La biostampante a meno di 500 dollari open source porta il bioprinting alla portata di tutti

Questa stampante open source da  500dollari  potrebbe diventare la RepRap fra le biostampanti  3D?
I ricercatori del laboratorio di Adam Feinberg della Carnegie Mellon University hanno sviluppato una bioprinter 3D open source che può essere realizzata in modo economico utilizzando una stampante 3D desktop modificata. Il componente dell’estrusore di grande volume (LVE) della bioprinter può essere stampato in 3D.

Questo sistema di bioprinting open source può essere costruito con meno di   500 dollari

Il bioprinting 3D è una tecnologia chiave nel campo della medicina rigenerativa e ha aperto nuove strade per i ricercatori biomedici alla ricerca di nuovi mezzi di trattamento per i pazienti. Il problema è che pochissimi ricercatori possono effettivamente mettere le mani su una bioprinter, con la maggior parte dei modelli che hanno un prezzo di cinque o sei cifre, spesso all’estremità superiore di tale intervallo.

Questi complessi sistemi di bioprinting sono costosi per una ragione, i ricercatori dovrebbero essere grati per ogni opportunità che ricevono per ottenere una bioprinter meno costoso, e nuove ricerche presso l’università di Carnegie Mellon potrebbero fornire questa opportunità.

I ricercatori del laboratorio del professore associato Adam Feinberg hanno condotto uno studio sul loro sviluppo di un bioprinter open source a basso costo che può essere parzialmente stampata in 3D e che in realtà consiste in una stampante 3D desktop standard combinata con altre parti.

“Quello che abbiamo creato”, spiega Kira Pusch, un laureato in Scienze dei materiali e ingegneria, “è un estrusore a pompa di grandi dimensioni che funziona con quasi tutte le stampanti FDM (Fused Deposition Modeling) open source. Ciò significa che è un adattamento economico e relativamente facile per le persone che usano stampanti 3D. ”

La bioprinter 3D è quindi completamente diversa dalla maggior parte dei sistemi di bioprinting commerciali, che sono in genere costosi, closed-source e quasi impossibili da modificare. Questa bioprinter open source, dicono i ricercatori, è allo stesso tempo economico e hackerabile.

“Essenzialmente, abbiamo sviluppato una bioprinter che puoi costruire per meno di  500 dollari, che direi che è almeno alla pari di molte che costano molto di più”, afferma Feinberg. “La maggior parte delle bioprinters 3D inizia tra   10 e 20mila dollari. Questa è significativamente più economica e forniamo video didattici molto dettagliati. ”

Ma mentre questa è indubbiamente una soluzione di bioprinting a prezzo ridotto, gli scienziati di Carnegie Mellon insistono sul fatto che il sistema funzioni molto bene. L’estrusore a basso volume stampabile 3D consente agli utenti di stampare tessuti umani artificiali su larga scala e ad alta risoluzione, evitando il solito “trade-off” che richiede una stampa grande o dettagliata.

“Il bioprot 3D di LVE ci consente di stampare strutture di tessuti molto più grandi, alla scala di un intero cuore umano, con alta qualità”, afferma Feinberg.

Il team di Feinberg ha già messo insieme la bioprinter 3D DIY utilizzando una stampante 3D desktop super economica, il Printrbot Simple . Nella loro ricerca, hanno utilizzato questa configurazione fai-da-te con un materiale per la stampa 3D di alginato e la tecnica Freest Reversible Embedding of Suspended Hydrogels (FRESH) del laboratorio Feinberg.

I ricercatori di Carnegie Mellon hanno utilizzato una PrintrBot Simple per il loro studio, anche se potrebbero essere utilizzate altre stampanti 3D desktop

E mentre in passato abbiamo visto altri progetti di bioprinting in fai-da-te , la natura semplice di questo particolare sistema è sicura di attirare un gran numero di ricercatori che cercano di rimanere incastrati nella bioprinting. Feinberg, da parte sua, non potrebbe essere più felice: “Si tratta davvero di democratizzare la tecnologia e cercare di portarla nelle mani di più persone”, dice.

La speranza ora è di vedere la ricerca costruita da altre organizzazioni, in modo che la biostampa diventi una pratica svolta da più di un semplice laboratorio.

“Immaginiamo che questa sia la prima di molte tecnologie che introduciamo nell’ambiente open source per far avanzare il campo”, afferma Feinberg. “È qualcosa in cui crediamo veramente.”

Feinberg e Pusch si sono uniti alla ricerca del collega postdottorato di ingegneria biomedica TJ Hinton. La loro ricerca è stata pubblicata sulla rivista HardwareX .

Be the first to comment on "La biostampante a meno di 500 dollari open source porta il bioprinting alla portata di tutti"

Leave a comment