La BP British Petrolium e la stampa 3d

La multinazionale britannica di petrolio e gas BP ha confermato che sta usando la stampa 3D per produrre componenti per la sua attività petrolchimica. In precedenza la società ha iniziato a integrare la produzione additiva per produrre parti all’interno della propria divisione chimica, compresi gli agitatori utilizzati all’interno dei reattori catalitici.

Secondo i recenti commenti di David Eyton , responsabile della tecnologia di BP, “le stampanti 3D sono fantastiche per realizzare dispositivi personalizzati”.

“POTREBBE ESSERE DECISIVA PER LE CATENE DI FORNITURA DEL PRODOTTO si può creare DOVE NE HAI BISOGNO.”

Si dice che la BP investirà circa 400 milioni di dollari all’anno in ricerca e sviluppo e progetti pilota e sperimentazioni di nuove tecnologie. Essendo una delle sette maggiori compagnie petrolifere quotate in borsa e quotate in borsa, comunemente conosciute come “una delle sette sorelle”, investe ulteriori 200 milioni di dollari all’anno in innovazione basata sull’energia attraverso il suo fondo interno BP Ventures .

Utilizzando la produzione additiva, BP mira a creare tubi e componenti aggiuntivi per piattaforme offshore. La società sta anche esplorando altre tecnologie 4.0 del settore e la stampa 3D, come i droni per le ispezioni di routine dei gasdotti in Alaska e i “crawler” – dispositivi robotici utilizzati per monitorare la corrosione nelle tubature e nei montanti.

Secondo Eyton, che ha supervisionato l’operazione tecnologica globale della BP per un decennio, l’uso della società da parte dei Big Data ha aumentato la produzione di petrolio dal Mare del Nord del Regno Unito all’Alaska e all’Indonesia. Eyton ha aggiunto:

“IL POTENZIALE QUI È ENORME. IMPARI A FARE LE COSE MEGLIO. “

Concentrandosi su parti specifiche che potrebbero trarre beneficio dal processo, Eyton spiega: “Realizzando tubi metallici devi misurare molto accuratamente ciò di cui hai bisogno”

“DEVI ASPETTARE QUALCUNO A TERRA PER RECUPERARE IL PEZZO DI TUBO, QUINDI SPEDIRLO E INSTALLARLO. SAREBBE DAVVERO BELLO SE POTESSI STAMPARLO IN SITU. SALVEREBBE UN SACCO DI GUAI […] CI SONO ALCUNE COSE CHE CI PIACEREBBE FARE MA I DISPOSITIVI NON CI SONO ANCORA. “

Come esempio, la produzione di un fascio di elettroni (EBM) è stata precedentemente utilizzata per produrre componenti per oleodotti e gasdotti. La Nanfang Additive Manufacturing Technology Co. precedentemente aveva stampato in 3D un prototipo di bombola a pressione per un progetto offshore con l’Istituto di ricerca sull’energia nucleare in Cina.

Nel 2018, la società di garanzia della qualità e gestione dei rischi globale DNV GL ha pubblicato in particolare la sua prima linea guida sulla classificazione per la produzione additiva nei settori marittimo e del petrolio e del gas.

Be the first to comment on "La BP British Petrolium e la stampa 3d"

Leave a comment