La carne e la possibilità di stamparla in 3d

Carne stampata in 3D: un grande potenziale per il futuro, ma le sfide persistono ancora

Nell’applicazione della stampa 3D nella produzione di carne , i ricercatori approfondiscono ulteriormente le possibilità della produzione additiva con il cibo. Mentre ci sono state alcune incursioni nella fabbricazione tridimensionale della carne , la produzione di alimenti più redditizia si è riferita più all’estrusione di dolci, pane e oggetti più favorevoli all’essere espressi attraverso un ugello. Gli autori sottolineano che alcuni dei più grandi benefici nella stampa 3D possono essere tradotti per essere utilizzati con il cibo poiché oggi molti consumatori hanno esigenze dietetiche speciali e la tecnologia di stampa 3D consente la personalizzazione completa, anche con la possibilità di aggiungere vitamine specifiche al cibo, insieme a sapori e diverse strutture.

La personalizzazione del cibo non è certo una novità, in quanto gli chef di tutto il mondo hanno creato piatti speciali per eoni; tuttavia, gli “artigiani” oggi sono spesso sfidati a creare piatti unici, in quanto tali possono essere proibitivi dal punto di vista dei costi.

“La gastronomia digitale porta le conoscenze culinarie nella produzione di alimenti in modo che la nostra esperienza culinaria possa andare oltre il semplice gusto e coprire tutti gli aspetti della gastronomia”, affermano i ricercatori.

Possono essere affrontate così tante condizioni di salute diverse, soprattutto per le persone che potrebbero avere difficoltà a mangiare, masticare o deglutire il cibo. Il team di ricerca spiega che il più grande potenziale per il cibo personalizzato risiede nelle tecniche di stampa 3D come:

Estrusione
Stampa a getto d’inchiostro
Deposizione vincolante
Bioprinting
La loro scelta numero uno per la creazione di cibo, tuttavia, è naturale, con l’estrusione:

“L’unità di estrusione a base di siringa è idonea per stampare materiali alimentari con alta viscosità e alta resistenza meccanica, per fabbricare strutture 3D complesse con alta risoluzione. L’estrusione a base di aria compressa e l’estrusione a base di siringa non consentono l’alimentazione continua di materiali alimentari durante la stampa. La viscosità del materiale morbido dovrebbe essere sufficientemente bassa da poter essere facilmente estrusa attraverso un ugello fine e abbastanza alta da contenere gli strati successivamente depositati “, hanno affermato i ricercatori.

Tuttavia, sono ancora presenti sfide significative per quanto riguarda la precisione nella fabbricazione, le prestazioni nell’elaborazione e problemi con sapore, struttura e “meccanismi di legame”. Finora, la maggior parte della lavorazione della carne nella stampa 3D è stata in forma liquida, il che ha senso per l’estrusione; tuttavia, questo potrebbe non essere favorevole alla presentazione di un prodotto gourmet da qualsiasi sforzo. L’aggiunta di altri componenti leganti, tuttavia, come la gelatina, dovrebbe migliorare la lavorazione della carne.

Tecniche come l’elettrofilatura possono anche essere benefiche, con conseguente carne che è la forma e la dimensione desiderata, creata da forti micro-fibre. L’elettrofilatura può anche essere più favorevole al buon sapore grazie al vantaggio fibroso. La microincapsulazione è un’altra tecnica che potrebbe essere utile in quanto comprime insieme vitamine, minerali e oli, con un sistema di testa multi-stampa.

“Per una migliore comprensione della stampabilità, le impostazioni 3DP e le condizioni di post-elaborazione del prodotto stampato sono necessarie per ottimizzare la formulazione attraverso le proprietà reologiche e meccaniche della pasta di manzo. Ulteriori ricerche potranno essere condotte con materiali di carne bovina al fine di migliorarne il valore nutrizionale e il profilo sensoriale mediante l’aggiunta di ingredienti bioattivi e includendo strutture interne complesse, “hanno concluso i ricercatori.

“L’applicazione di nuove tecnologie alla stampa alimentare 3D come l’elettrofilatura e l’incapsulamento può contribuire a migliorare i prodotti a base di carne stampati in 3D e diventare un potenziale modo di fabbricare prodotti su richiesta”.

Altre società come Oceanz e Cooperative Door stanno sperimentando la creazione di verdure stampate in 3D tramite rifiuti alimentari riciclati (Foto: ‘ Oceanz e Cooperative DOOR Partner per fermare rifiuti alimentari con verdure stampate in 3D ‘)

La stampa 3D e il cibo sono uno dei temi più allettanti, e mentre la fabbricazione della carne è certamente un concetto interessante, i ricercatori negli ultimi anni hanno portato anche cioccolato stampato in 3D , pancake , una varietà di prodotti salati e molto altro ancora la nostra attenzione In definitiva, i consumatori dovrebbero avere un maggiore controllo sul modo in cui il loro cibo viene elaborato e prodotto a casa, così come nei ristoranti e in molti contesti istituzionali.

Be the first to comment on "La carne e la possibilità di stamparla in 3d"

Leave a comment