Kumovis e la stampante FDM medica ad alta temperatura

Kumovis ha lanciato una stampante FDM medica ad alta temperatura. Questa è una nicchia molto interessante per loro : il PEEK è un materiale ad alte prestazioni molto popolare che può essere utilizzato per gli impianti nel corpo umano. Fino ad ora, per la stampa delle parti in PEEK veniva utilizzata principalmente la fusione del letto di polvere. Attualmente, ci sono una decina di aziende nel settore medico / biopinting e una ventina di stampanti 3D ad alta temperatura. La  Kumovis è l’unica  sia medica  che ad alta temperatura. Penso che questa sia una nicchia brillante  per loro.

Alex Henhammer ha dichiarato : ” La stampante sarà disponibile in due versioni. La cosiddetta linea R & D è studiata per scopi di ricerca e sviluppo e inizieremo a commercializzarla nel mese di giugno 2019. Attualmente produciamo il prodotto in pre-serie, che testeremo insieme ai nostri clienti pilota. La linea di produzione, conforme agli standard di produzione medica, è attualmente in fase di sviluppo. Un primo progetto pilota inizierà nel 2019 e puntiamo alla commercializzazione nel 2020. ”

Il nostro obiettivo è fornire un sistema di stampa 3D compatto con bassi costi di investimento e spreco di materiale per applicazioni mediche. Di conseguenza, i nostri principali gruppi di clienti sono produttori di dispositivi medici e relativi fornitori. Tuttavia, la linea R & D può essere utilizzata in una vasta area di applicazioni e si rivolge a qualsiasi settore o ricerca che necessiti di una stampante 3D per polimeri ad alte prestazioni.

Abbiamo progettato l’intero sistema rispettando le normative mediche sin dall’inizio. Ci siamo concentrati su due aspetti principali: Il Thermal Processing: Dal nostro punto di vista, la lavorazione dei materiali termoplastici deve iniziare con un perfetto controllo del processo termico. Per aumentare le opzioni di regolazione, non solo stampiamo in una camera di costruzione riscaldata, ma abbiamo anche integrato un flusso d’aria laminare che scorre intorno alla parte in modo omogeneo. Un flusso d’aria aggiuntivo a temperatura controllata può essere utilizzato localmente. Entrambi i flussi d’aria sono regolabili tra 20 ° C e 250 ° C. Questo aiuta a prevenire la congestione del calore e successivamente migliora la cattiva qualità ottica. In breve, questo porta a effetti di deformazione ridotti al minimo, una maggiore adesione dello strato e buoni risultati ottici. Produzione medica: per soddisfare i requisiti medici, abbiamo integrato un ambiente per camere bianche nel nostro sistema di stampa 3D. Ciò esclude la contaminazione da particelle in potenziali prodotti medici come impianti specifici per paziente. In combinazione con il monitoraggio dei processi su misura per le normative mediche, perseguiamo un processo riproducibile per la produzione di serie mediche personalizzate.

Con che tipo di materiali è possibile stampare?

“Attualmente ci concentriamo sull’elaborazione di PEEK e di altri polimeri correlati alla medicina come PEKK, PEI, PPSU o PA. In generale, forniamo un sistema aperto che offre grandi opportunità per quanto riguarda le proprietà termiche per la fabbricazione di qualsiasi materiale termoplastico. ”

Con la generazione attuale, la gestione termica della camera delle stampanti 3D ad alta temperatura è il problema principale. Mancanza di controllo sulla temperatura della camera e variazioni nella temperatura della camera significa che si verificano problemi con la cristallizzazione o la qualità generale delle parti. Le parti si riscaldano e si raffreddano in modo non uniforme, il che potrebbe causare parti deformate o errori di costruzione. Generalmente, tutte le stampanti ad alta temperatura potrebbero trarre vantaggio da una maggiore sensibilità e un migliore controllo sull’intera camera. Il fatto che il team presti particolare attenzione al flusso laminare potrebbe avere conseguenze interessanti. Questo sembra un approccio solido per la squadra. Se qualcuno mi chiedesse che tipo di stampante vorrei fabbricare, sembrerebbe molto simile a questo.

Be the first to comment on "Kumovis e la stampante FDM medica ad alta temperatura"

Leave a comment