LA chitarra stampata in 3d da Sandvik e Yngwie Malmsteen il famoso chitarrista che non riesce a romperla

LA STAMPA 3D DIVENTA HEAVY METAL: LA LEGGENDA DEL ROCK YNGWIE MALMSTEEN NON RIESCE A SPEZZARE LA CHITARRA STAMPATA 3D DI SANDVIK

Da Jimi Hendrix a Kurt Cobain – il chitarrista è una mossa caratteristica condivisa da molte leggende del rock. Ma cosa, se non altro, ha a che fare con la produzione additiva? In un caso studio insolito, il gruppo svedese di ingegneria Sandvik ha identificato questi distruttivi momenti del rock’n’roll come un’opportunità per dimostrare le sue tecniche di produzione avanzate. Di conseguenza, l’azienda ha prodotto la “prima chitarra stampata in 3D a prova di smash”.

Caratterizzato da un corpo in titanio stampato in 3D e un collo supportato dalla tecnologia in acciaio iper-duplex di Sandvik, questo strumento ha una forza super che ha dimostrato di avere le leggende del rock battute. Mettendolo alla prova, Sandvik ha sfidato il famoso chitarrista e smantellatore Yngwie Malmsteen per romperlo (allarme Spoiler: anche con queste abilità medie dimostrate di seguito, non poteva).

Malmsteen, un veterano di metalli pesanti e nominato dalla rivista TIME uno dei più grandi chitarristi elettrici del mondo , ha battuto le chitarre sul palco per oltre 30 anni. Tuttavia, in un video di Sandvik, sembra che abbia finalmente incontrato la sua partita. Dopo una performance dal vivo, suonando la chitarra, Malmsteen non è stato in grado di lasciare nemmeno un’ammaccatura nel suo caso. “Questa chitarra è una bestia! Sandvik è ovviamente in cima al loro gioco. Inseriscono il lavoro, fanno le loro ore, posso identificarlo “, ha commentato Malmsteen.

“IL RISULTATO È SORPRENDENTE. HO DATO TUTTO CIÒ CHE AVEVO, MA ERA IMPOSSIBILE DISTRUGGERE “.

Sandvik ha utilizzato le abilità del famoso chitarrista Andy Holt, di Drewman Guitars , per aiutare a progettare lo strumento. Prima di costruire la chitarra, Sandvik ha utilizzato i processi di simulazione che i produttori di automobili utilizzano per testare i veicoli in modo digitale. Questo è stato fatto per determinare le potenziali forze d’impatto per la chitarra, al fine di garantire la durata dello strumento.

Una complessa sfida di produzione

Il corpo della chitarra è stato fabbricato additivamente con polvere di titanio utilizzando una macchina DMLS ( Direct Metal Laser Sintering ). Ciò ha fornito al corpo una struttura meccanicamente forte e complessa, con strati microscopici di polvere di titanio fusi insieme utilizzando laser. Anche le manopole del volume e la cordiera della chitarra sono state create usando la stampa 3D. La divisione metallurgica Sandvik Coromant di Sandvik si è occupata della produzione del manico e della tastiera della chitarra, lavorandoli da un unico blocco solido di acciaio inossidabile.

“La produzione additiva ci consente di realizzare progetti estremamente complessi in piccole tirature”, ha dichiarato Amelie Norrby, ingegnere additivo alla produzione presso Sandvik.

“CI CONSENTE DI CREARE COMPONENTI PIÙ LEGGERI, PIÙ RESISTENTI E PIÙ FLESSIBILI CON STRUTTURE INTERNE CHE SAREBBERO IMPOSSIBILI DA FRESARE TRADIZIONALMENTE. ED È PIÙ SOSTENIBILE PERCHÉ UTILIZZI SOLO IL MATERIALE NECESSARIO PER IL COMPONENTE, RIDUCENDO AL MINIMO GLI SPRECHI. ”

La chitarra stampata 3D a prova di smash di Sandvik. Immagine via Sandvik.
La chitarra stampata 3D a prova di smash di Sandvik. Immagine via Sandvik.
Gli ingegneri di Sandvik hanno identificato la parte della chitarra dove il collo si unisce al corpo come il principale punto debole dello strumento che il team avrebbe dovuto superare per impiantarlo con proprietà infrangibili. Per risolvere questo problema, Sandvik ha unito il collo e il corpo insieme come un unico pezzo. Al fine di rafforzare ulteriormente questo punto, Sandvik ha anche utilizzato una struttura di supporto reticolare collocata tra il collo e la tastiera. Questa struttura è stata realizzata con l’acciaio “iper-duplex” di Sandvik, che offre alti livelli di resistenza alla corrosione e resistenza meccanica. Secondo la compagnia, la parte reticolare è la struttura più forte del mondo per un dato peso.

Klas Forsström, Presidente di Sandvik Machining Solutions, ha dichiarato: “Non realizziamo prodotti per i consumatori, quindi le persone non si rendono conto di quanto in anticipo siano i nostri metodi”.

“CREARE UNA CHITARRA A PROVA DI SMASH PER UN MUSICISTA ESIGENTE COME MALMSTEEN METTE IN EVIDENZA LE CAPACITÀ CHE PORTIAMO A TUTTE LE COMPLESSE SFIDE DI PRODUZIONE.”

Negli ultimi anni Sandvik ha investito molto nelle sue capacità di produzione additiva. Nel 2018, la società ha stanziato $ 25 milioni per costituire uno stabilimento specializzato per la produzione di polvere di metallo additivo in Svezia.

Be the first to comment on "LA chitarra stampata in 3d da Sandvik e Yngwie Malmsteen il famoso chitarrista che non riesce a romperla"

Leave a comment