l Museo culturale della stampa 3D in Cina ha stampato in 3d il quadro de La Gioconda di Leonardo da Vinci in versione pixelata

Per onorare l’incredibile genio di Leonardo Da Vinci, il Museo culturale della stampa 3D in Cina ha presentato una delle sue opere più famose, la Gioconda, come un grande dipinto pixel stampato in 3D. Ad un’altezza di 4,5 metri e 3,5 metri di larghezza, il pezzo commemorativo celebra il 500 ° anniversario della morte di Da Vinci, che è stato celebrato nel 2019 in tutto il mondo con eventi, mostre e persino fiere. L’enorme scala di grigi stampata in 3D Mona Lisa viene esposta nella hall del museo, che si trova in uno degli edifici del parco dell’innovazione Wisdom Bay nel distretto di Baoshan, di solito indicato come il primo parco scientifico popolare di Shanghai.

Come riportato in origine dal notiziario cinese NetEase , la nuova versione di Mona Lisa è un tentativo di combinare arte e scienza, sfruttando appieno il valore esteso dell’opera d’arte stessa e mettendo in mostra la versatilità dell’opera di Da Vinci.

Per ricreare la massiccia Gioconda, gli esperti del museo hanno dovuto trasformare l’immagine in pixel che potevano successivamente stampare e assemblare. Per fare ciò, hanno utilizzato l’intelligenza artificiale frattale (AI) per ottimizzare l’immagine attraverso i processi di automazione, nonché la modellazione computerizzata per creare formati di file compatibili con la stampa 3D per produrre i pixel in lotti. La combinazione di AI e tecnologia di stampa 3D ha rappresentato la soluzione ideale al problema della personalizzazione e ha contribuito a scomporre il dipinto originale negli elementi desiderati.

In questo caso, l’immagine originale fu divisa in 130 pezzi che, a loro volta, furono ulteriormente divisi in cinque unità più piccole. Ognuno dei 130 pixel che compongono l’intero lavoro è stato prodotto in modo aggiuntivo in nylon utilizzando la tecnologia di sinterizzazione laser selettiva (SLS). Inoltre, per aiutare la squadra a produrre e assemblare correttamente la grafica, ogni pezzo aveva un numero stampato nell’angolo in alto a sinistra.

Questo display particolarmente originale trae ispirazione anche dal sorprendente movimento pixel art degli anni ’70, che divenne in gran parte popolare dopo che gli sviluppatori di giochi iniziarono ad usarlo per i design dei giochi negli anni ’80 e ’90. Lo stile dell’arte granulare è stato utilizzato in molte opere d’arte, come le versioni LEGO della pop art classica e iconica, mentre numerosi artisti hanno incorporato la tecnologia di stampa 3D per generare rendering più personalizzati della loro visione, come l’ artista svizzero Mark Bern , che è diventato astratto lavorare in grafica 3D altamente pixelata.

Le attività ricreative di opere d’arte famose non sono nuove, ma attraverso la stampa 3D , gli esperti sono stati in grado di offrire agli amanti dell’arte, studenti e turisti nuovi modi per apprezzare opere secolari, anche aiutando verso buone cause, come offrire ai non vedenti un’opportunità unica per sperimenta i capolavori creando progetti tridimensionali di immagini bidimensionali .

Dal momento che la Gioconda è stata storicamente un grande pubblico al Louvre, possiamo aspettarci che questo nuovo rendering del dipinto attiri molta attenzione e ampio interesse. Come ultima aggiunta al Museo culturale della stampa 3D, la grande grafica pixel condividerà lo spazio con migliaia di creazioni della tecnologia di stampa 3D in una vasta gamma di settori e campi del design, dai tavolini e dalle lampade in nylon stampati in 3D alle ceramiche, persino ai gioielli e opere d’arte in metallo come una luna e un sedile di loto realizzati con SLM.

Costruito sopraex sito del n ° 3 lanificio tessile di Shanghai nel nord del distretto di Baoshan nel 2017, il museo è stato trasformato nel primo complesso scientifico e culturale della città con tecnologie di stampa 3D. Ospitando oltre una dozzina di seminari di artisti e oltre 300 aziende globali impegnate nella stampa 3D, nella micro-produzione intelligente, nella realtà virtuale, nella realtà aumentata e nella robotica dell’intelligenza artificiale, il sito è molto più di un luogo da esplorare per turisti e visitatori. Acquistando macchine da stampa 3D e altre tecnologie, il parco è diventato un sito di riferimento per le aziende startup che stampano i loro progetti. Le porte del museo sono generalmente aperte anche alle aziende che desiderano introdurre nuove tecnologie per i clienti. Oltre alla sala espositiva, il museo è completo di un centro di ricerca e ricerca sulla stampa 3D,

Mettendo in mostra la pixelata Mona Lisa, il museo sta esplorando come sfruttare la tecnologia di stampa 3D per migliorare l’industria dell’arte , allontanandosi dalle esperienze visive convenzionali e incorporando una diversa interpretazione di un’opera ampiamente riconosciuta. Gli esperti del museo hanno cercato di imitare il design di Da Vinci in bianco e nero e le impercettibili transizioni tra luce e ombra che hanno portato alla colorazione unica e alle illusioni ottiche che continuano a richiamare così tanta attenzione sul sorriso enigmatico del soggetto nel dipinto. La realizzazione pixelata renderà un’esperienza diversa e memorabile per i visitatori del museo e un passo avanti per la comunità cinese della stampa 3D mentre continua ad esplorare le capacità della tecnologia.

Be the first to comment on "l Museo culturale della stampa 3D in Cina ha stampato in 3d il quadro de La Gioconda di Leonardo da Vinci in versione pixelata"

Leave a comment