La 3D Print Week (Si3d) Di Buenos Aires

In Sud America, un evento ha riunito esperti e idee per la stampa 3D in ambito sanitario

La 3D Print Week (Si3d) presso l’ Istituto Tecnologico di Buenos Aires (ITBA), in Argentina, ha riunito esperti professionisti della stampa 3D e della produzione additiva locali. Da imprenditori a studenti, esperti del settore e mondo accademico, anche i professionisti medici e dentisti sono stati invitati a fare rete in un ambiente che abbraccia l’impatto della stampa 3D nei settori dell’industria e della sanità. I partecipanti hanno anche potuto stampare i loro progetti gratuitamente presso l’ università 3D Lab completamente attrezzata, che ospita una stampante 3D PolyJet Stratasys J750, due Fortus 250mc, un Fortus 450mc, un Objet Alaris30, una macchina CNC e due stampanti desktop. L’evento di due giorni volto a mettere in luce le crescenti funzionalità della stampa 3D nella regione, ha anche fornito all’industria un luogo per discutere del futuro della tecnologia 3D. Esperti di ITBA, Stratasys, Hornero 3DX, e il Garrahan Children’s Hospital hanno condiviso le loro esperienze con modelli di stampa 3D, materiali e applicazioni. Alcuni degli argomenti discussi sono stati la biostampa 3D, la scansione facciale 3D e il software, la stampa 3D in una centrale nucleare, così come la realizzazione di splint con la scansione 3D e la stampa 3D. Si3d è un must per il calendario annuale in Argentina, dove solo due importanti eventi di stampa 3D si svolgono ogni anno e il settore locale della stampa 3D impiega più tempo del previsto per il decollo.

L’ ingegnere aeronautico e co-fondatore di Hornero 3DX , una delle aziende leader in Argentina nella fornitura di soluzioni di stampa 3D per il settore pubblico e privato, Federico Bertoli, ha parlato con 3DPrint.com come la dura realtà che affronta la maggior parte degli sviluppatori di stampanti 3D locali.

“Nel 2014 abbiamo iniziato a progettare macchine da stampa 3D, ma la mancanza di incentivi per i produttori locali (che devono competere con le stampanti 3D cinesi economicamente convenienti), una diminuzione degli investimenti per le start-up e un finanziamento molto basso per le aziende tecnologiche, reso Avevamo investito in un investimento ad altissimo rischio, quindi abbiamo deciso di importare macchine in grado di soddisfare le esigenze dei nostri clienti “, ha dichiarato Bertoli, che ha esposto alcune delle stampanti 3D che la sua azienda sta attualmente vendendo, incluse quelle della BCN3D Technologies di Barcellona e Zortrax . “Creare tecnologia 3D è piuttosto difficile in Argentina. Altri paesi vicini, come Il Brasile ha fatto molta strada perché ha investito seriamente nel settore, dove i produttori locali hanno intensificato la ricerca e lo sviluppo grazie al supporto che ricevono dallo stato e hanno accesso a ogni sorta di opzioni di finanziamento. Quindi, mentre in Argentina possiamo vendere 10 macchine al mese, il Brasile è più vicino a 100. Anche se c’è un grande interesse da parte di molte piccole e medie imprese che desiderano acquisire la tecnologia, la maggior parte dei nostri clienti si sta avvicinando, provando a sopravvivere all’attuale recessione, che si traduce in un numero ancora minore di investimenti in stampanti 3D. “

dav

Mentre decine di studenti, appassionati di stampa 3D e imprenditori hanno attraversato i corridoi affollati dell’università, fermandosi in ogni stand, parlando agli esperti di alcune delle sfide che si presentano durante la stampa 3D, workshop e pannelli mostrano progetti di successo nella stampa 3D e scansione 3D. L’atmosfera vivace di una delle migliori università dell’America Latina, situata nell’elegante quartiere di Puerto Madero (molto noto tra i turisti che viaggiano a Buenos Aires) è stata un’ottima cornice per l’evento, soprattutto perché molte persone sono state molto entusiaste di stampare da sole progetti gratuiti presso il 3D Lab. Dai token di Harry Potter agli occhiali per i bambini che non possono permetterseli, le dozzine di progetti stampati in 3D hanno avuto un successo furioso tra i partecipanti.

Trideo , uno dei principali produttori locali di stampanti 3D, ha partecipato all’evento, presentando alcuni pezzi originali e accattivanti. Il suo co-fondatore, Nicolas Berenfeld, ha spiegato a 3DPrint.com perché considera anche il Paese un posto molto difficile per un’azienda di hardware:

“Alcuni anni fa, in Argentina c’erano un sacco di sviluppatori di stampanti 3D, tuttavia un aumento delle importazioni significava che molti dovevano chiudere le loro porte e passare a un modello di business diverso, per lo più rivenditori di stampanti 3D importate. Questo approccio non è del tutto utile per lo sviluppo della tecnologia di stampa 3D nel paese, dal momento che non genera conoscenze o aggiunge valore all’industria “.

Originario del Belgio, Berenfeld è arrivato in Argentina con una laurea in ingegneria aziendale, con la convinzione che la stampa 3D può cambiare il modo in cui facciamo le cose e la necessità di sviluppare la tecnologia in America Latina. La sua azienda, Trideo, produce stampanti 3D desktop e industriali e offre servizi di stampa 3D professionali per specifiche esigenze del settore. Anche se i loro stampatori industriali e professionali sono un grande successo tra molte piccole e medie imprese locali, l’imprenditore sperava che Buenos Aires diventasse uno dei grandi centri di stampa 3D in America Latina.

“In questo momento, il Paese non ha le giuste condizioni per esportare stampanti 3D o hardware in generale. Le imprese che esportano nel mondo affrontano una domanda maggiore e, nelle giuste condizioni, possono operare a scale più ampie dove il prezzo per unità di prodotto è inferiore, ma ciò non accade in Argentina. Paesi come la Spagna, la Turchia e molti in Asia hanno chiesto stampanti 3D da Trideo, ma non abbiamo le dimensioni per farli “, ha spiegato Berenfeld.

Tuttavia, afferma che il settore della tecnologia 3D ha iniziato a crescere in altri modi, ci sono più consulenti di stampa 3D, applicazioni di prototipazione, stampi per colata, pezzi di ricambio per stampanti 3D importate e persino sviluppatori di filamenti (come Printalot ).

Durante l’evento altamente pubblicizzato, molti operatori sanitari sono saliti sul palco per un’introduzione ad alcuni degli usi medici più innovativi per la stampa 3D. Rodrigo Salazar Gamarra, chirurgo dentista e innovatore della stampa 3D che crea protesi facciali con tecnologia 3D a basso costo , ha spiegato come i suoi metodi open source e convenienti aiutino le persone di tutto il mondo, specialmente nelle comunità povere in cui c’è una grande domanda e necessità per soluzioni sanitarie all’avanguardia e rapide. Inoltre, uno degli ultimi studi del Renato Archer Information Technology Center in Brasile, dove Salazar fa molto del suo lavoro, ha indicato che l’uso di biomodelli personalizzati per complesse operazioni maxillo-facciali può ridurre i tempi chirurgici tra il 25% e il 62%, ridurre i tempi di recupero in ospedale del 50% e avere un totale riduzione dei costi superiore al 24%.

Molti progetti si sono concentrati sulla prototipazione sanitaria

A livello locale, gli scienziati Diego Fridman, Pablo Luchetti e Luciano Poggi hanno rivelato un nuovo dispositivo chirurgico di incisione e chiusura realizzato con tecnologia di stampa 3D, INCLODE , che può essere posizionato prima di un’incisione chirurgica e non richiede punti per chiudere la ferita . È ciao ciao cicatrici una volta che il dispositivo è approvato per l’uso negli esseri umani; attualmente, è nelle fasi di pre-produzione. Il dispositivo, che ha vinto l’ Israel Innovation Award alla fine del 2018, consiste in un foglio adesivo con una guida per l’incisione e ne consente l’espansione e la successiva chiusura, con l’aiuto di una tenuta meccanica.

“Il medico può lavorare sulla ferita e una volta terminato il lavoro, la pelle ritorna nella sua posizione originale. La cosa fantastica del gadget è che riduce i tempi operativi, cucire una ferita impiega tra i 15 ei 20 minuti, mentre INCLUDE fa il lavoro in pochi secondi “, ha aggiunto Poggi.

Stampa live di protesi dentali durante l’evento

Interessato anche a come la stampa 3D fa progredire la medicina è il direttore della filiale di Stratasys per la regione dei Caraibi e dell’America Latina, Juan Carlos Miralles. In Si3d, ha sottolineato quanto sia importante per gli ospedali avere stampanti 3D, consentendo ai medici di risparmiare fino al 60% nei tempi di intervento. Secondo l’esperto, un ottimo esempio è la Clinica Las Condes, un istituto sanitario privato in Cile, che ha acquisito una macchina Stratasys monomateriale tre anni fa che stampa con alta precisione e può sviluppare modelli ossei accurati.

“L’utilizzo di biomodelli personalizzati per la pianificazione chirurgica ha dimostrato di aumentare la probabilità di successo del 90%, che è una grande notizia per gli oltre 16.000 interventi chirurgici ortopedici della colonna vertebrale ogni anno. La tecnologia utilizzata nel sistema sanitario del paese potrebbe aiutare oltre 700.000 pazienti all’anno nella regione “, ha proposto.

Miralles è principalmente interessato al settore sanitario e ha proseguito spiegando come la stampa 3D potrebbe avvantaggiare gli studenti di medicina che affrontano molte difficoltà quando cercano di utilizzare cadaveri durante i primi anni di pratica della scuola medica. Per anni, le scuole di medicina di tutto il mondo hanno suggerito che c’è carenza di cadaveri , in parte a causa dell’aumento delle donazioni di organi, e cadaveri senza i loro organi non sono adatti per l’educazione medica.

“Trovare cadaveri per la pratica medica è molto difficile, e quando i laboratori di ricerca universitari riescono finalmente a ottenerli, hanno bisogno di una temperatura e di procedure specifiche per evitare la decomposizione. Anche gli studenti di medicina sono limitati perché non possono scegliere un corpo che ha subito una malattia o condizione specifica, quindi è qui che la tecnologia di stampa 3D diventa estremamente utile, essere in grado di scansionare la tomografia di un paziente, riprodurlo e studiare un caso specifico potrebbe facilitare i professionisti e studenti.”

La filiale di Stratasys America Latina ha lavorato a stretto contatto con ospedali, università, istituti di ricerca e aziende dal 2013 per fornire loro la migliore tecnologia di stampa 3D. In Cile, alcune istituzioni hanno squadre con un’elevata capacità tecnologica per realizzare biomodelli precisi, come l’ Università di Santiago del Cile e ospedali come Clinica Las Condes e Orema Clinic . Attualmente, la società con sede in Israele ha circa un migliaio di macchine in Sud America.

“La stampa 3D si sta dimostrando una nuova ed efficiente forma di produzione per soddisfare le richieste del mercato attuale e ci aspettiamo che il nostro istituto di istruzione prepari gli studenti e gli innovatori di stampa 3D con esperienza ed esperienza nella stampa 3D e nelle applicazioni di produzione additiva. In ITBA, siamo molto interessati all’impatto che la tecnologia ha sui settori medico e industriale, e le università locali stanno spingendo i limiti di ciò che può essere fatto, lavorando a fianco di esperti medici e specialisti di ingegneria “, ha dichiarato Jorge Leporati, coordinatore del Digital Manufacturing Laboratory presso ITBA.

L’evento è stato un grande successo. Con una maggioranza di studenti di ingegneria tra i partecipanti, era chiaro che una volta che molti di loro hanno conseguito la laurea, hanno in programma di lavorare con le tecnologie di stampa 3D. Forse tra qualche anno, Buenos Aires standardizzerà i processi, aumenterà la produzione e investirà di più nello sviluppo di AM. Fino ad allora, gli esperti suggeriscono che vedremo il mondo accademico avanzare più rapidamente rispetto all’industria stessa. E mentre produttori e appassionati spingono per ulteriori incentivi governativi per le aziende locali, la Camera Argentina di stampa 3D e produzione additivasta cercando di mettere insieme un altro evento di stampa 3D a fine luglio per approfondire la conoscenza, condividere esperienze e ottenere la parola su ciò che stanno facendo. È un futuro incerto per molti imprenditori che si aspettano che un’economia migliorata nei prossimi anni andrà a beneficio delle loro aziende, ma fino ad allora devono collaborare e collaborare per mantenere attivo e funzionante l’industria della stampa 3D.

Be the first to comment on "La 3D Print Week (Si3d) Di Buenos Aires"

Leave a comment