La brasiliana Denise Vicentin e la protesi facciale stampata in 3d

Denise Vicentin, una sopravvissuta al cancro brasiliana che ha perso l’occhio destro e parte della mascella, ha ricevuto una protesi facciale sviluppata utilizzando un prototipo stampato in 3D.

I ricercatori dell’Università Paulista (UNIP) di San Paolo, in Brasile, hanno implementato il suo metodo, pubblicato sul Journal of Otolaryngology – Head & Neck Surgery , che utilizza uno smartphone per catturare le impressioni facciali digitali dei pazienti con difetti maxillo-facciali. Questi dati vengono quindi utilizzati per creare protesi facciali prodotte in modo economico.

“In passato, il lavoro richiedeva molto più tempo, ore di scultura a mano e il processo era molto invasivo, con materiale sul viso del paziente per ottenere un’impronta del loro aspetto”, ha spiegato Rodrigo Salazar, ricercatore capo e Postgraduate UNIP Scuola dentale.

Vicentin, 53 anni, è stato diagnosticato un tumore facciale 30 anni fa. Fu quindi rimosso due volte ma restituito in forma maligna 20 anni dopo. Come risultato del suo precedente trattamento, ha difficoltà a mangiare e il suo linguaggio è confuso. Nel 2018, Luciano Dib , supervisore dello studio e UNIP Postgraduate Dental School, ha iniziato a sviluppare il metodo della protesi dopo aver visto la stampa 3D utilizzata in un centro commerciale.

Poco dopo, Dib ha iniziato a lavorare con Vicentin per produrre una protesi personalizzata. Quindi, ha subito più interventi chirurgici per costruire il suo tessuto facciale. Dib ha quindi impiantato aste di titanio nella sua cavità oculare per trattenere la protesi. I ricercatori hanno scattato 15 foto della faccia di Vicentin da varie angolazioni, che sono state utilizzate per realizzare il modello 3D.

Una protesi prototipale stampata in 3D è stata quindi utilizzata per creare il dispositivo finale in 12 ore, prodotto da silicone, resina e fibre sintetiche. Questo è stato poi dipinto per abbinare la pelle e il colore degli occhi di Vicentin.

Dopo il successo della protesi di Vicentin, Dib e Salazar progettano di aprire un centro di trattamento per la riabilitazione protesica facciale costruito dall’UNIP nel 2021. Come affermato dai ricercatori, la creazione di una protesi per Vicentin utilizzando tecniche convenzionali comporterebbe un costo fino a $ 500.000. Il loro metodo richiede un computer e uno smartphone.

Altrove, le aziende stanno anche facendo avanzare impianti e protesi maxillo-facciali che integrano la produzione additiva. In precedenza, la società di software lettone 3D, WiDE , aveva ricevuto un marchio CE per il suo software che consente agli utenti di iterare rapidamente le protesi stampate in 3D in nuove dimensioni. Inoltre, il Québec Industrial Research Center (CRIQ) ha installato una macchina Q10 Plus GE Additive Arcam Electron Beam Melting (EBM) nella sua struttura per accelerare lo sviluppo di impianti mascellari inferiori specifici del paziente.

Lo studio UNIP, “Fotogrammetria monoscopica per ottenere modelli 3D con un dispositivo mobile: un metodo per realizzare protesi facciali” è scritto da Rodrigo Salazar-Gamarra, Rosemary Seelaus, Jorge Vicente Lopes da Silva, Airton Moreira da Silva e Luciano Lauria Dib.

Be the first to comment on "La brasiliana Denise Vicentin e la protesi facciale stampata in 3d"

Leave a comment