L’ Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) ha utilizzato la stampa 3D per produrre l’intera struttura meccanica di un telescopio UV cosmico per la Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

Stampa 3D utilizzata dai ricercatori italiani per produrre il telescopio UV cosmico della Stazione Spaziale Internazionale
“Ora è chiaro come la stampa 3D possa contribuire in modo significativo al futuro successo e al progresso tecnologico della ricerca scientifica.”

L’ Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) ha utilizzato la tecnologia di stampa 3D FDM di Stratasys per produrre l’intera struttura meccanica di un telescopio UV cosmico per la Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

Il telescopio Mini-EUSO è stato sviluppato nell’ambito di un accordo bilaterale ad hoc tra l’Agenzia Spaziale Italiana e l’Agenzia Spaziale Russa “Roscosmos” e studierà le emissioni UV terrestri e cosmiche della ISS per i prossimi tre anni. È stato recentemente lanciato nello spazio a bordo di un razzo Soyuz e posizionato con successo su una finestra rivolta verso terra del modulo russo Zvezda della ISS.

Sfruttando i materiali Fortus 450mc e ULTEM 9085 di Stratasys, INFN è stata in grado di produrre un telescopio in grado di soddisfare i severi requisiti di certificazione dell’industria aerospaziale e della ISS, pur resistendo alle sollecitazioni meccaniche e alle vibrazioni durante il lancio del razzo Soyuz. Inoltre si è rivelato più leggero di un precedente prototipo in alluminio e ha anche fornito un migliore isolamento per le correnti elettriche interne.

“L’utilizzo della stampa 3D Stratasys FDM durante la produzione della struttura meccanica del Mini-EUSO ci consente di ridurre il costo complessivo del progetto di un fattore dieci, oltre a farci risparmiare circa un anno intero di tempo di sviluppo”, Marco Ricci, Lead Ricercatore presso Laboratori Nazionali di Frascati INFN e INFN Country Manager per la collaborazione EUSO SPB2 Italia. “È un risultato incredibile per noi che devo dire che non mi sarei mai aspettato dalla stampa 3D”.

Espandere
Telescopio ISS Stratasys
Modello di volo Mini-EUSO stampato in 3D, la cui struttura è stata prodotta in resina ULTEM 9085 utilizzando una stampante 3D Fortus 450mc Stratasys.

Il Mini-EUSO è stato distribuito a bordo della ISS per produrre una mappa della Terra ad alta risoluzione nella gamma UV (300-400 nm), che serve per far avanzare la ricerca sui raggi cosmici e come un importante esperimento per future missioni spaziali. Registra tutti gli oggetti spaziali e atmosferici a portata di vista, che possono includere emissioni UV dalla terra, eventi luminosi transitori, meteore e altri detriti spaziali.

“Ora stiamo analizzando i primi dati registrati da Mini-EUSO e i risultati sono molto promettenti”, ha aggiunto Ricci. “Dal punto di vista di un ricercatore, sono estremamente orgoglioso del modo in cui il progetto è stato eseguito e molto entusiasta dei risultati raggiunti. Per me, è chiaro ora come la stampa 3D possa contribuire in modo significativo al futuro successo e al progresso tecnologico della ricerca scientifica. “

INFN ha diverse macchine Stratasys FDM situate nella sua filiale Laboratori Nazionali di Frascati (LNF) e ha recentemente installato la capacità PolyJet.

Be the first to comment on "L’ Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) ha utilizzato la stampa 3D per produrre l’intera struttura meccanica di un telescopio UV cosmico per la Stazione Spaziale Internazionale (ISS)."

Leave a comment