La belga Aerosint raccoglie quasi un milione di dollari

La società di stampa 3D belga Aerosint ha annunciato di aver chiuso un round finanziario da 850.000 euro.

Investitori storici Il gruppo Meusinvest e il Fondo per l’innovazione hanno partecipato a questo secondo round di finanziamento, ma anche l’investitore privato Peter Mercelis. Mercelis che è co-fondatore di LayerWise, società con sede a Leuven, che si è concentrata sulla stampa 3D in metallo per applicazioni mediche ed è stata acquistata da 3D Systems nel 2014. Dopo il suo recente investimento, Peter entrerà a far parte del consiglio di amministrazione di Aerosint.

“Peter vanta oltre 15 anni di esperienza nella stampa 3D per il progetto”, ha dichiarato Edouard Moens, cofondatore e CEO di Aerosint. “Siamo convinti che la sua esperienza unica e la sua rete nella stampa 3D apriranno nuove porte alla tecnologia Aerosint. Peter ha una forte reputazione nel settore della stampa 3D e siamo entusiasti di avere la possibilità di lavorare con lui. ”

Aerosint ha inventato quello che definisce il ” primo processo di stampa 3D del letto in polvere multi-materiale “, consentendo la stampa 3D polimerica ad alte prestazioni con zero sprechi e ampie possibilità di materiali. L’azienda afferma che questo è il primo (e ora solo) processo di stampa a più polveri in grado di stampare parti di materiali diversi fondendo strati di polvere composti da più di una polvere.

Funziona utilizzando una nuova tecnologia di erogazione multi-polvere, con un dispensatore composto da più tamburi di modellazione (uno per tipo di polvere) che depositano selettivamente voxel di polvere fine linea per linea. Questo processo produce uno strato di polvere pronto per la sinterizzazione composto da più di un materiale di base e può stampare a velocità fino a 200 mm / s – paragonabile alle attuali velocità di spostamento del ricusore SLS e oltre dieci volte più veloce del limite superiore di un teorico array di pipette.

I vantaggi della nuova tecnologia Aerosint sono maggiori rispetto alla semplice combinazione di più polveri in un unico processo di stampa 3D. Oltre a questa utile funzionalità, la tecnologia produce anche scarti praticamente nulli: utilizzando una polvere di supporto inerte, gli utenti possono eliminare la degradazione della polvere che di solito si verifica quando si utilizza lo stesso polimero sia dell’oggetto che del materiale di supporto. Di conseguenza, poiché non si verifica alcun degrado della polvere di supporto, tutto può essere riutilizzato nel successivo lavoro di stampa.

 

Questo ultimo round di finanziamento sarà utilizzato per rafforzare il portafoglio brevetti esistente, finanziare progetti di sviluppo collaborativo e far avanzare ulteriormente la tecnologia. Aerosint prevede inoltre di raddoppiare il suo attuale team di sei nei prossimi 1-2 anni per accelerare lo sviluppo e ridurre il time to market.

“Quando ho incontrato per la prima volta il team di Aerosint, sono stato subito convinto dalla loro forza di gruppo e dall’intelligenza e dalla robustezza della loro tecnologia di base”, ha dichiarato Mercelis. “Ciò che hanno ottenuto con un team relativamente piccolo in soli 2 anni di sviluppo è abbastanza impressionante. La loro tecnologia è una vera innovazione che apre le porte a molte opportunità davvero uniche nella stampa 3D di polimeri, metalli e ceramica e oltre. Allo stesso tempo, la tecnologia è perfettamente compatibile con molti dei metodi di stampa esistenti. Rimangono sfide tecniche ma nessuna che non può essere superata. Credo che i prossimi mesi saranno molto entusiasmanti per l’azienda ora che il loro primo prototipo di sinterizzazione completa è pronto. ”

“Riteniamo che il progetto abbia un grande potenziale e un chiaro valore economico in un settore in rapida crescita”, ha dichiarato Marc Foidart, Vice Direttore Generale di Muesinvest Group. “Peter Mercelis sarà un’aggiunta importante al consiglio di amministrazione e contribuirà ad accelerare lo sviluppo di Aerosint.”

Be the first to comment on "La belga Aerosint raccoglie quasi un milione di dollari"

Leave a comment