in diverse grandi aziende tecnologiche all’avanguardia, come D-Wave, Boreal Genomics, Cloudera, Facebook, Genia Photonics, e altre nel tentativo di servire gli interessi nazionali americani nel campo della  sicurezza.

“Siamo lieti di collaborare con Voxel8 per sviluppare ulteriormente la sua  tecnologia di stampa 3D”, ha detto Megan Anderson, Vice President di Q-Tel . “La personalizzazione, permessa  grazie alla tecnologia di Voxel8, consente agli utenti di creare rapidamente nuovi dispositivi senza l’inconveniente di attrezzature, scorte, e catene di fornitura connessi con metodi di produzione tradizionali.”

La ragione di interesse della CIA    è a evidente. Questa tecnologia potrebbe trasformare quasi tutti i mezzi di fabbricazione del pianeta, fornendo al contempo agli individui (buoni e cattivi),   il potere di fabbricare  dispositivi elettronici all’interno delle proprie case.

Be the first to comment on "La Cia investe nella Voxel 8 e nella sua stampante che stampa in 3d circuiti elettronici"

Leave a comment